fbpx

Il messaggio della serie tv The Bold Type per i millennial

30 Giugno 2021
616 Visualizzazioni

The Bold Type la serie approdata su Netflix con le prime tre stagioni ribalta la prospettiva del mondo del lavoro e cambia le nostre aspettative in questione. In attesa dell’arrivo in Italia delle stagioni successive, apriamo una riflessione su questa serie dal tono femminista e dai richiami iconici per navigare l’apparente leggerezza delle puntate.

Vestita di abiti glamour, location da sogno e una sana dose di politically correct che potrebbe distogliere l’attenzione, The Bold Type è entrata nell’immaginario contemporaneo con il sogno di lavorare da Scarlet.

Scarlet è la rivista che vuole far sentire le donne ascoltate, ma agli occhi del pubblico diventa il manifesto della leadership contemporanea, quella che i millennial si aspettano di trovare nelle organizzazioni e che vorrebbero costruire per le future generazioni.

Scarlet e la traccia del guardaroba

Il luogo di lavoro non è definito, non lascia un’immagine indelebile, non è tangibile, ma sono i valori che trasmette a disegnarlo, in Scarlet a lasciare una traccia visiva chiara è il guardaroba. Il guardaroba è l’emblematico punto di unione tra la vita professionale e quella personale.

È il luogo più rappresentativo della serie in cui si intrecciano le narrazioni delle tre protagoniste, una valvola di sfogo, l’elemento che concretizza l’entrata a passo sicuro della vita personale nel luogo di lavoro. Una chiara invasione di spazi e non ne potremmo essere più felici.

Il capo, Jacqueline Carlyle

A Jacqueline Carlyle, interpretata da Melora Hardin, spetta il compito di gestire questa contaminazione. Il capo può decidere se mettere a tacere le voci di guardaroba o, come nella serie, accompagnarle come un flusso per aiutare le persone a crescere dalle proprie esperienze e allo stesso tempo far fiorire il gruppo.

Jacqueline è la figura di una madre sufficientemente buona, capace di dare gli strumenti e lasciare spazio, di spingere le persone oltre la propria zona di confort, facendo attenzione a dare obiettivi che non li facciano deragliare. Accoglie l’errore come parte del percorso per diventare professionisti, mostrando un’intima capacità di espressione e condivisione delle proprie fragilità.

The Bold Type parla ai millennial

I millennial cercano qualcuno che voglia dividere con loro il peso, non del lavoro, ma della vita. Il loro è un peso che blocca e che a volte non lascia spazio. Non vogliono confini tra l’essere e il fare, tra la vita e il lavoro, perché questo dà loro la possibilità di svuotarsi e di muovere gli ingombri da uno spazio all’altro.

Il peso è quello di una relazione tossica, di una perdita, di una molestia, di una malattia, delle discriminazioni, della solitudine, della preoccupazione. Lasciare che il lavoro si contamini di tutto questo portato è un rischio, ma i millennial si aspettano che la loro vita, spezzata, ricucita, stravolta, distorta, venga inclusa perché solo così si sentiranno accolti.

Sono una generazione di esploratori alla costante ricerca di un luogo confortevole che non li etichetti, ma che li riconosca come persone, nella loro totalità. La diversità non è definita dal colore di pelle, dalle barriere fisiche e sociali, ma è insita nella vita di ognuno di noi. La nuova generazione viaggia con una gigantesca lente puntata su di sé ed è proprio il “portare il peso” che aiuta e insegna a spostare il proprio punto di vista, a guardarsi intorno e a raccontarsi una storia differente.

The Bold Type e la leadership femminile

Anche se arricchito da abiti glamour, location incantevoli, vita mondana e amori infiniti The Bold Type ha qualcosa da dire ai millennial e a chi oggi ha il compito di guidarli nel mondo del lavoro. La sfida è quella di portare con sé il proprio bagaglio e valorizzarlo senza esserne sopraffatti. Un obiettivo fortemente supportato dal modello di leadership femminile, un comportamento che abbassa la percezione di gerarchia e incentiva lo scambio.

I pesi stanno cambiando e il lavoro oggi ha l’opportunità di essere un luogo di crescita personale, un guardaroba di vite che hanno qualcosa di bello da dire. Così anche i percorsi di carriera si allontanano sempre di più dalla classica immagine di una scalinata, perché oggi quando pensi di essere arrivata o arrivato, hai tutto ha ricostruire, vecchi pesi da lasciare e nuovi da portare con te.

Foto in copertina: @Netflix

Leggi anche: