Totò Riina: morto per colpa di un avocado!

24 novembre 2017
8 Condivisioni 503 Visualizzazioni

Ecco tutta la verità, e nient’altro che la verità, sulla morte del boss del boss Totò Riina!

Nella notte tra il 16 ed il 17 novembre si è spento il capo dei capi della mafia: il Totò tristemente nazionale in carcere per quei due o tre capi d’accusa ben noti alla totalità degli italiani.

Ciò che invece ignorano in molti è la causa della morte di Totò Riina. Malato da tempo è stato stroncato da un avocado.

“Un avocado? Sarà un refuso intendevate avvocato forse? Quello che non è riuscito a fargli schivare il carcere e con cui magari Totò Riina stava dialogando in chat WhatsApp nel gruppo Più Pizzini per Tutti? ”

No, caro il nostro millennial, l’avocado con la buccia verde, quello che usi per la guacamole. Perché l’avocado, udite udite, è il nuovo frutto proibito dei narcos messicani! L’oro verde controllato dai signori della droga sud americana che hanno trovato, in questo ingrediente indispensabile per una tacos di livello, una nuova fonte di guadagno.

Non inventiamo, non scherziamo, non esageriamo. E dato che siete più miscredenti di San Tommaso – che se non tocca e non vede non crede – acchiappatevi il Video di SkyTg24 e, in particolare, dal minuto 18 circa:

http://video.sky.it/news/mondo/skytg24-mondo-avocado-nuovo-business-dei-narcos-messicani/v382501.vid

Ma cosa centra il nostro Totò? Domanda da profani ovvio… da gente onesta che certe cose, proprio, non può capirle.

Immaginate di essere disonesti, criminali, assettai di potere, sanguinari e mitomani; pensate che la vostra gloriosa carriera sia legata a omicidi, droga, prostituzione, ricatti, rapimenti; pensate di essere il Gru prima maniera (ante Minios) di Cattivissimo Me e allora capirete!

Non puoi arrivare alla fine di questa onorata carriera e pensare di ingaggiare una nuova lotta intercontinentale a suon di chat Pizzini per Tutti per accaparrarti un nuovo business in ascesa collegato all’avocado! Ca++o l’avocado no! E’ troppo onesto! Mi rovina la fedina penale! E allora, il nostro Totò, tra lo sconfortato ed il depresso decide che è ora di andare all’Inferno (o al Paradiso per gli abitanti di Corleone) e di lasciare questo mondo ormai incomprensibile.

Ed ora le domande sorgono spontanee:

Le ricette per una guacamole perfetta sono sponosrizzate dai narcos mex?

Sonia Peronaci lasciò il suo Giallo Zafferano perchè ricattata dai narcos per avere ancora più ricette a base di avocado?

Dobbiamo boicottare i ristoranti messicani?

Ma sì dai… non è neanche un gran danno rinunciare a questo frutto! Perché come disse una volta un fruttivendolo vendendo un avocado: ” Ma sì, che tanto sto coso se non è condito non sa di niente”!

Amen! Totò Riina, forse, questa volta ne hai fatta una giusta…

Ma sì dai.. facciamoci un drink senza cannare impugnatura:

 

LEGGI ANCHE:

La banda del panino è pronta a entrare in azione

Due o tre regole per imparare a tenere in mano il bicchiere 

Guida ragionata agli alcolici in Grecia

 

Credit Immagine Unsplash

 

Potrebbe interessarti

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!
Internet
24 visualizzazioni
Internet
24 visualizzazioni

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!

Anna Giulia Bevilacqua - 14 dicembre 2018

Il 2018 volge al termine ed è arrivato il momento di tirare le somme. Ma, se per la vostra vita…

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta
News
2 condivisioni24 visualizzazioni
News
2 condivisioni24 visualizzazioni

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta

The Millennialist - 13 dicembre 2018

Il cantante di Cinisello è colpevole o innocente nel caso della tragedia di Corinaldo? All'indomani della tragedia di Corinaldo, mancava…

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte
Arte
8 condivisioni46 visualizzazioni
Arte
8 condivisioni46 visualizzazioni

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte

Valeria Mangano - 13 dicembre 2018

Se dico Il nome della Rosa probabilmente pensate prima a Sean Connery e solo dopo a Umberto Eco. Questo perché…