Jane Eyre libro di Charlotte Brönte: la protagonista più sfigata della letteratura

Avatar
5 Febbraio 2019
336 Visualizzazioni

Jane Eyre libro: la protagonista dell’omonimo romanzo di Charlotte Brönte è senza dubbio uno dei personaggi letterari che accumula più sfighe in assoluto della storia. Ecco perché.

Jane Eyre, orfana e bruttarella, finisce in casa di una zia cattiva con cugini odiosi, poi la mettono in un collegio dove patisce la fame e il freddo, la sua migliore amica muore di tubercolosi ma… Jane sopravvive.

Tutti questi sforzi per finire a fare l’istitutrice a Thornfield Hall, la tenuta di Mr Rochester, proprietario burbero e iracondo.

Per fortuna Jane ha come allieva Adèle, una bimba un po’ fatua ma tanto tanto carina e affettuosa, alla quale cerca di inculcare la basilari nozioni di aritmetica e grammatica.

Nel palazzo del signor Rochester però si odono terribili urla e la governante suggerisce a Jane di chiudersi bene in camera quando va a dormire. Naturalmente la nostra eroina se ne frega e va allegramente in giro a curiosare e a disegnare.

Tutto questo disegnare suscita una certa curiosità in Mr Rochester che si diverte parecchio a stuzzicare la sua istitutrice e a metterla in imbarazzo.

Ora, se Jane fosse stata un minimo più saggia non avrebbe ceduto al fascino da orso del suo datore di lavoro e invece… ci casca come una pera cotta.

E vissero felici e contenti, direte voi. Ma quando mai!

Infatti, in quest’analisi di Jane Eyre libro, non abbiamo tenuto conto del “fattore Brönte”, che potremmo così riassumere: se una storia ha il potenziale per finire bene e senza intoppi state certi che si apriranno le porte dell’Inferno e ne uscirà fuori qualcosa di veramente brutto.

Non vi dico cosa succede a Jane il giorno delle nozze (sì, c’è speranza per tutti) perché sarebbe spoiler, ma vi do un avvertimento semplice semplice: non fate come Jane, evitate di trovare impieghi in lande desolate, in magioni con abitanti imprecisati e senza un buon impianto antincendio regolarmente collaudato a norma di legge. Io vi ho avvertiti.

LEGGI ANCHE:

Il libro La sovrana lettrice trasforma Elisabetta II in una topa da biblioteca

Perché Il grande Gatsby è uno dei libri più equivocati dell’ultimo secolo

Il ritratto di Dorian Gray racconta la vita di un tipico Millennial alle prese con i selfie