Woodstock 1969: il testo di Somebody to love batte Greta Thunberg

Consuelo Crespi
16 Agosto 2019
710 Visualizzazioni

Super spiegone di Woodstock 1969 per millennial trappati. Per capire se l’evento più popolare del secolo scorso merita davvero tutta sta gloria

Era il terzo giorno del festival di Woodstock 1969, il 17 Agosto, quando i Jefferson Airplane salirono sul palco alle otto di mattina, concludendo la maratona notturna. Oggi dopo 50 anni, quello che resta a noi Millennial è soltanto un sogno lontano e una coroncina floreale tipo Tiger in testa.

C’era Grace Slick, front girl del gruppo, con un completo bianco, piedi scalzi e capelli mossi, selvaggi. Era la perfetta immagine di una ragazza dell’epoca, che si era guadagnata la sua libertà, che aveva trovato la sua voce nel movimento pacifista della Summer of Love risvegliando l’America alla fine degli anni 60.

Nel 1969 era a Woodstock, su uno dei palchi più famosi della storia a riaffermare gli ideali nei quali credeva più di ogni altra cosa grazie alla sua musica: il rock psichedelico.
«Bene amici, avete già sentito i gruppi più pesanti, questa mattina sentirete un po’ un po’ di musica maniacale… credetemi, è una nuova alba».

Grace e le porte della percezione

Con queste parole, rimaste impresse nella cultura musicale, Grace Slick aprì il suo concerto, sfondando una porta che non si sarebbe più aperta. Woodstock 1969 era sì una nuova alba, un nuovo inizio per quella generazione che coltivava sogni di una società non violenta, un nuovo modo di vivere basato sul rispetto e sull’amore.

E tutti i ragazzi come lei, 50 anni fa si erano radunati al festival di Woodstock,
in una piccola fattoria a Bethel nei pressi di New York, consapevoli o no del cambiamento che stavano pian piano creando.

La chiave di rivoluzione per i Jefferson Airplane era trovare qualcosa da amare, come cantano nel testo Somebody to Love, attraverso parole che riflettono i sentimenti e il caos caleidoscopico del tempo che stavano navigando.

I testi dei Jefferson Airplane, non solo cantavano inni d’amore, ma davano istruzioni su come agire, «Usate quella testa, rivoluzionate le cose». Ed erano tutti davanti a Grace Slick, alle 8 del mattino sotto il palco di Woodstock ad ascoltare quell’invito sincero ad unirsi sotto la coscienza collettiva dell’amore, perchè era la chiave di ogni cosa, ciò di cui la gente sentiva il bisogno alla fine del1969.

«When the truth is found to be lies, And all the joy within you dies, Don’t you want somebody to love?».

Oggi dopo 50 anni, per una Millennial come me, nata negli anni 90, Woodstock 1969 è solo un ricordo di altri, intangibile, ma Grace Slick che si muove su quel palco è una specie di rivelazione.

Grace Slick dei Jefferson Airplane era l’influencer della sua generazione e anche oggi avremmo bisogno di una tipa come lei, che ci indichi il modo in cui le cose potrebbero essere migliorate, parlando il linguaggio della musica. Perchè noi Millennial non siamo tanto diversi dalla generazione che si riuniva 50 anni fa al festival di Woodstock, anche noi siamo alla costante ricerca della verità, sentiamo l’esigenza di trovare qualcosa da amare come nel testo Somebody to love.

Greta e il marketing

Oggi, nel 2019, come 50 anni fa, ascoltiamo ancora i Jefferson Airplane col testo Somebody to love, gli hippy sono diventati gli ambientalisti di Greta Thunberg, i diritti neri sono diventati diritti LGBQT, la rivoluzione femminile è ora più sentita che mai, il Vietnam è la Siria. Abbiamo ancora le stesse droghe e abbiamo reso la marijuana legale in molti Paesi.

