Vivere a Dergano tra le pieghe del “Pluritempo”. A Milano il progetto di rinascita urbana inizia dall’unione della comunità intorno all’arte

15 Maggio 2024
711 Visualizzazioni

A nord di Milano è attivo un progetto di riqualificazione artistica e aggregazione culturale che mira a far fiorire Dergano, il sobborgo che vanta la presenza di una forte spinta artistica, eccezionalmente genuina. Nulla a che vedere, a detta di alcuni dei suoi fieri abitanti, con il consumismo della ormai gentrificata Isola.

È il collettivo artistico DustyEye che si pone come forza accentratrice di questo movimento culturale e comunitario che mette al centro la città, con l’obiettivo di implementare il suo potenziale urbano e allo stesso tempo creare una rete relazionale proficua a beneficio di abitanti, istituzioni e commercianti. 

La naturale spinta creativa del piccolo quartiere incastonato “tra i due fossati” (riferimento metaforico a Viale Jenner e Via Imbonati, che la separano dai quartieri limitrofi di Affori e Bovisa) si manifesta già da qualche tempo attraverso attività ed eventi culturali di vario genere, a partire creazione di un museo diffuso nei negozi del quartiere fino alle neonate rassegne culturali della “Dergano Tecnomagica”, gli eventi in piazzetta all’insegna dell’arte visionaria dell’”Altrove” organizzate dal già citato collettivo artistico DustyEye in collaborazione con i commercianti locali. 

Il linea con questo movimento, il 17 maggio si terrà la Notte magica di Dergano, una serata che punta a popolare piazze e i parchi del quartiere con artisti che mettono in scena il proprio guizzo creativo dipingendo, scratchando, suonando o semplicemente esponendo nelle strade di Dergano. Sono quattro i nodi  focali del quartiere dove si svilupperà l’evento, che culminerà con una festa in piazza, dove i musicisti di zona accompagneranno con fiati e percussioni le ultime esposizioni artistiche e un momento di convivialità. 

Abbiamo parlato con Jacopo, curatore artistico e portavoce dei DustyEye.

Jacopo, Ci puoi spiegare in breve cos’è DustyEye e perché il collettivo ha deciso di puntare così tanto su Dergano?

Il progetto DustyEye si occupa di arte, ma come puoi immaginare nell’arte capitano le faccende più singolari. Nel caso del progetto DustyEye, agli inizi del 2017 siamo venuti in possesso di una Macchina del Tempo. Per quanto sarebbe più corretto usare il termine Pluritempo. Pare esistano infiniti Futuri possibili, ma anche altrettanti Passati possibili. Quanto al Presente se ne sta nel mezzo, con la rara grazia di una perenne irripetibilità. 

Comunque, dei molti futuri possibili ne abbiamo visto uno dove le cose vanno alla grande, con tanti saluti all’ultimo secolo di fantascienza catastrofista. Ed è in questo stesso futuro che abbiamo visto anche una Dergano traboccante di arte. Se non ricordo male era dalle parti del XXIII secolo. Ecco, La Notte Magica di Dergano cerca di bruciare qualche tappa.

Cos’ha di tanto speciale questo quartiere? 

I biechi speculatori ti parlerebbero dell’impennata nel valore del mattone al metro quadro verificatasi negli ultimi mesi. I cani, al contrario, si focalizzerebbero sulla quantità di parchi e zone verdi che costellano tutta Dergano. 

Ma interpellando un mago la risposta si orienterebbe al copioso flusso energetico emanato da questo meraviglioso borgo metropolitano.

E la notte magica di Dergano? Cosa porterà in città?

Diamo qualche numero: oltre 40 opere esposte in altrettante botteghe, più di 30 artisti invitati, 4 punti d’interesse saturi di arte e musica (Giardini della Resistenza, Piazza Dergano, Via Ciaia e Via Tartini). Poi, un itinerario guidato che parte alle 18.00 dal piazzale della chiesa per scoprire tutti gli artisti a Dergano e gli angoli più magici del borgo. Per chiudere una festa in piazza Dergano a cura dell’associazione Cittadini di Dergano, con la partecipazione di G – Piante e Vino e Sfera. Inoltre un arcobaleno di eventi collaterali gestiti con brioso spirito di decentralizzazione.

Parli di “decentralizzazione”, spiegaci questa filosofia.

Tipo la comunicazione tra i funghi e tra le piante. Tipo il contrario di una piramide gerarchica. Tipo una rete in espansione. Tipo un ecosistema fiorente. Tipo una bilancia con decine di braccia e contrappesi perfettamente equilibrati. 

Ma per esser più concreti, pensa che La Notte Magica di Dergano verrà realizzata senza un singolo euro. Ad alimentarla è la partecipazione volontaria di tutti gli artisti, dei commercianti che espongono le opere, della pagina Instagram @Dergano_Milano che ci sta aiutando nella diffusione. E non dimentichiamoci del Comune, che ha gentilmente dotato Dergano di abbondati luoghi perfetti per la socialità con panchine e vegetazione.

Se l’obiettivo non è guadagnarci, allora qual è?

Il guadagno c’è, ma non è misurabile in denaro. Se proprio del Denaro dovesse arrivare lo farà spontaneamente. 

È poco elegante domandare soldi, ma lo è anche rifiutarli qualora ti vengano offerti. Sconsiglio però di applicare questo spirito in Piazza Affari, sempre che non si voglia azzardare della psichedelia finanziaria.

E se Dergano diventasse la nuova isola?

E se Dergano diventasse la nuova Isola che Non C’è?

Exit mobile version