Billy Blu: Il cyberbullismo e non solo raccontato da Marco Sentieri

Avatar
18 Febbraio 2020
706 Visualizzazioni

Il millennial Marco Sentieri scrive testi sensibili e impegnati ma il politicamente corretto premia la trasgressione

Sono passati tanti anni, lo rivede davanti a quel bar ed è impossibile non ricordare come lo trattava a scuola, però vederlo così dimesso, così triste, gli muove il cuore…
Nonostante tutto, nonostante ciò che gli ha fatto gli si avvicina con la mano tesa, ora gli può dare un aiuto perchè l’odio sa che non lascia nulla, si abbracciano e ogni sofferenza legata al passato sfuma.

Intenso, autobiografico e con una storia che resta dentro tutta da raccontare!
Billy Blu è il singolo di Marco Sentieri attraverso il quale viene affrontato un discorso delicato come il bullismo a scuola.

Nell’essenzialità dell’arrangiamento la storia che ci racconta Marco esplode in tutta la sua forza e l’importanza di un testo di spessore dimostra quanto sia fondamentale la bellezza della parola nella musica.

Il bit che sostiene, a livello ritmico, tutta la canzone è delicatissimo e di taglio tipicamente internazionale che, poi, prende forza nei ritornelli mentre un giro di basso, discreto e profondo dà grande supporto al pezzo.

Tappeti di tastiere tinteggiano qua e là l’incedere della canzone e un elegantissimo giro di pianoforte dona eleganza all’arrangiamento.

Semplicemente coinvolgente la performance di Marco che con il suo timbro caldo e profondo alterna momenti “rappeggianti” ad altri molto melodici, ma con al centro un racconto pensato ed interpretato per arrivare dritto al cuore di chi ascolta facendo balenare i fotogrammi della storia come in un perfetto film da gustare ad occhi chiusi!

Da sorbire senza soluzione di continuità perchè le storie vere non stancano mai!

la storia

Il video “Billy Blu” di Marco Sentieri racconta la storia vera vissuta in prima persona dal cantante, cresciuto nella difficile realtà di Casal di Principe (CE) e svela come lo stesso Marco sia stato vittima di bullismo

Il cantante, dopo il successo al Festival di Sanremo, di cui in molti affermano sia “il vincitore morale”, rivela: “Quando affermo che il testo di Artegiani è come se sia stato magicamente cucito su di me, ho precisi motivi per affermarlo: alle elementari e alle medie ho subito innumerevoli atti di bullismo, da parte dei compagni e anche da parte della maestra che, per punizione, mi faceva abbassare i pantaloni davanti a tutta la classe”.

È stato Billy, già
proprio Billy
non è incredibile?
È stato Billy Blu
Billy Blu, Billy Blu
dico sul serio

Magro come un chiodo
occhiali spessi un dito
sopra occhiaie da malato
di un bluastro scolorito
fragile dimesso timido educato
era il più bravo della classe
perciò l’hai sempre odiato
con lui facevi il bullo
perché tu nato nell’oro
gli scaricavi addosso
l’invidia del somaro

E lo chiamavi Billy Blu
pupazzetto animale
e gli sputavi tra i quaderni
lo spingevi per le scale
lui cadeva e tu ridevi
come ride un deficiente
si rialzava e sorrideva
ma non diceva niente
perché lui era più forte
dei tuoi muscoli di cera
e tutta la sua forza l’hai scoperta l’altra sera
sì perché

È stato Billy Blu
Billy Blu, Billy Blu
Billy Blu, ma

Ma la vita è un giustiziere
tutti i bulli adolescenti
poi diventano quegli uomini
dai mille fallimenti
e tu fallito e solo
appena uscito di galera
volevi liberarti da te stesso l’altra sera
e hai bevuto e hai camminato fino all’alba
lungo il fiume senza ne meta ne pace
poi sei salito su quel ponte
un bel segno della croce
ma dietro le tue spalle hai sentito la sua voce

“Hey, ti ricordi di me”
così ti sei voltato
la luce della luna illuminava uno magro
ma l’hai riconosciuto solo quando ti ha sorriso
e ti ha detto “ti aiuto”

Ed era Billy Blu, Billy Blu, Billy Blu
“e dai abbracciami”

Il progetto “Billy Blu” contro bullismo e cyberbullismo approderà presto nelle scuole, con convegni e progetti pedagogici, all’insegna del #siamotuttibillyblu

Leggi la storia di Marco!

LEGGI ANCHE:

Tutte le recensioni di Vainer Broccoli