Unorthodox, una serie tv che parla di libertà e jeans. Tutta girata a Berlino

Avatar
18 Aprile 2020
630 Visualizzazioni

Il fascino del diverso trova in Unorthodox un connubio perfetto con una storia di crescita personale.

Da qualche settimana sui social impazza un solo consiglio: guarda Unorthodox!

La nuova serie Netflix in sei puntate ha infatti conquistato un ampio pubblico grazie alla potenza della storia raccontata.

Trama

A Williamsburg, Brooklyn, esiste una comunità ultraortodossa, i Satmar, formata dai discendenti degli ebrei fuggiti dalla persecuzione razziale nazista.

Hanno basato la costruzione della propria comunità sull’osservanza rigidissima ai dettami dell’interpretazione della Torah.

La protagonista è Ester Shapiro (detta Esti), una giovane Satmar data in sposa giovanissima a un coetaneo tramite un matrimonio combinato. A causa del matrimonio infelice e delle pressioni subite, Esti decide di fuggire a Berlino, dove si trova anche la madre naturale, che è stata esclusa dalla comunità quando lei era solo una bambina. Il viaggio nella capitale tedesca rivelerà a Esti un mondo nuovo, dove poter essere se stessa e cercare la propria strada grazie alla musica.

Il libro

Come spiega bene il dietro le quinte della serie, Making Unorthodox, la storia è ispirata al libro di Deborah Feldman Unorthodox: The Scandalous Rejection of My Hasidic Roots. La Feldman nel libro racconta il suo allontanamento dalla famiglia e dalla comunità Satmar. Feldman è stata anche partecipe della stesura della serie insieme ad Alexa Karolinski e Anna Winger.

Cast

Il cuore della serie è proprio la sua protagonista: Esti, impersonata da Shira Haas.

L’attrice era già conosciuta per aver interpretato il ruolo di Ruchami in Shtisel, ambientata a Gerusalemme sempre in una comunità chassidica.

La Haas finalmente ha avuto la possibilità di esprimere tutto il suo potenziale, la sua espressività e talento. Tutta la serie si regge sulla sua capacità di esprimere emozioni anche con un minimo cambiamento di espressione.

La sua recitazione è quasi sommessa nella prima parte della serie, quando ancora è una sposa adolescente e timorosa, disposta a tutto pur di far funzionare il matrimonio combinato. La rottura col passato e la fuga sono sottolineate da un lento cambiamento d’immagine.

Il primo grande passo avviene quando Esti si toglie la tradizionale parrucca con cui le donne haredi nascondono i capelli naturali alla vista degli estranei. Questa scena vale da sola l’intera serie: una ragazza vestita avanza al centro di un lago e poi lascia cadere la parrucca nell’acqua e si immerge guardando il cielo.

Anche gli abiti della protagonista a poco a poco mutano. Si passa dai colori spenti e dai modelli fuorimoda indossati a Williamsburg alle magliette a maniche corte e ai jeans di Berlino.

In un processo di rinascita, Esti abbandona la sua vecchia pelle per ritrovarsi cresciuta  e più matura.

Ad avere grande risalto all’interno della storia sono poi le altre donne. Se la suocera   rappresenta in pieno il giudizio negativo della comunità,  la madre della protagonista e la sua insegnante di musica (clandestina) costituiscono quegli spiragli di salvezza che aiutano Esti a decidere di cambiare vita.

 La lingua e altre curiosità

La serie Unorthodox riprende fedelmente usi e costumi della comunità Satmar e quindi anche la lingua, lo yiddish. Per garantire la massima fedeltà, le autrici hanno chiesto a Jeff Wilbusch (che interpreta il rabbino nella serie e  che proveniva anch’esso da un contesto analogo a quello narrato) di insegnare agli altri attori la corretta pronuncia delle parole.

La serie è stata girata per intero a Berlino, anche se ambientata per metà a Williamsburg, dove d’altronde le scene in esterno sono pochissime.

Perché guardarla?

Unorthodox ha il pregio di essere un affresco fedele di una realtà chiusa come sono le comunità ultra-ortodosse allo stesso tempo un racconto di libertà e crescita personale.

Insomma è una serie che dà speranza pur raccontando una storia a tratti surreale ma assolutamente vera.

Leggi anche: