Sono giapponese! Lesson 4: perché il tuo tatuaggio spaventa i nipponici?

14 giugno 2017
8 Condivisioni 986 Visualizzazioni

In Giappone il tatuaggio è qualcosa di sconveniente. Non è arte, non ha a che fare con bellezza come succede in Europa. Anzi, i giapponesi di fronte al tatuaggio vanno in sbattimento. Non ci credete? Provate ad arrivare all’aeroporto di Narita in Giappone a mostrare il vostro tatuaggio sul braccio: i giapponesi intorno a voi vi identificheranno subito con un membro della Yakuza.

Ci sono almeno 5 motivi per cui i giapponesi malsopportano la vista del tatuaggio. Eccoli:

1. Perché allude alla Yakuza in base alla tradizione nipponica.

Storicamente il tatuaggio giapponese, Irezumi in giapponese, è il simbolo, il marchio di appartenenza a qualche clan della Yakuza. Fin dall’epoca Edo, chi porta il tatuaggio è considerato un membro della rete. Nella famiglia Yakuza, chi ne fa parte esprime la sua fedeltà alla famiglia. Questo perché la dimostrazione di resistere al dolore di farsi tatuare pigmenti sottopelle, sancisce la sincerità e la serietà necessarie ad appartenere alla famiglia. Il tatuaggio giapponese anche oggi ha per i nipponici questo significato.

2. Perché è disdicevole mostrare incitazioni al combattimento (e nessun tatuato è ammesso a iscriversi in palestra).

Per questioni di ordine pubblico nelle palestre giapponesi è comunemente rifiutato chi ha un tatuaggio. È una precauzione per evitare che lui o lei potrebbero far preoccupare gli altri utenti della palestra, avendo un’aria minacciosa o comunque un atteggiamento ispirato alla violenza.

3. Perché il tatuaggio ci mette a rischio di prendersi malattie.

Oggi ci sono diversi tatuatori in Giappone. Molti di più di qualche tempo fa. Purtroppo alcuni di loro fanno questa operazione con poca cautela dal punto di vista igienico. Questo quindi può portare il rischio di contrarre le epatiti B e C. E, conseguentemente risulterà anche una certa difficoltà sottoscrivere le assicurazioni previdenziali e sanitarie.

4. Perché può creare problemi quando uno si deve sposare.

Un tatuaggio è malvisto nelle famiglie di uno sposo o di una sposa quando scoprono che uno dei due ha un tatuaggio. Non importa tanto che tipo di tatuaggio sia o se è grande o piccolo, per i genitori il futuro coniuge dei figli è inaccettabile. Per questo se un ragazzo o una ragazza decide di sposare una persona con tatuaggio, i genitori le imporranndo di fare una scelta definitiva tra il partner e i genitori.

5. Perché esiste un serio rischio di licenziamento al lavoro.

Nel 2012 il Comune di Osaka ha fatto il sondaggio sui propri dipendenti per capire quanti di loro portassero il tatuaggio. Coloro che non hanno risposto entro il termine predefinito, sono stati sottoposti a procedimenti disciplinari dallo stesso sindaco.

Maestro Kentaro Hara

LEGGI ANCHE:

Giapponese per creativi: come scegliere un whisky giapponese