Marie Kondo, la giapponese santa che riordina le vite dei Millennial su Netflix

Avatar
15 Gennaio 2019
1130 Visualizzazioni

Facciamo ordine con Marie Kondo, ovvero la serie tv che ci spiega come riappropriarci della nostra vita da Millennial grazie a una giapponese santa guerriera.

È sera quando, di ritorno dalle vacanze, rientrate nel vostro monolocale vista muro nella città in cui lavorate (o fate uno stage o seguite con il minimo sindacale di interesse lezioni universitarie che sanno già di vecchio ma dovrebbero garantirvi un futuro).

Dicevo, è sera e una volta scaricati i bagagli vi rendete conto di non sapere dove mettere i regali brutti dei parenti, i regali belli degli amici e neanche la spesa.

Avete un problema di spazio ma soprattutto… siete disordinati. Tuttavia siete anche fortunati perché dividete con due amici l’abbonamento a Netflix che oltre ad amene serie tv classiche vi riserverà un inaspettato soccorso: la serie tv Facciamo ordine con Marie Kondo.

Marie, già autrice de Il magico potere del riordino (edito da Vallardi), è una giapponese col dolce viso da bimba che ha inventato un metodo per riorganizzare la casa ed eliminare il superfluo.

Nella serie tv la vediamo alle prese con una sequela di case americane e rispettivi proprietari. Sarete conquistati dallo shock sul suo volto nel vedere di quanto spazio abbia bisogno un americano medio per la sua cucina, quando in Giappone si fanno bastare mezzo metro quadro a voler essere generosi, ma soprattutto adorerete il suo sorriso sincero quando dice “Io adoro il disordine!!!”

Sì, perché Marie non è come vostra madre, che incalza /incalzava dietro di voi con mugugni e borbottii cercando di farvi sgomberare almeno la sedia dal cumulo di vestiti, no, Marie giungerà come una santa guerriera e vi indicherà la via.

Per prima cosa tenete solo quello che vi rende felici e buttate il resto, poi piegate tutto a formare un rettangolo (impresa ardua ma possibile), infine raggruppate gli oggetti a seconda della tipologia e usate scatole trasparenti se possibile.

Secondo me su Netflix hanno sottovalutato il valore catartico della serie tv: dopo averla vista potreste essere convinti di aver già fatto tanto e preferirete rimanere nel vostro sacrosanto disordine.

So che anche Marie Kondo non vi biasimerebbe, per cui fate pure, l’importante è che siate felici.

 

LEGGI ANCHE:

YOU serie tv Netflix: ci farà finalmente rivalutare il rispetto della (nostra) privacy?

Le terrificanti avventure di Sabrina: la strega pasticciona è diventata ribelle!

16 anni, la voglia di fuggire…e di ammazzare: The end of the f***ing world