fbpx

Shakira e Miley Cyrus: 2 revenge song agli antipodi

20 Gennaio 2023
151 Visualizzazioni

Shakira e Bizarrap: la revenge song contro Piqué

Shakira, in collaborazione con il rapper e produttore Bizarrap (album Bzrp Music Sessions, Vol. 53), fa uscire un pezzo diretto all’ex marito di lei, il noto calciatore Gerard Piqué, accusato di aver tradito ripetutamente la popstar spagnola. L’ultima di queste sarebbe l’attuale compagna di lui, Clara Chia Marti, citata, seppure velatamente (mica tanto, in effetti), da Shakira proprio nel testo della canzone.

Un testo che, benché Shakira ne dica, trasuda rabbia, vendetta e anche una palese dose di rosicamento.

Sono un paio le frasi top della canzone, diventate virali su tutti i social in una decina di minuti: vi immaginate i video TikTok di adolescenti in preda alla vendetta verso un tradimento dell’ex?

Ferrari, Twingo, Rolex e Casio: la revenge song di Shakira abbraccia i paragoni (e mette in difficoltà i brand)

«Hai scambiato una Ferrari per una Twingo, un Rolex per un Casio» canta Shakira, creando non poca agitazione nei brand citati in negativo, ovviamente. Il paragone di Shakira ha infatti esplicitato che ci sono “prodotti di serie A e prodotti di serie B” e prontamente sia Renault che Casio hanno dovuto fare fronte alle numerose reazioni ricevute dopo il lancio della canzone.

La viralità del brano è stata esplosiva e su TikTok, ad esempio, è impazzito un filtro in cui nella roulette tra i due brand di orologeria quasi tutti speravano di essere considerati dei Rolex. Inutile dire che le ricerche online dei brand cantati da Shakira siano aumentate a dismisura. Nonostante il paragone poco carino tra lei e la modella Clara, il rimbalzo virtuale (e virale) è stato assoluto.

La reazione di Shakira è esagerata?

Forse Shakira avrebbe potuto evitare di prendersela con la sua “sostituta” ventiduenne? Forse le frecciatine intrise di veleno e di rabbia sono state un po’ too much? Avremmo forse apprezzato una reazione più matura?

C’è chi sostiene che può essere stato tutto un colpo geniale di marketing, in quanto la cantante spagnola pare essere una massima esperta di marketing emozionale. Per tale motivo, infatti, la popstar riesce sempre a trovare l’appoggio immediato dei suoi fan, pronti a sostenerla a prescindere da tutto.

Una donna ferita rimane una donna ferita e dovremmo anche smetterla di dire alle donne come dovrebbero reagire dopo la fine di una relazione. Ognuna ha il diritto di sfogarsi come meglio crede, soprattutto quando si tratta di sentimenti. Certamente il rapporto tra Piqué e Shakira è sempre stato abbastanza complesso (i tradimenti pare siano arrivati da ambo le parti, sebbene non sia una giustificazione) e la cantante spagnola ha sicuramente sofferto molto.

La sua revenge song, però, sembra quasi una strategia social studiata a puntino. Dalle parole alle stoccate a Clara Chia Marti, dai riferimenti alla suocera alle streghe sul balcone: Shakira punta a elevare se stessa, calpestando un po’ la veintidos che ha preso il suo posto.

«Cero rencor, bebé», magari nella prossima vita.

La revenge song di Miley Cyrus è un elogio all’amore… ma verso sé stesse

Se da una parte Shakira non vede l’ora di pizzicare l’ex marito e di fargliela, in un certo senso, pagare a suon di battute rabbiose, Miley Cyrus, al contrario, pensa a se stessa.

Si chiama Flowers il nuovo singolo di Miley Cyrus e possiamo dire con certezza che si è già rivelato il mood di vita di centinaia di migliaia di donne. Vi basta fare un veloce giro su TikTok e sarete investiti/e da un’enorme quantità di video #goodvibes in cui ragazze di ogni età danzano libere sulle note del ritornello di Miley.

Uscita il 13 gennaio 2023, giorno del compleanno dell’ex marito Liam Hemsworth, Flowers è sì una revenge song, ma la sfumatura che si coglie è quella del perdono e della completa presa di coscienza di sé.

Miley è rimasta delusa dall’ex marito, ha sofferto, ha anche pianto molto: «Stavamo bene, eravamo oro» canta Cyrus a inizio brano, con una voce che ha il sapore della nostalgia e che non rinnega nulla di ciò che è stato. Tanto è stato l’amore, ma tante sono state le fiamme che hanno bruciato il loro legame, proprio come il fuoco che nel 2018 ha avvolto la loro residenza a Malibu.

I riferimenti nella revenge song di Miley Cyrus

Tutto, in Flowers, non è lasciato al caso. La data di lancio, gli agganci a eventi passati, le citazioni ad altri brani della cantante (Malibu, appunto), fino ad arrivare alla forte similitudine sonora con When I Was Your Man di Bruno Mars (canzone che Liam Hemsworth le dedicò ai tempi), sono tutti un perfetto simbolo di rinascita dopo la sofferenza.

Un altro elemento fondamentale? La moda. Sono tanti i simbolismi fashion utilizzati da Miley Cyrus. Primo tra tutti il look dorato con cappuccio firmato Yves Saint Laurent e datato 1991, lo stesso che la Bond Girl May Day indossa in 007 – A View To Kill. Una donna forte, una donna indipendente: ecco chi è diventata Miley Cyrus. Protagonista anche la lingerie nera di La Perla, indossata dalla cantante anche per fare allenamento: un messaggio di autodeterminazione non da poco.

Infine, ma non per importanza, l’iconico tailleur nero Saint Laurent sfoggiato nella parte finale del video. L’abito è lo stesso che l’ex marito Liam Hemsworth indossò sul red carpet in compagnia della moglie, in occasione della prima di Avengers: Endgame. Era il 2019 quando su quel tappeto rosso l’uomo chiese a Miley di «comportarsi bene, per una volta», dopo che lei fece una linguaccia davanti ai riflettori. Ecco servita la risposta.

Miley ha sofferto, ma ora Miley può amarsi decisamente di più: «I can love me better» dice a se stessa. Comprarsi dei fiori, portarsi a ballare, scrivere il proprio nome sulla sabbia.

Imparare a lasciare, imparare ad amarsi meglio.

Leggi anche: