Norsemen serie tv: i vichinghi falliti che il Millennial non si aspetta

14 ottobre 2018
3 Condivisioni 172 Visualizzazioni

Se sentivate la mancanza di serie sui vichinghi potreste andare su Netflix e guardare Norsemen serie tv. Ambientata nel 790 d.C. in un ridente villaggio norvegese, Norheim appunto, la serie ci racconta le vicissitudini di una comunità vichinga alquanto singolare…

 

Ma l’avevano già fatta una serie così, no?, starete pensando. E vi sbagliate, perché qui non si narrano vicende epiche e i toni sono decisamente comici e demenziali.

Per essere un villaggetto a Norheim non manca nulla (anche se in certi momenti sembra che abbiano riutilizzato alcune delle scenografie di Viking), ha imbarcazioni per fare razzie e una varietà di personaggi alquanto improbabili.

Il prode condottiero Olow, capo del villaggio, muore praticamente subito, sostituito dal suo incapace fratello Orm, totalmente digiuno di tattiche guerresche e sposato invece con una perfetta shieldmaiden, Frøya, che si orna di discutibili collane peniene. Grazie a lui a e a uno schiavo proveniente da Roma e affetto da manie di grandezza il villaggio tenta di vivere un insolito rinascimento artistico.

Peccato che una volta appese le spade al chiodo, per creare un’istallazione moderna, il villaggio cada sotto le mire espansionistiche del conte Varg (cugino lontano di Voldemort probabilmente, anche se al posto della bacchetta usa strumenti di tortura dentistici).

Riusciranno i nostri eroi a trionfare? Sì e no, dato che in Norsemen serie tv di eroico c’è poco, tranne il simpaticissimo Arvid, tutto ciccia e buon cuore, che per difendere il villaggio le tenterà tutte. Non spoileriamo nulla della seconda stagione se non che potrebbe esserci anche la terza, dato il finale aperto.

Davvero apprezzabile è la volontà della tv di stato norvegese (già ideatrice della serie Occupied) di creare una produzione che ironizzasse sulla propria tradizione e di non fare un semplice remake sulla scia di Viking. L’ispirazione e il tributo ai Monty Python è evidente ma ben venga se serve a produrre una serie ben riuscita che si guarda tutta d’un fiato, dato che le 12 puntate (6 per ciascuna stagione) durano mezz’ora ciascuna.

Unica avvertenza prima di guardare Norsemen serie tv: le puntate sono in inglese con forte accento norvegese sottotitolato in italiano e con qualche neologismo, quindi non preoccupatevi se nonostante i vostri numerosi soggiorni oltremanica non afferrerete subito cosa dicono!

LEGGI ANCHE:

I 7 film che hanno predetto il futuro tra il 1990 e il 2002 (evviva il 1997!)

Come prendere Guerra e Pace in tv. Siamo seri?

Perché davanti a Temptation Island non riesci a cambiare canale?

Contro il logorio della censura dei social buttiamoci sulle porno parodie

Potrebbe interessarti

Provato per voi: un test sugli assistenti vocali. Con sorpresa
Internet
18 visualizzazioni
Internet
18 visualizzazioni

Provato per voi: un test sugli assistenti vocali. Con sorpresa

Redazione - 12 novembre 2018

L'assistente vocale alla prova dei fatti dimostra che l'intelligenza artificiale ha una sua personalità Usare gli smart speaker per testare…

L’altra Grace, la misteriosa serie Netflix di cui nessuno capisce il finale
Cultura
1 condivisioni25 visualizzazioni
Cultura
1 condivisioni25 visualizzazioni

L’altra Grace, la misteriosa serie Netflix di cui nessuno capisce il finale

Valeria Mangano - 12 novembre 2018

Se siete in astinenza da The Handmaid’s Tale e volete una serie breve da guardare in streaming nel weekend, mentre…

Quarter Life Crisis: la terribile crisi esistenziale dei 25 anni dei Millennial
Psico
17 condivisioni76 visualizzazioni
Psico
17 condivisioni76 visualizzazioni

Quarter Life Crisis: la terribile crisi esistenziale dei 25 anni dei Millennial

Mathilde Smith - 12 novembre 2018

Mood of the day, of the month, of the year? ANSIA. Noi Millennial siamo ansiosi e lo siamo per colpa…