Il testo di Sentirmi vivo di Fasma spiega perché siamo ancora fissati con i nostri ex

Consuelo Crespi
17 Febbraio 2020
1418 Visualizzazioni

Fasma ha debuttato a Sanremo giovani col testo Per sentirmi vivo, che spiega perchè non riusciamo a dimenticarci dei nostri ex.

“Non ti voglio più scrivere, dirti come vivere, per non farti piangere, ho fatto l’impossibile”

La prima strofa del testo Per sentirmi vivo di Fasma, è esattamente la frase che il mio ex mi ha sputato in faccia per mollarmi. Era il tipico ragazzo che ogni genitore odierebbe per sua figlia, semplicemente perchè mi faceva piangere ogni mese. Siamo stati assieme 6 anni e ci siamo mollati minimo 20 volte.
Era un calvario, una situazione insostenibile per amici, parenti e soprattutto per noi.
Dopo che ci siamo mollati ho passato anni a leccarmi i dolori che il suo fantasma mi aveva lasciato. Lo facevo nonostante stessi oggettivamente meglio senza di lui, ma questo era ancora più inaccettabile della sua perdita.

Ovviamente, nel frattempo, ho frequentato altri ragazzi, uno in particolare era fantastico. Un ragazzo per bene, intelligente, sensibile, ma soprattutto molto bello, e si prendeva cura di me. La mia famiglia lo adorava e io pure. L’ho frequentato per un anno, prima di interrompere il rapporto. E indovinate? Ho passato i successivi mesi a lamentarmi del suo fantasma, anche se avevo trascorso molto tempo della nostra relazione a fantasticare su quello prima.

 

Viviamo di ricordi difettosi. 

 

Fasma nel testo Per sentirmi vivo canta: “Ma a te sembra facile, dirti che sto bene, quando tutto non va, ed è brutto stare insieme, perché so quello che era e il ricordo mi fa male.”

Ed e’ questo il motivo per cui non riusciamo a dimenticarci dei nostri ex, perchè passiamo i mesi successivi a ricordare male e fantasticare. Rendiamo romantica anche la merda di un vecchio rapporto.
Le litigate diventano momenti poetici, i tradimenti servivano per accendere il fuoco del rapporto, sbriciolava gli snack sul divano di casa semplicemente perchè si sentiva a suo agio. 

Tendenzialmente le relazioni monotone e felici le dimentichiamo più facilmente, al contrario quelle turbolente si trasformano in intrighi romantici degni di un film d’amore. Esageriamo col ricordo dei bei tempi. Ci aggrappiamo alla sensazione di sicurezza e felicità che provavamo. Al comfort di stare con qualcuno che conosciamo in profondità, di cui capivamo perfettamente battute e sguardi. Stare male con lui è meglio che stare bene con uno sconosciuto.

Non ricordiamo la solitudine: “Io ti ho persa dentro il letto, per tenerti vicino” canta Fasma nel testo Per sentirmi vivo. Non ricordiamo la mancanza di connessione o gli scontri intellettuali. Non ricordiamo bene, nulla di tutto ciò. Ma questo è normale, è la memoria umana che è difettosa.

Se mostri alle persone foto false di se stesse mentre fanno qualcosa, inizieranno effettivamente a ricordarsene. Ma anche a corto di ricordi falsi, i nostri veri ricordi funzionano come un telefono senza fili, dove orrore si trasforma in amore.


Esiste una via di fuga?

Qualche notte fa ho sognato il mio ex e mi son svegliata angosciata perchè non voleva tornare con me.  Sono anni che non penso a lui e non capivo da dove saltasse fuori. L’ho raccontato a mia madre che mi ha ricordato: “Non stavi bene quando eri con lui, la vostra relazione era orribile”. Questa frase mi ha ferita: “Come puoi sputare sulla storia d’amore più bella della mia vita?” Volevo dirle.
Ma sono rimasta zitta pensando che forse il problema era nel mio cervello.

Ed in effetti è così, ho capito che i ricordi non sono statici. Ogni volta che pensi ad un evento del passato lo alteri leggermente, in modo che ciò che effettivamente ricordi è l’ultima cosa che hai pensato. Come puoi uscirne?

È più facile affondare le tue emozioni in un fantasma piuttosto che impegnarti con qualcuno di fronte a te. Ed è pure così bello confrontare tutte le tue esperienze, immaginare rapporti che non si sono nemmeno conclusi nella vita reale ma che si avvicinano alla perfezione nella mia mente piena di energia.

Il presente non è mai così romantico, non è mai giocoso, non è mai stabile come ciò che ho già vissuto. Insomma, qualsiasi scusa è buona, pur di rimanere fermi. Non si tratta di avere una persona da amare. Si tratta di avere un fantasma da ricordare, Per sentirci vivi come nel testo di Fasma.


Fasma – Per sentirmi vivo testo

Non ti voglio più scrivere

Dirti come vivere

Per non farti piangere

Ho fatto l’impossibile

Pensi non sia fragile

Pensi sia incredibile

Perché non scendono lacrime

Quando scendono a te

Ma a te sembra facile

Dirti che sto bene

Quando tutto non va

Ed è brutto stare insieme

Perché so quello che era

E il ricordo mi fa male

Del rapporto che c’era

Prima di questa canzone io e te

Cosa siamo diventati io e te

Sono quello che odiavi di me

Baby perché non mi ami

Amore sbatti le ali

E vola via da me

Via da me, via da te

Via da questa città

Via da noi, via da te

E domani chissà

Questa fama, questa luce, questa notorietà

Non mi basterà, non mi servirà

E se dentro muoio lento

Sai che fuori sorrido

Io ti ho persa dentro il letto

Per tenerti vicino

Io ti ho visto per la strada

E sai che ti voglio in giro

E se adesso non mi molli è perché in testa ho un casino

E per questo ti scrivo

Oggi non mi parli perché in fondo ti uccido

Perché in fondo mi uccidi

Perché in fondo mi uccidi

Siamo uguali e opposti con i cuori divisi

Oggi dove sei, non lo so

Ieri eri tutto ciò che avevo io

Oggi chi sei non lo so

Abbiamo detto basta senza dirci addio

Ma a te sembra facile

Dirti che sto bene

Quando tutto non va

Ed è brutto stare insieme

Perché so quello che era

E il ricordo mi fa male

Del rapporto che c’era

Prima di questa canzone io e te

Cosa siamo diventati io e te

Sono quello che odiavi di me

Baby perché non mi ami

Amore sbatti le ali

E vola via da me

Via da me, via da te

Via da questa città

Via da noi, via da te

E domani chissà

Questa fama, questa luce, questa notorietà

Non mi basterà, non mi servirà

E se dentro muoio lento

Sai che fuori sorrido

Io ti ho persa dentro il letto

Per tenerti vicino

Io ti ho visto per la strada

E sai che ti voglio in giro

E se adesso non mi molli è perché in testa ho un casino

Io ti ho nella testa

Tu mi hai detto resta

E vola via ma fallo con me

Io ti ho detto basta

Dai ti prego, scappa

Ma fallo lontano da me

Leggi anche: