fbpx

Nicolò Carnesi, “Virtuale” e la genialata dell’anteprima del brano in un videogame

Avatar
16 Marzo 2021
159 Visualizzazioni

Ha chiuso l’ennesima videochiamata con lei, ormai tutto ha preso una piega quasi surreale ed il contatto tra i loro corpi gli manca da morire.

Attuale più che mai, ironico ed irridente quanto basta. “Virtuale” segna il ritorno sulla scena musicale italiana di Nicolò Carnesi e ci ripropone uno dei cantautori più originali e prolifici della scena musicale italiana a dimostrazione di come la canzone d’autore sia tutt’altro che scomparsa. Saper usare le parole inserendole in prodotti musicali di qualità porta sempre a risultati d’eccellenza.

Il pezzo si snoda attorno ad un bel drumming dove la rotondità della cassa, la definizione del rullante e fill sempre azzeccati rendono molto coinvolgente l’incedere del pezzo grazie anche a un giro di basso molto elegante e sempre preciso sul battere.

Il pianoforte rotola con grande efficacia lungo tutta la durata del pezzo con sonorità quasi “honky tonk”. E colora a tinte vividissime l’assieme con spruzzi di tastiere e synth a tinteggiare arabeschi molto intriganti.

La chitarra acustica è molto aperta sul left e sul right. Mentre, sul finale, ecco un assolo di elettrica molto gustoso con una distorsione che ricorda le sonorità dei Commodore in “Easy like a sunday morning” che apre una parentesi quasi rockeggiante che non ti aspetti.

Nicolò si rivela ancora una volta autore di razza e perfettamente dentro al pezzo. A dimostrazione di come le belle canzoni esistano ancora e che è sufficiente andarle a cercare nei posti giusti. Da gustare con cuffie di qualità.

La storia di Virtuale di Nicolò Carnesi

È uscito il 26 febbraio. Tra le penne più ispirate della nuova scena cantautorale, Carnesi consegna ancora una volta un brano che fotografa la realtà attuale, le sue contraddizioni e i suoi perché, giocando proprio con la paradossalità del nostro presente.

La canzone, infatti, è stata anticipata lo scorso 23 febbraio dall’originale pubblicazione – qui – di un videogame che consentiva di ascoltare in anteprima il singolo esclusivamente attraverso il completamento del gioco ispirato al brano. Un’operazione inusuale che ha confermato l’originalità di questo artista.

“Virtuale” fa da apripista al prossimo lavoro di inediti dell’artista siciliano, che segue il precedente album “Ho bisogno di dirti domani” (2019), un disco che ha confermato Carnesi come uno degli autori più brillanti della propria generazione, grazie al suo talento compositivo e stilistico ormai riconoscibile.

«“Virtuale” – ha spiegato Nicolò – rappresenta una personale chiave di lettura del periodo di pandemia, quando la clausura forzata ci ha avulsi dalla realtà, rendendoci sempre più dipendenti dalle esperienze a distanza, virtuali per l’appunto. Considero la canzone uno sfogo, un modo per esorcizzare la nuova routine dei concerti in streaming, delle fake news, del cibo da asporto e dei continui numeri senza volto».

«Il nostro centro di gravità è diventato astratto, destabilizzato e periferico.
Così – racconta l’autore – il videogame in anteprima al brano, si propone come paradigma ironico di tutto questo, esaspera il concetto e lo rende ancor più chiaro, il mio alter ego virtuale prende vita in una sorta di paradosso tra le parti».

«La musica sta tra i due mondi, fa da collante: oggi suono sul palco di un videogame, sullo schermo di uno smartphone, ma – conclude – con la speranza di tornare presto sui palchi veri, abbandonando finzione e distanza».

CREDITS

  • Scritto da: Nicolò Carnesi
  • Prodotto da: Nicolò Carnesi e Donato di Trapani
  • Registrazioni e mix: Francesco Vitaliti
  • Voce e Chitarra: Nicolò Carnesi
  • Pianoforte e Synth: Donato DI Trapani
  • Basso: Carmelo Drago
  • Batteria: Roberto Calabrese
  • Registrato presso: Indigo
  • Registrazioni addizionali: Cantieri 51
  • Masterizzato: Analogcut Mastering

Leggi la storia di Nicolò Carnesi

Leggi anche: