Don’t Call Me Angel: Ariana Grande, Miley Cyrus e Lana Del Ray sono le Bad Charlie’s Angels

Consuelo Crespi
13 Settembre 2019
344 Visualizzazioni

Nel testo Don’t Call me Angel di Ariana Grande, Miley Cyrus e Lana Del Ray, le famose Charlie’s Angel si sono trasformate. Ora sono demoni della discordia, pronti a combattere un’interminabile lotta di genere.

Vi ricordate le Charlie’s Angels? Serie tv poliziesca americana, che raggiunse le vette del successo all’inizio degli anni 80? Forse non molto.
Sicuramente, se siete dei Millennial come me, ricorderete più facilmente il film degli anni 2000, quello con il cast delle super tope Cameron Diaz, Drew Barrymore e Lucy Liu…. E come dimenticarle!
In ogni caso, sembra che ogni generazione si meriti delle nuove eroine pronte a combattere i mali della propria epoca, e il 15 novembre 2019 uscirà nelle sale il nuovo Charlie’s Angels, con Kristen Stewart, Naomi Scott e Ella Balinska tutte attrici emergenti e amatissime dalle nuove generazioni.

Gli angeli di Charlie del 2019, non sono cambiate solo nell’aspetto ma anche nell’atteggiamento e lo notiamo nel videoclip del brano-colonna sonora del film: il testo di Don’t call me Angel, delle hit girl americane Ariana Grande, Miley Cyrus e Lana Del Rey, uscito oggi.
Le popstar prendono il ruolo delle eroine dello schermo e lo ribaltano:  da aiutanti del misterioso Charlie, ad angeli della discordia, aggressive e grintose nelle loro grandi ali nere. “Don’t call me angel”, “Non chiamarmi angelo, non mi hai preso nel modo giusto”, canta Ariana Grande,  facendoci capire che le cose sono cambiate, che hanno preso il comando e faranno ciò che vogliono, quando vogliono e come vogliono.

La lotta contro il male, nel nuovo film Charlie’s Angels e nel testo di Don’t call me Angel, sembra essersi trasformata in una lotta di genere estremamente forzata: da una parte le donne del 2019 autonome e sicure di sé, dall’altra Charlie e i poteri forti maschili, in una metafora, fin troppo stereotipata, della società moderna.

D’altronde si è voluto rafforzare una tematica già presente, infatti, Charlie’s Angels, già dagli esordi, ha avuto un’impronta femminista molto calcata, che risultava scandalosa verso la fine dei 70 e l’inizio degli 80. La sua riuscita commerciale è dovuta propria all’introduzione di ragazze detective in un genere da sempre caratterizzato da protagonisti maschi. Inoltre, la trama, è da sempre concentrata a dimostrare la forza degli angeli di Charlie, ovvero donne con abilità eccezionali, che si dimostrano più astute ed intelligenti di molti uomini svolgendo il loro lavoro alla perfezione.

Ma nel 2019 questo non basta, gli angeli si devono ribellare e non vogliono più essere considerati tali. Miley Cyrus canta nel testo di Don’t Call Me Angel : “ io guadagno i miei soldi e firmo assegni, quindi di il mio nome con un po’  di rispetto”… insomma Angioletto a chi? Piuttosto prova con demone, bestia di satana, spirito del male, questo è un nome rispettabile.
Oggi la rivoluzione femminista, o meglio il marketing femminista, si basa sul fare le pezze ai nomi e stereotipare un concetto che già era ben chiaro agli inizi degli anni ’80. Come? Cambiando atteggiamenti e dettagli inutili: Bosley, il portavoce di Charlie, diventa magicamente una donna nel nuovo Charlie’s Angel, ad interpetarlo, Elisabeth Banks.

Quindi, se le Charlie’s Angels moderne non vogliono più essere chiamate Angeli, perché non pensare al titolo scelto inizialmente per la serie tv: The Alley Cats, ovvero I Gatti randagi, nome che rispecchia di più le eroine del nuovo film.  Ma si sa la donna moderna è cosi: vuole essere chiamata angelo, ma allo stesso tempo non vuole. Quindi, alla fine, uomini, è sempre un problema vostro…. State attenti, le eroine sono tornate.

Testo Don’t Call me Angel

Boy, don’t call me angel
You ain’t got me right
Don’t call me angel
You can’t pay my price
Ain’t from no heaven
Yeah, you heard me right (Yeah, you heard me)
Even though you know we fly (Though you know we)
Don’t call me angel

Uh, don’t call me angel when I’m a mess
Don’t call me angel when I get undressed
You know I, I don’t like that, boy (Uh)
I make my money, and I write the checks
So say my name with a little respect
All my girls successful, and you’re just our guest

Do I really need to say it?
Do I need to say it again, yeah?
You better stop the sweet talk
And keep your pretty mouth shut

Boy, don’t call me angel
You ain’t got me right
Don’t call me angel
You can’t pay my price
Ain’t from no heaven
Yeah, you heard me right (Yeah, you heard me)
Even though you know we fly (Though you know we)
Don’t call me angel

See you here with somebody
You sizin’ up my body, oh yeah
Don’t you know that I bite when the sun set, yeah?
So don’t you try come around me
Might work with her, but not me, oh yeah
Don’t you know that I bite when the sun set?

Keep my name out your mouth
I know what you about
So keep my name out your mouth, oh yeah

Boy, don’t call me angel
You ain’t got me right
Don’t call me angel
You can’t pay my price
Ain’t from no heaven
Yeah, you heard me right (Yeah, you heard me)
Even though you know we fly (Though you know we)
Don’t call me angel

I appreciate the way you watch me, I can’t lie
I drop it down, I pick it up, I back it off the county line
I fell from heaven, now I’m living like a devil
You can’t get me off your mind
I appreciate the way you want me, I can’t lie
I drop it low, I back it up, I know you wanna think you’re mine
Baby, I totally get it, you can’t guess so
You can’t get me off your mind
We in it together, but don’t call me angel

Boy, don’t call me angel
You ain’t got me right
Don’t call me angel
You can’t pay my price
Ain’t from no heaven
Yeah, you heard me right (Yeah, you heard me)
Even though you know we fly (Though you know we)
Don’t call me angel

Angel
Don’t call me angel (Yeah-yeah, yeah-yeah)
Don’t call me angel

Leggi anche: