fbpx

Com’è vivere a Dubai? Clima, stipendi e qualità della vita

11 Maggio 2024
344 Visualizzazioni

Dubai, situata negli Emirati Arabi Uniti, è una metropoli cosmopolita che ogni anno attira milioni di persone da ogni angolo del globo. La città offre incredibili opportunità di carriera e qualità di vita, distinguendosi come un centro urbano moderno e affascinante capace di offrire in egual misura servizi e attrazioni.

Proprio per questi motivi ad oggi la popolazione della città è composta per il 90% di cittadini stranieri, ciò crea un ambiente inclusivo e accogliente dove è facile inserirsi.

Vivere a Dubai: alcune considerazioni

Dubai è annoverata tra le città più sicure del mondo, con un tasso di criminalità praticamente inesistente. Questo fattore, insieme alla sua mentalità aperta verso gli stranieri, rende Dubai una meta allettante per coloro che cercano una nuova dimora, per chiunque abbia una buona conoscenza delle lingue straniere e ottime competenze questo è uno dei posti ideali dove cercare lavoro e una nuova vita.

Il costo della vita a Dubai

Una delle spese più significative a Dubai è rappresentata dall’affitto. Affittare un appartamento richiede un budget di almeno 900€ al mese, mentre l’acquisto di una casa comporta un costo medio di 2000€ al metro quadro. Le spese per le utenze mensili sono in linea con la media italiana. 

Per chi proviene dall’Italia è anche importante ricordare che Dubai non dispone di un sistema sanitario pubblico ed è proprio per questo che tantissime aziende offrono pacchetti assicurativi ai propri dipendenti.

Lo stipendio medio a Dubai

L’incredibile vivacità della città e la sua forte economia si riflette anche negli stipendi medi che un lavoratore può aspettarsi di recepire. Attualmente, il salario medio a Dubai si aggira intorno ai 2600€ al mese, ma questo rappresenta solo l’inizio delle possibilità retributive disponibili. 

Infatti, con un minimo di esperienza e anzianità è possibile guadagnare cifre che si aggirano in media intorno ai 4000 euro mensili. Questo è il risultato di un’economia forte e dinamica, sostenuta da settori come il turismo, l’edilizia e quello finanziario, che contribuiscono notevolmente alla prosperità della città.

Alcune posizioni partono da una base di circa 1200-1500 euro al mese, che costituisce un buon punto di partenza in un mercato del lavoro altamente dinamico. Settori come l’industria petrolifera e l’informatica sono tra i più redditizi.

 Il clima di Dubai

Dubai è nota non solo per le sue opportunità economiche e culturali, ma anche per il suo clima distintivo che influenza la vita quotidiana dei residenti. Situata in una zona desertica, vanta un clima subtropicale arido caratterizzato da inverni miti ed estati estremamente calde.

Durante i mesi invernali, che vanno da novembre a marzo, le temperature diurne si aggirano generalmente tra i 20°C e i 30°C, tuttavia, è durante l’estate che il clima di Dubai rivela la sua vera natura. Da aprile a ottobre, le temperature diurne possono raggiungere e superare i 40°C, con punte che sfiorano i 45°C o più in luglio e agosto. L’umidità può essere elevata, rendendo l’aria calda ancora più opprimente. 

Come trasferirsi a Dubai

Trasferirsi in modo permanente a Dubai richiede un processo formale di ottenimento del visto di residenza e del documento d’identità emiratino. Il visto di residenza può avere una validità che varia da 2 a 10 anni, a seconda della durata richiesta e dell’idoneità del richiedente. I documenti necessari per l’ottenimento sono:

  • Una fototessera;
  • Una copia del passaporto;
  • Il modulo di richiesta del documento d’identità emiratino;
  • Un test medico;
  • Il permesso d’ingresso;
  • La prova di assicurazione sanitaria.

Ottenere il visto di residenza offre il diritto di residenza a lungo termine e consente di aprire un conto bancario locale, godere di agevolazioni fiscali, accedere alle istituzioni finanziarie, richiedere la patente di guida locale, stipulare contratti di locazione, usufruire dei servizi sanitari e assicurativi, iscrivere i figli nelle scuole locali, godere dei diritti lavorativi e sfruttare le opportunità di investimento.

Esistono diverse vie per ottenere il visto di residenza negli Emirati Arabi Uniti. Tra queste vi sono la costituzione di una società sul suolo emiratino, l’ottenimento di un contratto di lavoro con un datore di lavoro locale, la sponsorizzazione da parte di familiari residenti, l’iscrizione a un istituto di istruzione o università, il trasferimento di pensione o investimenti significativi nel paese.

Infine, per chi sta decidendo di trasferirsi a Dubai contare su un servizio di spedizioni e traslochi come https://www.blissmoving.it/traslochi-estero/mondo/emirati-arabi/ è essenziale perché permette di concludere senza stress il processo grazie a un’azienda che conosce bene la tratta e le norme doganali.