Come fare soldi facili cedendo il proprio marito a una miliardaria: What/If serie tv

Avatar
14 Giugno 2019
610 Visualizzazioni

Se siete alla ricerca di soldi facili e non avete a cuore il vostro rapporto di coppia, allora ispiratevi pure alla nuova serie tv di Netflix What/If.

In essa troviamo infatti interessanti soluzioni al problema della mancanza di soldi. Ispirate tra l’altro a un classico dei film brutti, ovvero a Proposta indecente.

Certo, qui a fare la proposta è una donna, la miliardaria Anne Montgomery (Renée Zellweger) che si invaghisce di un barista-apprendista pompiere (sarà un caso?). Il quale però è sposato, e gli propone una ventina di milioni di dollari in cambio di una notte con lui per finanziare la start up della moglie.

Anne non è poi malaccio, infatti anche se Renée Zellweger forse ha esagerato coi lifting, ha acquistato un’aura algida he risulta anche sexy in un certo qual modo. E nella serie indossa abiti strepitosi, quindi potrebbe “adoperare” il caro Sean tranquillamente anche senza promesse di danaro.

Ma no, Sean è un marito fedele, quindi serve lo stratagemma.

La moglie Lisa (Jeanne Levy) è un’anima candida, ma non poi così tanto, se alla fine decide di accettare il patto: una notte di Sean con Anne in cambio di soldi per la sua start-up medica. Unica clausola sarà non parlare mai di quella notte tra loro.

Il silenzio sulla notte di sesso (o di altro) con Anne diventa una bomba a orologeria all’interno della coppia. Ma a regnare sovrana è Anne, che riduce tutti gli altri personaggi a comparse o quasi, nonostante siano funzionali alla trama.

Renée Zellweger incarna benissimo l’arrivismo, la brama di potere e denaro con un personaggio di una cattiveria apparentemente senza limiti. Eppure è sempre meglio lei della cara e dolce Lisa, ingabbiata nel suo perbenismo (vero o falso) e nella ricerca della vita perfetta.

A corollario del filone principale della trama c’è poi la storia degli amici fidanzati sin da liceo e ormai ingabbiati in un matrimonio apparentemente agli sgoccioli. E anche quella del fratello gay di Lisa, Marcos, e del suo compagno: uno stratagemma per rappresentare i diversi modi in cui una coppia può affrontare una crisi.

In definitiva What/If regala qualche emozione pruriginosa all’inizio, annoia a metà e lascia perplessi sul finale. Perché il carisma perverso di Anne non basta a reggere il ritmo delle dieci puntate, benché il cliché della notte a pagamento sia stato ben sfruttato come spunto per parlare dei pericoli del non detto nella coppia e in generale nella vita.

LEGGI ANCHE:

Guida in 9 punti per guardare Trono di Spade in ritardo

Ahhhhh, aiuto questa sarà l’ultima serie di Trono di Spade!

Osmosis serie tv: un lentissimo mix tra indagine psicologica e fantascienza