Andare in moto è pericoloso? Sì, ma non per i rischi che immaginano le mammine

20 marzo 2018
4 Condivisioni 105 Visualizzazioni

Le madri dei motociclisti pregano per la vita dei loro figli. Però i veri  rischi sono diversi da quelli che le mamme immaginano. Qui si parla di pavé cancerogeno e di labbra sbrilluccicanti. Ecco perché andare in moto è pericoloso…

Se di notte sfrecci per la statale, e buchi il semaforo lampeggiante, si può forse urlare contro il destino nel caso in cui un tir cecoslovacco in procinto di consegnare un carico di polli all’Esselunga riduca anche te in carne da macello?

Traduzione: se il pilota di motociclette è un idiota irresponsabile, è meglio che le preghiere di sua madre siano rivolte alle vite che il suddetto idiota mette a repentaglio.

Ecco invece i veri (scientificissimi) motivi per cui andare in moto è pericoloso:

1. La visiera aperta. Tenere sempre, sempre chiusa la visiera (si dà per scontato che un motociclista fatto e finito vada in giro con il casco integrale). Altrimenti, dopo pochi minuti, oltre al vostro bel capoccione, dentro al casco rischiereste di trovare tutto quello che normalmente si dovrebbe buttare nei cestini, o per terra: una scatarrata, un mozzicone incandescente, preservativi ai vari gusti, cartacce del McDonalds.

2. Sorpasso dell’autobus in sosta. Se volete sorpassare l’autobus alla fermata, fatelo almeno sul marciapiede opposto. Primo, perché le auto che vengono dall’altra parte sono attratte come asteroidi da un pianeta. Secondo, i pedoni frettolosi, nella maggior parte dei casi studentelli in larghe tute nere con cappuccio che ti guardano con disprezzo, sbucano come vermi dopo la pioggia.

3. Il pavé cancerogeno. Evitate il pavé se non volete propiziarvi un cancro alla prostata prima dei cinquant’anni. A meno che non abbiate una passeggera super tettona, traballante e sballonzolante, in una sudata giornata estiva…allora vale la pena rischiare.

4. Le strafighe alla guida delle 500. State alla larga dalle 500. Ormai è scientificamente provato: alla guida ci sono 90 su 100 delle attizzatrici dalle labbra gommose e sbrilluccicanti che indossano senza dubbio un tanga Calvin Klein. È inutile accostarsi a loro al semaforo e cercare di farsi notare. Stanno sempre dietro al cellulare o al trucco, che deve essere perfettissimo. Ricordate: se finite sotto una 500 sbavando con gli occhi fissi sulla conducente, per lei non sarete altro che una bella storia da mettere su Instagram.

 

Dopo avere scoperto perché andare in moto è pericoloso, LEGGI ANCHE: Un extraterreste in metropolitana! Anche gli alieni a Milano sono alienati

Potrebbe interessarti

Sono un ex allievo del prof che fa gli auguri a Hitler. Chi è davvero Felice Spicocchi?
News
8 visualizzazioni
News
8 visualizzazioni

Sono un ex allievo del prof che fa gli auguri a Hitler. Chi è davvero Felice Spicocchi?

Daniele Franchi - 24 aprile 2018

Sì, a quanto pare il mio prof fa gli auguri a Hitler e sì, ha un feticismo per i nazisti.…

Sono Giapponese! Lesson 30. I cervi giapponesi sono come essere divino che attacca chi li nutre. Ma che, sono impazziti?!
Appuntamenti
10 visualizzazioni
Appuntamenti
10 visualizzazioni

Sono Giapponese! Lesson 30. I cervi giapponesi sono come essere divino che attacca chi li nutre. Ma che, sono impazziti?!

Kentaro Hara - 24 aprile 2018

Il ragazzo giapponese, cioè io, sclera  - “Ghe n’è minga!” - nei confronti dei cervi giapponesi noti come un essere…

Stagione di festival balneari (o solari, o stellari): outifit serata al mare!
Moda
2 condivisioni40 visualizzazioni
Moda
2 condivisioni40 visualizzazioni

Stagione di festival balneari (o solari, o stellari): outifit serata al mare!

Valeria Papa - 23 aprile 2018

Coachella 2018, l'evento a cui chiunque vorrebbe andare ma che in molti possiamo solo sognare e stalkerizzare sui social dei…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi