fbpx

Psicologia del packaging e percezioni di branding. Come scegliamo il nostro cibo?

25 Ottobre 2022
1059 Visualizzazioni

Più si osserva un prodotto e più sarà alta la probabilità che venga scelto a discapito di altri. Seguendo lo sguardo dei consumatori scopriamo i segreti della psicologia del packaging: quale forza motrice ci guida nelle scelte al supermercato?

Percezioni di branding dei prodotti alimentari utilizzando l’Eye Tracker è uno studio condotto dal dottor Francesco Pinci presso il CoSMIC Lab dell’Università degli studi di Roma Tre. La ricerca si basa su un metodo di indagine misto, sia qualitativo che quantitativo, che prevede l’utilizzo di sondaggi e di eye tracker, dispositivi che proiettano luce nell’occhio calcolandone la posizione e identificando il focus dello sguardo.

Colore, confezione e logo: l’estetica degli spaghetti

Si osservano le reazioni dei consumatori alle confezioni di spaghetti di tre brand italiani distribuiti da Eataly: Afeltra, Granoro e Rigorosa. La ricerca si concentra su alcuni dettagli visivi dei brand: colore, materiale della confezione, trasparenza e logo influenzano sensibilmente le scelte dell’acquirente che si aggira per le corsie del supermercato. Per valutare l’effettiva risonanza psicologica di questi elementi estetici dei packaging di pasta sono stati utilizzati i Google Modules e il software eye tracker iMotions.

Studiare la psicologia del packaging

Gli individui che si sono sottoposti al test hanno dovuto, in un primo momento, compilare un questionario con domande inerenti al sesso, all’età e alla nazionalità. Nella seconda fase hanno poi osservato, per circa venti secondi, un’immagine raffigurante tre diversi tipi di confezioni di spaghetti. Qui l’eye tracker ha svolto il suo lavoro, raccogliendo i dati sui movimenti oculari del candidato. Ultimo step, la domanda: «Quale elemento pensi abbia influenzato la tua scelta?», facendo riferimento a colore, marchio, trasparenza, logo, qualità. Le possibilità di risposta contemplavano valori da 1 a 4. 

I risultati? Aziende, investite sui graphic designer

I dati hanno evidenziato l’importanza dell’attenzione dei partecipanti agli elementi estetici nella scelta del prodotto ideale. I risultati sono particolarmente importanti per le aziende alimentari, poiché permettono di avere una visione chiara del comportamento del consumatore nella valutazione dell’acquisto.

Il design, il colore e le informazioni riportate sulla confezione guidano l’acquirente. Afeltra, il marchio che propone un packaging blu intenso con uno spacco sul prodotto, è il brand che ha riscosso la maggior attenzione e su cui i partecipanti hanno trascorso più tempo con lo sguardo. Granoro è al secondo posto, con un packaging celebrativo dei colori del grano che si concentra sulla natura e sulla qualità dell’alimento, mente la Rigorosa risulta essere l’ultima opzione per i candidati sottoposti alla ricerca. Il colore, in questo caso, ha impattato negativamente, mentre il nome del brand risulta essere il punto di forza, un aggettivo che ispira fiducia nel consumatore.  

Psicologia del packaging



Lo scopo dello studio è quello di fornire informazioni preziose alle aziende alimentari che puntano a un pubblico ampio, trans-generazionale ed esigente. Strategie di branding e focus sul marketing: aziende, per la crescita del business puntate su graphic designer e content editor.

Leggi anche: