fbpx

Ok boomer / I gusti musicali dipendono dalle stagioni della vita (e dell’amore)

Avatar
6 Dicembre 2020
185 Visualizzazioni

Ribellione, tormentone, revival e raffinatezza: i gusti cambiano nel tempo, come cambiamo noi nella nostra vita. Una visione musical-generazionale dal nostro talent scout Marco Stanzani.

Ogni volta che ci capita di condividere in maniera spassosa la visione di una kermesse musicale, foss’anche un festival o soltanto un talent, la questione che salta immediatamente all’occhio è quanto siano diversi i gusti musicali a seconda della persona. Io ho alcuni amici a cui non dispiace alcun genere, altri che al contrario ne odiano uno in particolare, ma ciò che emerge è che è impossibile trovare una persona a cui non piaccia alcun genere musicale. E allora mi sono chiesto:

PERCHE’ CI PIACE LA MUSICA CHE CI PIACE?

La musica è una manifestazione culturale grazie alla quale affiorano emozioni in maniera più intensa ed il gusto per la musica stessa è qualcosa di innato, contrariamente alla conoscenza musicale che è un fattore che si acquisisce. È innegabile quanto i gusti musicali si basino più sulla personalità che su qualsiasi altro fattore, per quanto influenzati dalla educazione musicale ricevuta. Se è vero che la nostra personalità si basa su un equilibrio tra cambiamenti e continuità è anche vero che durante le tappe vitali alcune caratteristiche della nostra personalità rimangono invariate mentre altre cambiano radicalmente.

TRA QUESTI CAMBIAMENTI POSSIAMO CONSIDERARE ANCHE QUELLI LEGATI AI NOSTRI GUSTI MUSICALI COL CRESCERE DEGLI ANNI? SICURAMENTE SI.

Solitamente i giovani preferiscono generi musicali che noi genitori non sopportiamo, per questo appare certo esistano dei cambiamenti evolutivi per quel che riguarda i gusti musicali che si manifestano col passare del tempo.

Adolescenza: durante questa fase della vita destinata alla ricerca della propria identità, normalmente si preferiscono generi musicali come punk o metal.

Gioventù: quando inizia il processo legato alla fase adulta, con l’avvio della socializzazione nelle discoteche o alle feste, normalmente le preferenze si spostano verso la “musica contemporanea” come il pop o il rap, o comunque verso generi più ballabili.

Maturità: durante questo passaggio della vita lentamente cessa l’interesse per la musica contemporanea e aumenta quello per una musica più “sofisticata” come jazz o musica classica. Questo cambiamento è determinato dalle abitudini dettate dagli impegni lavorativi e familiari che ci portano alla ricerca di una scelta musicale più rilassata e rilassante.

via Redblue

LEGGI ANCHE:

Spiegate agli artisti della GenZ che un account Spotify ha bisogno di cure

Perché ci gasiamo ancora quando il dj mette i Finley

Chi era Robert Miles e perché Fedez lo ha riportato al top (con qualche polemica)

Una storia di musica, tecnologia e sfida: Alex Cadili si racconta a The Millennial