Woodstock 1969: in ogni caso è stato un peccato non esserci

Ci stiamo inventando dei nuovi lavori e odiamo la generazione che ci ha preceduti. Siamo la generazione del potere dei fiori, ovvero delle coroncine a 3 euro da Tiger.
Perchè il nostro più che un movimento rock and roll è un movimento di marketing, ogni nostra azione scade nella mera immagine e passa come una moda.

Che cosa amiamo veramente? Il cambiamento o giocare a fare i rivoluzionari, mentre ci facciamo foto con treccine colorate nei Pride delle nostre città per postarle subito su Instagram?

Odiamo i rifiuti, i soldi sprecati, i combustibili sprecati, il cibo sprecato, il tempo sprecato, ambiamo a una società migliore per tutti, ci lamentiamo in continuazione, ma non sappiamo quali sono i mezzi necessari per raggiungere i nostri obiettivi.
Forse quello che manca è proprio l’impulso di un evento singolare per farci reagire, un po’ come è stato Woodstock con Grace Slick mentre canta il testo di Somebody to love.

Le scimmiottature stile Coachella

Ma finché le nostre Woodstock continuano a essere eventi tipo Coachella e le persone che ci influenzano indossano ghirlande di fiori e completini firmati, non ci rimane che pensare al 50 esimo anniversario, con nostalgia. Nonostante le rivelazioni di alcuni protagonisti siano poco rassicuranti, continuiamo a sognare.

Noi Millennial siamo la generezione dei nuovi spiriti liberi, i nuovi amanti, dei nuovi rivoluzionari. Ma solo per moda: «Don’t you need somebody to love?».

Testo di Somebody to love – Jefferson Airplane

When the truth is found to be lies
And all the joy within you dies
Don’t you want somebody to love?
Don’t you need somebody to love?
Wouldn’t you love somebody to love?
You better find somebody to love
When the garden flowers, baby, are dead, yes
And your mind, your mind is so full of red
Don’t you want somebody to love?
Don’t you need somebody to love?
Wouldn’t you love somebody to love?
You better find somebody to love
Your eyes, I say your eyes
May look like his
Yeah, but in your head, baby
I’m afraid you don’t know where it is
Don’t you want somebody to love?
Don’t you need somebody to love?
Wouldn’t you love somebody to love?
You better find somebody to love
Tears are running
They’re all running down your breast
And your friends, baby
They treat you like a guest
Don’t you want somebody to love?
Don’t you need somebody to love?
Wouldn’t you love somebody to love?
You better find somebody to love

QUALCUNO DA AMARE
Quando la verità si scopre esser falsa
Sai la gioia dentro di te muore
Non vuoi qualcuno da amare?
Non hai bisogno di qualcuno di amare?
Non ti piacerebbe qualcuno d’amare?

Sarebbe meglio tu trovassi qualcuno da amare
Quando i fiori del giardino sono morti, baby
si e la tua mente è così piena di rabbia
Non vuoi qualcuno da amare?
Non hai bisogno di qualcuno di amare?
Non ti piacerebbe qualcuno d’amare?
Sarebbe meglio tu trovassi qualcuno da amare
I tuoi occhi, direi che i tuoi occhi
potrebbero assomigliare ai suoi
Yeah, ma nella tua testa, baby,
temo che non sai dov’è
Non vuoi qualcuno da amare?
Non hai bisogno di qualcuno di amare?
Non ti piacerebbe qualcuno d’amare?
Sarebbe meglio tu trovassi qualcuno da amare
Le lacrime stanno scorrendo
scorrendo giù lungo il tuo petto
Ed i tuoi amici, baby
ti trattano come un ospite
Non vuoi qualcuno da amare?
Non hai bisogno di qualcuno di amare?
Non ti piacerebbe qualcuno d’amare?
Sarebbe meglio tu trovassi qualcuno da amare

LEGGI ANCHE:

I testi reggaeton sono libertari o machisti?

Il testo di Playa di Baby K? Siamo stufi di essere trattati da branco di deficienti!

Ieri al concerto di Vasco ho capito perché nel testo di “Vivere” c’è tutta la mia vita

Maradona y Pelè dei Thegiornalisti: in estate, meglio l’amante del fidanzato