Libro Guida galattica per autostoppisti. Apocalisse? Don’t panic!

Avatar
2 Aprile 2019
190 Visualizzazioni

Se una mattina vi alzaste e scopriste che un’autostrada galattica deve passare proprio sopra casa vostra e che per farlo la suddetta casa andrà distrutta, come la prendereste? Ecco a voi Guida galattica per autostoppisti.

Arthur Dent, il protagonista di Guida galattica per autostoppisti, la prende malissimo. Per fortuna ha un amico, Ford Prefect, che gli rivela l’imminente fine della Terra e quindi la relatività della perdita. Dato che Arthur non è un nichilista la seconda scoperta lo getta in uno sconforto ancora più nero ma… c’è una soluzione.

L’amico è infatti un alieno buono e porta via Arthur su un’astronave intergalattica, fornendogli anche la Guida galattica per autostoppisti, utilissimo manuale per viaggiatori nello spazio.

Arthur scopre così pianeti lontani, cattivissimi alieni, ma soprattutto viaggia sull’astronave “Cuore d’oro”, dotata di un sistema a propulsione d’improbabilità, insieme al presidente bicefalo Zaphod Beeblebrox, della terreste Trillian e del robot Marvin, affetto da depressione cronica.

Lo scopo del viaggio è approdare sul pianeta Magrathea, dove si trova il progettista della Terra e dove si dovrebbe trovare la risposta fondamentale sulla vita e sull’universo. Non vi svelo quale sia o se venga trovata perché penso dobbiate arrivarci da soli e per gradi.

Posso però dirvi che il romanzo Guida galattica per autostoppisti ci insegna alcune cose fondamentali, che dovreste tenere a mente se intraprenderete un viaggio nell’universo:

  1. I delfini sono molto più intelligenti di noi e pure più cortesi, infatti prima di lasciare la Terra ringraziano “per il pesce”.
  2. Mai, e dico mai, viaggiare senza un asciugamano attraverso le galassie.
  3. Soprattutto ricordate il motto della Guida galattica per autostoppisti, che riassume anni di proverbi popolari delle nonne nella icasticità della frase “Don’t panic”.

 

Se una volta terminato il romanzo vorrete saperne di più, non temete esistono altri quattro volumi che completano la storia e vi renderanno dei profondi conoscitori dell’universo!

 

LEGGI ANCHE:

Ritorna di Samuel Benchetrit: regalo per aspiranti padri con ansia da prestazione

L’amante di Marguerite Duras: solo la deflorazione di una quindicenne?

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte