fbpx

Moby, un album e un documentario per celebrarne la grandezza

28 Maggio 2021
158 Visualizzazioni

Venerdì 28 maggio 2021.

È una data che i fan di Richard Melville Hall – meglio noto come Moby – hanno segnato in agenda da tempo: è infatti il giorno d’uscita del suo nuovo album e del suo nuovo documentario.

“Reprise” (Deutsche Grammophon) è il titolo dell’album: quattordici tra i suoi più grandi successi quali ‘Go’, ‘Porcelain’ e ‘Why Does My Heart Feel So Bad’ rivisitati con ospiti speciali quali Gregory Porter, Kristofferson, Luna Li e l’accompagnamento della Budapest Art Orchestra.

Alcune nuove versioni sono più introspettive, altre puntano su un deciso impatto sonoro: il coinvolgimento dell’orchestra si spiega con il desiderio di Moby di testare e far testare la semplicità e la vulnerabilità che si può ottenere dalla musica acustica e dalla musica classica.

Il documentario MOBY DOC

Sempre venerdì 28 esce il documentario MOBY DOC, diretto da Rob Bralver e distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi e sulle piattaforme digitali da Greenwich Entertaiment, dove Moby racconta senza sconti né ipocrisie la sua turbolenta vita personale e professionale: infanzia traumatica, dipendenze, attivismo vegano, trascorsi punk e percorsi elettronici, con tanto di interviste a David Lynch e David Bowie, filmati di concerti e tanto altro ancora.

Moby è nella storia della musica

Un album e un documentario che certificano una volta di più la grandezza del nipote di Herman Melville, l’autore di Moby Dick: un artista capace come pochi di lasciare il segno non soltanto nell’elettronica, ma nella storia della musica in quanto tale. I suoi lavori vanno incastonati in un’ideale hall of fame della dance, insieme ai lavori di Chemical Brothers, Daft Punk e Prodigy, dei quali ci siamo occupati per raccontare il loro magico 1997, quando sfornarono quasi in contemporanea tre album epocali.

Risultati straordinari, ottenuti passando attraverso un suo personalissimo inferno e uscendone nel complesso indenne, se non più rafforzato. Da sempre l’arte viene alimentata e perpetrata dalle creazioni di geni tormentati, che soltanto così riescono a salvare sé stessi e i propri seguaci.

 

Leggi anche: