Addio Aretha Franklin: che cosa insegna la sua storia ai (alle) millennial?

16 agosto 2018
3 Condivisioni 213 Visualizzazioni

La “queen of soul” se n’è andata a 76 anni nella città di Detroit. Due o tre cose da sapere per non dire cose tipo: «Ah, quella della musichina di attesa della banca!»

Aretha Franklin, la regina del soul, nota per pezzi cult come Respect e Think, è morta a Detroit all’età di 76 anni dopo un cancro al pancreas che l’aveva colpita nel 2010.

La cantante black aveva annunciato il ritiro dalle scene circa un anno fa. La sua vita e la sua carriera sono state intensissime. Ha piazzato 17 successi nella classifica Top Ten degli Stati Uniti nel corso di sette decenni.

L’ultima esibizione di Aretha Franklin: lo scorso novembre ad un gala a New York tenuto in aiuto della Elton John Aids Foundation.

In una dichiarazione, la sua famiglia ha detto: «In uno dei momenti più bui della nostra vita, non siamo in grado di trovare le parole appropriate per esprimere il dolore nel nostro cuore. Abbiamo perso la nostra capofamiglia, la roccia della nostra famiglia, l’amore che ha espresso per i suoi figli, nipoti e cugini non ha mai avuto limiti».

Nata a Memphis come cantante gospel Aretha Franklin è cresciuta nell’ambiente della musica religiosa, guidata da Mahalia Jackson e Clara Ward. L’etichetta discografica Columbia non sapeva bene come inquadrare la sua voce straordinariamente potente. Così ha dovuto faticare per raggiungere l’apice.

Nel 1968 Aretha Franklin diventò famosa in tutta l’America e in Europa come Lady Soul, simbolo di orgoglio nero. Time le dedicò la copertina e ricevette anche un premio da Martin Luther King in persona.

Al simpatico cameo nella commedia cult The Blues Brothers, sono seguiti numerosi successi negli anni Ottanta, tra cui Who’s Zooming Who? e, in coppia con George Michael, I Knew You Were Waiting (For Me).

Nel 2005 è stata insignita della Presidential Medal of Freedom dal presidente George W. Bush, per “aver emozionato milioni di americani”.

Dieci anni dopo ha fatto piangere Barack Obama con un’interpretazione speciale di You Make Me Feel Like a Natural Woman alla cerimonia del Kennedy Center Honors, da lei stessa inaugurato.

Nonostante di recente non trovasse offerte per lei abbastanza interessanti da compositori e autori, le sue ultime esibizioni erano ancora piene di poesia e di capacità di commuovere le platee.

LEGGI ANCHE:

Giuseppe Calini: il rocker che ha costruito un’autostrada da Legnano all’Alabama

Dal Veneto con furore arriva il rock degli Zagreb: Acme è il nuovo singolo

Veronica Marchi, essere millennial e cantautrice nel 2018

La provincia italiana ci ha regalato le canzoni più belle, scopri quali

Che cosa stanno combinando i Matia Bazar?

Potrebbe interessarti

Elonie Lopes, l’illustratrice millennial che coglie il cambiamento dei canoni estetici
Sesso
5 visualizzazioni
Sesso
5 visualizzazioni

Elonie Lopes, l’illustratrice millennial che coglie il cambiamento dei canoni estetici

The Millennialist - 15 novembre 2018

Sono fondoschiena morbidi, pin up post moderne, su sfondi colorati e femminili: i disegni di Elonie Lopes illustrations svelano più…

Cybercondria: consultare internet per malattie è a sua volta una malattia. Smettila!
Internet
3 condivisioni48 visualizzazioni
Internet
3 condivisioni48 visualizzazioni

Cybercondria: consultare internet per malattie è a sua volta una malattia. Smettila!

Camilla Tombetti - 14 novembre 2018

Abbiamo già parlato di come Internet influisca sulle vite di noi Millennial. La potenzialità del web ci permette di accedere…

Congiura dei pazzi: ecco ciò che devi sapere per parlarne in giro
Arte
2 condivisioni47 visualizzazioni
Arte
2 condivisioni47 visualizzazioni

Congiura dei pazzi: ecco ciò che devi sapere per parlarne in giro

The Millennialist - 14 novembre 2018

Tra storia e fiction, la Congiura dei Pazzi affascina i millennial. Ma occhio agli stravolgimenti della sceneggiatura... La Congiura dei Pazzi gran…