Il libro La sovrana lettrice trasforma Elisabetta II in una topa da biblioteca

9 gennaio 2019
6 Condivisioni 262 Visualizzazioni

Nuovo anno, nuovi buoni propositi. Alzi la mano chi non ha detto: “quest’anno vorrei leggere di più”. Bene, signori, questa rubrica oggi vi propone il libro giusto per cominciare a realizzare le vostre ottime intenzioni: La sovrana lettrice di Alan Bennett, un romanzo di un centinaio di pagine edito da Adelphi.

La protagonista del romanzo La sovrana lettrice altri non è se non her Majesty, Elisabetta II, la sovrana più famosa di questo secolo e pure di quello precedente.

Sebbene numerosi film e serie tv abbiano contribuito a raccontarci i lati più intimi della regina, non ultimo le sue lacune a livello di istruzione, il romanzo di Alan Bennett si stacca dal gossip per narrarci una storia semplice, divertente e inaspettata.

Cosa accadrebbe, infatti, se Sua Maestà scoprisse un giorno nel giardino del suo palazzo una piccola biblioteca itinerante e iniziasse a farsi consigliare libri da un ragazzino di nome Norman?

Le conseguenze della passione per la lettura su cene di Stato, visite ai sudditi e sui rapporti con primi ministri e personale di servizio saranno imprevedibili e susciteranno risate davvero incontenibili.

Tuttavia Bennett, maestro del colpo di scena, ci riserva nel finale anche una sorprendente svolta.

Non serve dire di più se non che La sovrana lettrice è un piccolo gioiello narrativo, peraltro breve e ottimo per cominciare in bellezza il 2019.

 

LEGGI ANCHE:

Perché Il grande Gatsby è uno dei libri più equivocati dell’ultimo secolo

Il ritratto di Dorian Gray racconta la vita di un tipico Millennial alle prese con i selfie

La coscienza di Zeno analisi per Millennial: un toccasana per la nostra autostima