Le canzoni più belle del mondo della provincia italiana. Ah, sono 13…

Forse non le più belle, ma di certo le nostre

19 marzo 2018
5 Condivisioni 374 Visualizzazioni

Oltre al pop e all’underground c’è un terzo filone musicale, che lega i Millennial alle generazioni precedenti. Parliamo delle canzoni di provincia: quelle che anche se non ci piacciono (o che magari schifiamo proprio), quando partono in auto con gli amici su una superstrada sperduta di notte tutti iniziamo a cantarle. Sempre e comunque. Ecco le canzoni più belle del mondo della provincia italiana.

 

Ho subito passivamente per anni molte di queste canzoni. Non importa se frequentassi persone più di destra o persone più di sinistra, per non dire proprio fascisti e comunisti, c’erano delle canzoni che inevitabilmente ritornavano nelle nostre vite. Forse, in realtà, non sono le canzoni più belle del mondo, ma sono le nostre canzoni.  Ci sono dei pezzi che chiunque è cresciuto in provincia conosce, aldilà delle playlist di Spotify.

Ho deciso così, ahimè soprassedendo sui miei gusti personali, di ricercare quei pezzi musicali da molti definiti “ignoranti”, da altri non considerati come “musica” e dai più delle “genialate” capaci, anche se la scienza non sa come e perché, di emozionarci.

 

Ho ovviamente escluso i pezzi degli Eiffel 65 giusto per non essere troppo scontati.

 

Lunapop – 50 Special

Un grande classico, qualsiasi adolescente che abbia mai avuto una vespa o un motorino la conosce tutta a memoria. Il classico per un millenial adolescente è scappare per i campi via dalla provincia.

 

“l’estate che avanza, dammi una Vespa e ti porto in vacanza!”

 

Prozac+ – Acida

Anche in questo pezzo si parla di viaggiare, andarsene anche solo temporaneamente dalla provincia. Dei prozac+ sarebbero anche da lodare le doti musicali ma non siamo qui per questo.

 

“che viaggio strano, quando tornerò poi lo rifarò.”

 

Baustelle – La guerra è finita

 

“vivere non è possibile”

 

Alice – Per elisa

Scritta dal maestro Franco Battiato, sensibilità e classe.

 

“vivere vivere vivere non è più vivere.”

 

Mannarino – Mary Lou

Questo pezzo esplose nel periodo hipster, forse merito dei baffi del cantante. Di certo ogni sera c’era qualcuno che esordiva con “la donna del porto” e via tutti a cantare e ballare, sì perché se c’è qualcosa che resta ai Millennial è ancora la voglia di ballare.

 

“Mary Lou, tutti i marinai gridano: -I love you-.”

 

Se volete ballare con qualcosa di più classico c’è Vinicio Capossela con “Il Ballo di San Vito”.

 

Timoria – Sole spento

Un fattore che accomuna tutte le tracce di questa lista: non sono scontate e non si parla mai di una storia d’amore andata a male. A quanto pare la musica italiana può parlare di molte più cose di quelle che crediamo.

 

“Stanco di sentir dire “non ho tempo”, come in un sole in cui sentire freddo.”

 

Luca Carboni – Silvia lo sai

 

“A salvarci erano invece certe canzoni.”

 

Sud Sound System – Le radici ca tieni

Si può ballare con canzoni che parlano davvero di tutto, il dialetto italiano per fortuna ci aiuta.

 

“Se nu te scierri mai delle radici ca tieni, rispetti pure quindi della paisi lontani.”

 

 

Bluvertigo – La crisi

 

Se guardando il video dite “ma quello è Morgan, quello di XFactor” allora non siete dei Millennial di provincia.

 

“molto spesso una crisi è tutt’altro che folle, è un eccesso di lucidità”

 

 

Piotta – Super cafone

 

Cafone, etimologia: la teoria che oggi riscuote maggior credito è che “cafone” provenga dal greco “kakofonòs”: individuo dalla parlata cacofonica, sgradevole all’orecchio di chi vive in città, perché dialettale, e quindi rozza. La sgradevolezza linguistica del cafone, all’inizio riferita solo all’accento, si  è poi estesa a quello che dice, e a quello che fa.

 

“I capisaldi: la femmina, il denaro e la mortazza.”

 

Fabrizio Moro – Libero

Il pezzo più recente tra tutti quelli della lista. Se con la vostra vespa siete andati fuori città fino ad arrampicarvi ad avere la vallata davanti a voi allora magari avrete voglia di gridare.

 

“avrei saputo io cosa fare negli anni 60.”

 

Elio e le Storie Tese – Shpalman

 

“Un tamarro dietro l’angolo voleva inculcarmi la vespa.”

 

 

Brusco – L’erba della giovinezza

Chiudiamo la lista delle canzoni più belle del mondo della provincia italiana con un classico. Per i Millennial che cercano disperatamente di non invecchiare.

 

“passami lo spliff che mi sento peter pan.”

 

 

Una menzione speciale va a tutta la discografia degli Squallor.

 

 

Ascolta la playlist su Spotify:

https://open.spotify.com/user/xaj7lh4i6wie0l9mfowhjyvrr/playlist/5xaCnGpaMgAiurm0BLGUQJ?si=T9O_hxMWSR-knxnyGvxwLw

 

<iframe src=”https://open.spotify.com/embed/user/xaj7lh4i6wie0l9mfowhjyvrr/playlist/5xaCnGpaMgAiurm0BLGUQJ” width=”300″ height=”380″ frameborder=”0″ allowtransparency=”true” allow=“encrypted-media”></iframe>

 

Ascolta la playlist su Youtube:

 

Dopo aver scoperto quali sono le canzoni più belle del mondo della provincia italiana, LEGGI ANCHE:

Le 11 scene di film memorabili che hanno segnato una generazione di provinciali italiani

Potrebbe interessarti

Dove andare in vacanza a settembre se sei un millennial con una settimana al massimo
Viaggi
15 visualizzazioni
Viaggi
15 visualizzazioni

Dove andare in vacanza a settembre se sei un millennial con una settimana al massimo

The Millennialist - 20 agosto 2018

Sono decenni che gli italiani tentano di raccontarsela: che andare in vacanza a settembre è meglio, che c'è meno gente.…

L’estate sta finendo: non riuscire a immaginare un futuro all’altezza del passato
Cultura
1 condivisioni58 visualizzazioni
Cultura
1 condivisioni58 visualizzazioni

L’estate sta finendo: non riuscire a immaginare un futuro all’altezza del passato

Mordeicani Richler - 19 agosto 2018

L'estate sta finendo dei tamarrissimi Righeira vinse il Festivalbar nell'ormai lontano 1985, anno in cui i Millennial al massimo nascevano…

La 1 giornata serie A 2018 non è solo calcio: è una promessa di rinascita che ci consola dalla fine dell’estate
Forma
3 condivisioni62 visualizzazioni
Forma
3 condivisioni62 visualizzazioni

La 1 giornata serie A 2018 non è solo calcio: è una promessa di rinascita che ci consola dalla fine dell’estate

Mordeicani Richler - 17 agosto 2018

Anche con la fine dell'estate la vita continua. Riprendono i riti sempre uguali, le consolazioni dell'autunno, le abitudini che danno…