Delirio cannabis: il cbd alla base di tutto il cristianesimo?

8 luglio 2018
3 Condivisioni 156 Visualizzazioni

Citata due volte nell’Antico Testamento, la kaneh-bosem, l’erba con cui si faceva l’olio per i malati sarebbe un derivato della cannabis

David Bienenstock dev’essere uno di quei giornalisti inglesi che amano spararla grossa. Però ha credito da parte del giornale “intelliggente” The Guardian che dunque ha sparato in grande la sua teoria: Gesù e gli apostoli potrebbero aver usato olio di cannabis per miracoli e guarigioni. Per l’esperto la cannabis era ampiamente disponibile in tutto il Medio Oriente già 2mila anni fa e si usava per curare i malati. Ci sta che l’abbia fatto anche Gesù.

Kaneh-Bosm
Citata due volte nell’Antico Testamento, la kaneh-bosem, l’erba con cui si faceva l’olio per i malati è un ingrediente che, secondo Bienenstock, è un derivato della cannabis: di fatto probabilmente il principio attivo più efficace era il cannabidiolo, il cbd: «Applicato sulla pelle, aiutava a curare malattie fisiche e mentali molto prima della nascita dei farmaci».

Ma gli storici contestano le tesi di David Bienenstock: che il kaneh-bosm fosse un estratto di cannabis è tutto da dimostrare. Ma Bienenstock, autore di libri pro marijuana, afferma che le pratiche di guarigione basate sull’olio di cannabis con cbd e thc erano comuni 2mila anni fa: «I documenti storici mostrano che all’epoca la cannabis era ampiamente disponibile».

Le popolazioni agricole e nomadi dell’epoca, sapevano dunque come coltivarla e come sfruttarne le proprietà medicamentose. Non c’è nulla di diverso nell’efficace olio di cannabidiolo, il cbd, usato oggi.

Di che cosa si fanno, sti storici?

Bienenstock però incassa l’appoggio di un guru della storiografia psichedelica: Chris Bennett. Sulla autorevole rivista statunitense Drug Times, Bennett scrive: «Gli antichi erano unti da questa potente miscela. L’uso medico della cannabis in quel periodo è dimostrato anche dalla scienza archeologica».

La versione ebraica della ricetta dell’olio sacro conteneva quasi 3 chili di un’erba, appunto la kaneh-bosm. Gli storici concordano nell’identificare la pianta come il calamo aromatico, erba palustre chiamata anche Canna odorosa.

E i miracoli?

Gli effetti dell’olio benefico contenente cbd spiegherebbero secondo Bienenstock i miracoli di Gesù: «A quel tempo la scienza non capiva come o perché funzionasse quell’olio. Probabilmente le guarigioni erano considerate miracoli». E qui, però, ci fermiamo: l’idea che basti una canna a spiegare 2mila anni di cristianesimo rischia di diventare la madre di tutte le fake news.

Leggi anche:

Perché il cbd, ovvero il cannabidiolo della marijuana light è una fissa millennial

Il senso della droga per il cioccolato

Droghe di guerra, come sarebbe finita senza?

In Islanda non si fuma più cannabis, e perché mai?

 

Potrebbe interessarti

Sono Giapponese! Lesson 39. Come preparare sashimi supremo? Ecco come fanno nei migliori ristoranti di Tokyo
Appuntamenti
8 condivisioni167 visualizzazioni
Appuntamenti
8 condivisioni167 visualizzazioni

Sono Giapponese! Lesson 39. Come preparare sashimi supremo? Ecco come fanno nei migliori ristoranti di Tokyo

Kentaro Hara - 22 luglio 2018

Volete sapere tutto su come preparare sashimi a Tokyo? Io l’altro giorno ne ho visto uno di livello supremo e…

CR7, il Gay Pride, la tartaruga di Ronaldo, la Bagnacauda, Süskind e i chihuahua arcobaleno
Relazioni
1 condivisioni110 visualizzazioni
Relazioni
1 condivisioni110 visualizzazioni

CR7, il Gay Pride, la tartaruga di Ronaldo, la Bagnacauda, Süskind e i chihuahua arcobaleno

The Millennialist - 21 luglio 2018

Per la serie Il Veterinario bastardo, ecco il commento all'ultima moda dei Gay Pride: il pet arcobaleno. «Non chiedetemi se…

Le migliori frasi da postare su estate e vacanze
Lifestyle
3 condivisioni74 visualizzazioni
Lifestyle
3 condivisioni74 visualizzazioni

Le migliori frasi da postare su estate e vacanze

The Millennialist - 20 luglio 2018

Tempo di cazzeggio, di vacanze spensierate, estate millennial. Che cosa diamine si può scrivere nei post di Instagram ecc? L’estate…