Cosa significa essere snob da bancone: come riconoscerli al bar ed evitarli

8 marzo 2018
12 Condivisioni 731 Visualizzazioni
La miscelazione è un’arte. Oggi lo pensano in tanti, siamo tutti curiosi di scoprire la storia dei cocktail perché abbiamo capito che no, i cocktail non esistono da dieci anni, che i migliori possono avere più di 50 anni e che un tempo era molto più normale farsi un old fashioned in casa di quanto non lo sia oggi. Insomma, c’è sempre qualcosa da scoprire. Ma c’è sempre anche qualcuno che fa il maestrino. Magari sa tanto davvero, ma a furia di correggere gli amici o spiegare come viene distillata la preziosa vodka che ha in mano si perde il vero lato bello del bere: quello umano. Ecco cosa significa essere snob da bancone.

 

Cosa significa essere snob da bancone? Be’, possiamo dividerli in queste categorie:

Lo snob che non può fare a meno di correggere le pronunce
Magari la correzione all’amico viene fatta con le migliori intenzioni e non per pedanteria, ma se succede ogni volta allora sì, vi trovate di fronte a uno snob da bancone. Bisognerebbe spiegargli che si esce per divertirsi, per imparare ci sono le accademie.

Lo snob che guarda dall’alto al basso chi beve shot
Sì, bere alla goccia non ha molto senso, considerato che il bello del bere è assaporare i sapori e condividere il momento con qualcuno – o con sé. Ma cedere a uno shot ogni tanto non è peccato, purché sia fatto per la compagnia e non per il gusto di bere tanto… Anche perché è il modo “migliore” per stare male.

Lo snob che non frequenta le bettole
Lo ha insegnato un famoso rum… a volte i migliori cocktail sono serviti nei peggiori bar. E in genere costano meno. A tutti piace sedersi a un bancone in marmo e essere serviti da un bartender in giacca e camicia, ma le bettole sono frequentate da un campionario umano meraviglioso. È come seguire una lezione di antropologia.

Lo snob che fa polemica con il barman
“Com’è possibile che non abbiate tal gin o tal whiskey?” Ecco cosa significa essere snob da bancone. E tu, lì accanto, vorresti sprofondare. Ecco cosa significa essere snob da bancone. È ovvio che i bar non possano avere tutti i distillati esistenti al mondo, soprattutto gli small batch. Se hai provato un gin prodotto da una famiglia inglese in piccole quantità, usando le bacche del loro giardino, e ti ha fatto impazzire, compralo e goditelo a casa.

Lo snob che deve fare conversazione con il barman a tutti i costi
Sì, per un barman è bello che ci sia qualcuno interessato a sapere quale bottiglia ha scelto per preparare un vodka sour, ma non sempre ha tempo per fare lunghe conversazioni soprattutto quando lo snob diventa pesante (e maleducato?) e comincia a spiegare cosa avrebbe usato lui. Mettetegli il bicchiere in mano, la cannuccia in bocca… Qualsiasi cosa, ma fermalo!

 

Ero che sai che cosa significa essere snob da bancone, LEGGI ANCHE: Galateo al bar. Le 5 regole non scritte che hai sicuramente infranto, bestia!

 

Potrebbe interessarti

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!
Internet
36 visualizzazioni
Internet
36 visualizzazioni

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!

Anna Giulia Bevilacqua - 14 dicembre 2018

Il 2018 volge al termine ed è arrivato il momento di tirare le somme. Ma, se per la vostra vita…

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta
News
3 condivisioni31 visualizzazioni
News
3 condivisioni31 visualizzazioni

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta

The Millennialist - 13 dicembre 2018

Il cantante di Cinisello è colpevole o innocente nel caso della tragedia di Corinaldo? All'indomani della tragedia di Corinaldo, mancava…

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte
Arte
11 condivisioni52 visualizzazioni
Arte
11 condivisioni52 visualizzazioni

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte

Valeria Mangano - 13 dicembre 2018

Se dico Il nome della Rosa probabilmente pensate prima a Sean Connery e solo dopo a Umberto Eco. Questo perché…