fbpx

Il nuovo quartier generale di LEGO in Danimarca, perdizione per millennial

19 Aprile 2022
243 Visualizzazioni

Galeotto fu Ed Sheeran, che cantando “LEGO House” ha fatto battere il cuore dei millennial all’impazzata. No, non parliamo di amore romantico, ma di una vera e propria attrazione nostalgica per l0iconico mattoncino, che non conosce età e limiti. Non bastavano i parchi a tema, anche il nuovo quartier generale dell’azienda sembra essere una vera e propria figata (sì, avete capito bene).

A Billund, in Danimarca, LEGO Group ha appena inaugurato la nuovissima sede, un insieme di stabilimenti di 54.000 mq, che comprendono (tra le altre cose): cinema, ambulatorio, zone di attività all’aperto e uffici. Il quartier generale accoglierà circa 2000 dipendenti, il progetto è stato realizzato dal gruppo di architetti C.F. Møller, con l’intento di “creare un posto di lavoro lontano da casa che sembri casa”, e sembra essere un vero paradiso per i millennial, curiosi di sapere cosa c’è dentro? 

La “People House”, il cuore del nuovo quartier generale LEGO

“Riflettendo i valori del Gruppo LEGO (immaginazione, divertimento, creatività, cura, apprendimento e qualità) il Campus è stato progettato per fornire un ambiente giocoso, inclusivo e collaborativo, che consenta ai dipendenti di sviluppare le migliori esperienze di gioco per i bambini di tutto il mondo il mondo”, ha scritto LEGO in un comunicato stampa. L’elemento centrale del quartier generale è la “People House”, uno spazio ibrido in cui i dipendenti e le loro famiglie possono riunirsi durante e dopo l’orario di lavoro. Etichettata come un “luogo per il relax, l’ispirazione e la ricarica”, la People House dispone di un enorme studio fitness con un campo polivalente, alloggio per le famiglie degli impiegati LEGO in visita, un laboratorio creativo, cinema, cucina comune, clinica sanitaria, parco e zone di attività all’aperto. 

“I dipendenti ci hanno detto che volevano la libertà di scegliere un ambiente più adatto a loro per qualsiasi cosa stessero lavorando, ma che gli piaceva anche stare vicino ai colleghi di lavoro – ha spiegato in un post Anneke Beerkens, antropologa del gruppo LEGO – Abbiamo quindi costruito dei ‘quartieri‘, un mix di spazi di lavoro individuali e collaborativi progettati per creare un ambiente di cura”.

Il quartier generale di LEGO è un campus sostenibile

In Danimarca prendersi cura del pianeta è una missione collettiva, per questo creare un ambiente eco-friendly non è mai un’opzione, ma un must. Sostenibilità è stata la parola d’ordine durante la fase di costruzione, molti elementi decorativi e di design sono stati aggiunti e progettati secondo direttive precise, per ottenere la certificazione LEED di livello Gold. Per realizzare il campus è stato utilizzato uno speciale pannello in fibra di gesso che ha fatto risparmiare 650.000 kg di emissioni di CO2. I mobili da esterno sono stati realizzati riciclando 5.000 kg di mattoni LEGO di scarto, e non potevano mancare i pannelli solari, installati sopra i parcheggi. 

Anche la biodiversità è stata rispetta: all’interno e attorno al campus è stata piantata della vegetazione autoctona, i giardini sono auto-irriganti, e non si scherza nemmeno quando si tratta di spazzatura. Secondo il blog Quartz at Work, i rifiuti prodotti dagli uffici vengono smistati in 10 diverse categorie.