Arte a Milano: nella galleria Dep Art ci si perde nella forma pura fino al 29 settembre

Avatar
3 luglio 2018
100 Condivisioni 1570 Visualizzazioni

La galleria Dep Art di Milano ospita fino al 29 settembre la mostra di Wolfram Ullrich: Puro Colore, Pura Forma. L’arte a Milano diventa un’esperienza mistica.

 

Per l’artista di Stoccarda Wolfram Ullrich, questa sarà la prima personale in Italia. Le opere sono particolarmente suggestive: si tratta di pannelli in acciaio dipinti in acrilico che vengono assemblati su segmenti, per creare così delle scatole piatte.

Il colore è omogeneo, le forme geometriche ed essenziali. La visione dell’opera cambia incredibilmente a seconda della prospettiva di osservazione. Frontalmente appare bidimensionale, ossia un dipinto, che ricorda il Suprematismo russo. Ruotando verso il lato, però, si apprezza la tridimensionalità dell’opera. Insomma, ci si rende conto di essere in realtà al cospetto di una scultura.

Lo scopo dell’artista è di creare continuamente nuove prospettive e nuove visioni del mondo tramite l’osservazione delle opere. In questo senso vi è quindi un’altra chiave di lettura: la scultura diventa un’installazione.

 

La pura forma, da un’accezione inizialmente bidimensionale, diventa poi tridimensionale fino a far perdere lo sguardo dell’osservatore nell’infinito e a farlo entrare, così, nell’universo della forma stessa. L’arte a Milano come viaggio iniziatico.

La semantica dell’artista è, quindi, polifonica: le opere non possono essere catalogate come dipinti o sculture o installazioni. Sono  un vettore somma dei possibili linguaggi artistici. Un aspetto questo che fa di Wolfram Ullrich un innovatore e non un manierista di stili già diffusamente esplorati il secolo scorso.

 

LEGGI ANCHE:

Milano Design Week 2018, un bilancio: il turismo a Milano è ufficialmente diventato cool

Le migliori zone di Milano dove investire. Un’inchiesta per Millennial lungimiranti 

La reazione dei radical chic alle elezioni 2018? Viaggio politicamente scorretto nella Milano post 4 marzo