Quali drink bere nel 2018. Anzi, quali NON bere

11 gennaio 2018
9 Condivisioni 53 Visualizzazioni

Che drink bere durante questo 2018? Seguiteci e lo scoprirete. Intanto beccatevi  questa lista dei cocktail peggiori del 2017

Come ogni anno anche il 2017 ha portato nuovi trend alcolici, intesi non solo come prodotti, ma anche come abitudini di consumo. Come in tutti i campi alcuni di essi sono solo mode, altri invece resisteranno. Ecco i 5 peggiori trend nei drink del 2017 da dimenticare subito.

1 Tropical beer – all’estero si chiamano Juicy IPA. Le Indian Pale Ale aromatizzate alla frutta hanno avuto un boom l’anno scorso, soprattutto all’estero. Meno in Italia, per fortuna. Sono birre aromatizzate all’ananas, al mango, alla guava o al frutto della passione e anche alcuni birrifici italiani hanno seguito questa moda. Dimentichiamole pure e torniamo a bere la nostra Guinness.

2 Healthy Cocktail – un ossimoro. Sono come il cioccolato che fa dimagrire: una menzogna. Qualcuno ha mai associato la parola benessere all’alcol? No, sono solo una trovata di marketing per sapere quali drink si vendono ai più salutisti. Addio!

3 Guarnizioni e decorazioni – lamponi, foglie tropicali e fiori edibili sono sicuramente molto instagrammabili, ma decisamente scomodi da gestire in un bicchiere da cui si deve bere. Ci sono alcuni cocktail tropicali che non possono fare a meno di certe decorazioni – vedi il Tiki – ma per tutti gli altri… un ciaone senza rimpianti. Sapere quali drink bere sarà più semplice.

4 Vini naturali – bellissima iniziativa i vini prodotti con uve coltivate senza l’uso di prodotti chimici, e in effetti non c’è motivo perché scompaiano. Quello di cui non se ne può più sono i loro fan sfegatati che bevono solo vini naturali e che maledicono tutti gli altri. Gli estremismi e l’alcol non vanno d’accordo.

5 Gin – la moda degli ultimi anni ha migliorato la selezione dei gin anche dei bar di periferia e ha dato vita a nuovi distillati notevoli, ma se già nel 2016 metà clientela era esperta di gin, il 2017 è stato rovinoso. Eppure basterebbero due domande per smascherare i sedicenti “amanti” del gin. In ogni caso, largo ad altro e noi vi avevamo avvisati per tempo: tequila e mezcal saranno il trend del 2018.

LEGGI ANCHE:

Hangover, quali prospettive?

Trovare il bar perfetto

I classici famigliari bevitori che ti mettono in imbarazzo

 

Potrebbe interessarti

Si dice buon appetito? Più o meno come si dice auguri a un funerale
Food & Drink
9 condivisioni18 visualizzazioni
Food & Drink
9 condivisioni18 visualizzazioni

Si dice buon appetito? Più o meno come si dice auguri a un funerale

Daniele Franchi - 16 gennaio 2018

Millennial, vi prego, smettete di dire: “Buon appetito”. Io lo so che siete convinti di essere educati, dicendo buon appetito o…

Blue Monday 2018: perchè non essere tristi nel giorno più triste dell’anno?
Cultura
12 condivisioni36 visualizzazioni
Cultura
12 condivisioni36 visualizzazioni

Blue Monday 2018: perchè non essere tristi nel giorno più triste dell’anno?

Pesce Pilota - 15 gennaio 2018

Il 15 gennaio  viene etichettato come il giorno più triste dell'anno, anche chiamato Blue Monday 2018. Ma perché è così atrocemente…

Cose che un uomo deve sapere sull’amore alla soglia dei 30 anni
Coppia
58 visualizzazioni
Coppia
58 visualizzazioni

Cose che un uomo deve sapere sull’amore alla soglia dei 30 anni

The Millennialist - 14 gennaio 2018

Chi ha vissuto relazioni stabili per un po' e ora è single. Chi si è buttato su Tinder come Fantozzi…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi