Lovesick serie tv. Quando la clamidia (?) ti salva la vita sentimentale (o forse no)

Avatar
8 Agosto 2019
475 Visualizzazioni

Estate, tempo di amori da spiaggia, storie da una notte e via, di flirt in barca o a Torvaianica, secondo le inclinazioni personali, ma mi raccomando: proteggetevi sempre dalle malattie sessualmente trasmissibili, ovvero usate il preservativo (nel caso non fosse stato chiaro). Come insegna Lovesick serie tv.

Piccolo momento di informazione sessuale e trama

A quanto pare Dylan (Johnny Flinn), il biondo protagonista di Lovesick serie tv, non ha fatto molta attenzione perché alla prima puntata scopre di avere la clamidia. Ecco…cos’è la clamidia? Una malattia quasi sempre asintomatica ma che può causare infertilità e gravi conseguenze se non curata in tempo.

Ben consapevole dei rischi della malattia, la dottoressa di Dylan gli consiglia di richiamare tutte le sue ex partner per avvisarle di fare un controllo.

Comincia così, dopo la compilazione di una lista abbastanza corposa di nomi, un tuffo nel passato. Che Dylan compie insieme a Luke (Daniel Ings), l’amico fraterno, ed Evie (Antonia Thomas) coinquilina, amica ma anche amore segreto del protagonista.

Ripercorrendo le storie passate Dylan scopre qualcosa di sé e gli spettatori invece scoprono la storia del gruppo di amici, in una modalità che ricorda molto How I Met Your Mother ma con situazioni meno spinte al limite.

In sottofondo c’è sempre il rincorrersi tra Evie, tormentata e insicura, e Dylan, mentre Luke fa il dongiovanni impenitente, anche se alla fine dimostra pure lui di avere un cuore.

La serie è costituita da tre stagioni: sei puntate per la prima, otto per la seconda e otto per la terza. Se pensiamo che in origine, quando era andata in onda su Channel 4, in Gran Bretagna, non aveva riscosso grandissimo successo…è un bel risultato!

Eppure Lovesick non vi deluderà se cercate una serie a tema sentimentale, sempre che siate appassionati di flashback e di inseguimenti amorosi.

 

LEGGI ANCHE:

The Boys serie tv Amazon ridicolizza il cinecomic, la cinepeste del 2000

Stranger Things 3 recensione a caldo: russi, zombie e stereotipi

Osmosis serie tv: un lentissimo mix tra indagine psicologica e fantascienza