Milano moda uomo giugno 2018: Stella McCartney ha fatto il botto

22 giugno 2018
3 Condivisioni 246 Visualizzazioni

Di solito a Milano la fashion week maschile ha minore attenzione mediatica di quella femminile, dura anche pochi giorni (in pratica solo tre ma si chiama “settimana”). Di conseguenza il tasso di mondanità è decisamente minore. Durante la Milano moda uomo giugno 2018, però, c’è stato qualche picco di eccezione.

Brooks Brothers ha dato il via alla Milano moda uomo giugno 2018 già giovedì nel flagship store di Brera col terzo evento “Summer Series” del mese.

Gran chiusura con la presentazione della collezione uomo e donna di Stella McCartney il lunedì. Era anche il giorno del compleanno del padre Paul e Stella si è augurata che questa data le portasse fortuna, dopo essere mancata per anni.

Fantastica la location: il giardino del Palazzo delle Stelline, un angolo di verde nascosto dell’esclusivo corso Magenta. Qui gli alberi sono stati adornati di lampade multicolore, la pizza  preparata e cotta al momento (gli stranieri erano affascinati). È stata allestita anche un’area dove poter vedere i mondiali su un maxi-schermo.

Il parterre di invitati era di eccezione, complice anche la pr Virginia Galateri dei conti di Genola.

Speriamo di non dover aspettare di nuovo anni per la prossima presentazione di Stella a Milano.

Il sabato della settimana Milano moda uomo giugno 2018 è stato, come per le scorse stagioni, il giorno più pregno di eventi: impossibile andare a tutti.

Bello ed elegante a palazzo Serbelloni quello di Giada per il lancio della collezione “Hand Picked”.

Chi voleva farci solo un “passaggio”, attirato dalla curiosità per la nuova linea, si è poi fermato a lungo…

Taglio molto diverso per i due grandi parties della serata: Diesel e Philipp Plein. Tanti modelli e tanta musica. I più fortunati hanno fatto la doppietta. Paris Hilton era testimonial da Plein ma l’aspetto mondano della serata ha prevalso sulla presenza della celebrity, non ha riscosso un particolare interesse: era molto più affollata l’area bar….

Domenica molte presentazioni pomeridiane si sono trasformate in momenti social, su tutte quella di Robert Cavalli. Giovane designer, figlio di Roberto ed Eva, ha debuttato col suo marchio Triple RRR a gennaio al Pitti. Stabilitosi a Milano da un paio di anni ha presentato la nuova linea nell’affascinate cornice dei chiostri di San Barnaba.

Il Palazzo del Ghiaccio è stato trasformato in una giungla per la presentazione di Etro, i socials erano impazziti…

La sera cena per il rilancio della rivista Uomo Vogue che, dopo essere stata chiusa, ha pubblicato, rinnovata, un nuovo numero il 12 giugno in occasione dei 50 anni.

 

LEGGI ANCHE:

Come organizzare eventi? All’opposto di come fanno le pr italiane

Milano Design Week 2018, un bilancio: il turismo a Milano è ufficialmente diventato cool

Le migliori zone di Milano dove investire. Un’inchiesta per Millennial lungimiranti

Potrebbe interessarti

La Milano Fashion week settembre 2018 ha riaperto la piaga delle calze femminili
Moda
1 condivisioni55 visualizzazioni
Moda
1 condivisioni55 visualizzazioni

La Milano Fashion week settembre 2018 ha riaperto la piaga delle calze femminili

Anna Giulia Bevilacqua - 24 settembre 2018

Nel best of della Milano Fashion Week settembre 2018 rientrano di certo i collant della collezione Moschino realizzata da Jeremy…

Festival della Statistica: i millennial non si riproducono. Rischio estinzione
Famiglia
40 visualizzazioni
Famiglia
40 visualizzazioni

Festival della Statistica: i millennial non si riproducono. Rischio estinzione

The Millennialist - 24 settembre 2018

Andate, andate nei bordelli delle bambole di silicone: fra 100 anni in Italia ci saranno solo 16 milioni di abitanti…

Morire di Selfie: la storia del fotografo che decomponeva la gente
News
2 condivisioni149 visualizzazioni
News
2 condivisioni149 visualizzazioni

Morire di Selfie: la storia del fotografo che decomponeva la gente

Mordeicani Richler - 23 settembre 2018

Morire di selfie. Racconto su un fotografo che si è suicidato per immolarsi alla suprema arte dei Millennial. Giorgio era…