Disco Drink Mania. La moda anni 70 nel bicchiere. 5 cocktail con zeppa

Avatar
14 Febbraio 2018
4514 Visualizzazioni

Ammettiamolo, se non fosse per John Travolta gli anni 70 resterebbero un concentrato di bruttezza. Dalla disco music alle capigliature, si spera davvero che restino là, nell’epoca pre-millennial. In fatto di cocktal è anche peggio. Eppure la moda anni 70 da qualche tempo riempie i bicchieri di mezzo mondo (però con ingredienti di alta qualità). Preparatevi: nel 2018 assaggerete almeno uno di questi 5 drink.

 

Mai come in quel decennio i barman hanno usato ingredienti artificiali e liquori iper dolci, come l’amaretto o il midori, ed è stata lunga la strada per riprendersi da quella sbornia stucchevole. Solo negli anni Duemila i bartender hanno guardato ai vintage cocktail, a quelli preparati usando prodotti freschi e meglio se locali.

Poi nel 2014 un bar di Portland, nell’Oregon, ha inserito nella drinklist il cocktail Grooshopper (crema di menta, crema di cacao bianco, crema di latte). E la sorpresa è che non solo è ancora nel menu, ma è uno dei cocktail più ordinati. A New York nello stesso periodo un altro bar ha inserito il Grosshopper nel menu rivisitando la ricetta con latte di mandole e pepe nero.

La moda anni 70 nel bicchiere significa recuperare i tremendi cocktail anni dell’era disco, certo, ma ripensarli e prepararli con ingredienti di alta qualità… Scommettiamo che quest’anno troverete (e assaggerete) almeno uno di questi cinque cocktail?

 

Godfather

È una variazione dell’Old Fashioned, fatto con parti uguali di Scotch whisky e liquore all’amaretto. Molto celebre negli anni Settanta, anche per via dell’omonimo film, è poi caduto in disgrazia ed evitato da quasi tutti i baristi. Ma se preparato con ingredienti di qualità, vi stupirà.

 

Rusty Nail

Questo cocktail miscela Scotch e Draumbie, un liquore fatto con miele e Scotch. Generalmente ritenuto troppo dolce e accettabile solo come dessert, il cocktail ha riguadagnato attenzione grazie alla serie Better Call Saul (il prequel della serie Breaking Bad). Sono pochissimi i barman che lo fanno per ora, ma sta diventando sempre più popolare…

 

White Russian

Questo cocktail cremoso è amato dai fan del Grande Lebowski. Ma nel mondo dei bar, il White Russian non è apprezzato. La maggior parte dei baristi (e dei clienti) ritengono che sia troppo dolce e pesante. E in effetti se viene preparato con una vecchia bottiglia di Kahlua, una vodka scadente, allora sì, è un cocktail tremendo. Ma scegliendo ingredienti di qualità, questo cocktail può sorprendere.

 

Midori Sour

Il midori è un liquore giapponese a base di melone, quindi iper zuccheroso e difficile da calibrare in un cocktail. Questa è la sfida per i barman: trovare il giusto equilibrio per stemperare l’eccessiva dolcezza del midori, creare un drink sofisticato e rendere apprezzabile la moda anni 70 da bere.

 

E dopo aver capito come si beve la moda anni 70, LEGGI ANCHE: Come rimorchiare una ragazza in un bar: basta aprire la bocca