Vacanze in Grecia: l’uso e il disuso dell’Ouzo (e altri spiriti dionisiaci)

29 giugno 2017
156 Condivisioni 2791 Visualizzazioni 1 Commenti

Scegliere la meta delle proprie vacanze in Grecia in base a spiagge e movida? Mmmm: banale… Piuttosto, valutate attentamente il grado alcolico offerto dalla destinazione! Perché in Grecia non c’è brezza senza ebbrezza!

Se la vostra domanda in merito alle sospirate vacanze in Grecia è dunque dove andare ecco i 5 Place to Be per un break dionisiaco sulle rotte dell’alcolismo Greco. L’ordine, ovviamente, segue il tasso alcolico proposto a partire dal più elevato:

1 LESBO: sede di produzione di uno dei marchi top di ouzo, il Plomari, vi offre anche la possibilità di un gita culturale. Sì insomma, la visita al Museo dell’ouzo. Che poi sia la patria di Saffo e del poeta Alceo; che poi abbia un castello medioevale a Mitilene di rilevanza storico-architettonica; che poi vanti una foresta pietrificata nella zona di Sigri praticamente unica… chissene… Tanto non vi ricorderete delle vacanze in Grecia soprattutto grazie alle serate ouzo oriented.                                  

Grado Alcolico: Ouzo 40%

2 CHIOS: patria esclusiva della Mastika: una resina dalle proprietà terapeutiche che cura un po’ tutto al pari del Vetril per il padre di Toula ne Il mio grasso grosso matrimonio greco. Ma qui, delle proprietà terapeutiche, poco importa. La Mastika si trasforma infatti anche in un ottimo liquore. Un po’ denso, leggermente dolciastro, ottimo con cubetti di ghiaccio che lo rendono refrigerante. Un drink da sorseggiare in ogni momento della giornata in questa che è un’Isola ancora “segreta” e poco frequentata che fu patria di Omero. E cosa aggiungere… che il Kastro del capoluogo con un antico hammam al su interno; che le spiagge affascinanti; le vallate verdeggianti ed i paesi che hanno mantenuto inalterato il loro fascino medioevale risultano – ovviamente – molto meno importanti della Mastika! Così come poco importa che ci sia un Monastero Patrimonio Unesco: il Monastero di Nea Moni.
Grado Alcolico: Mastika 30%

scaffale con bottiglie di metaxa da acquistare durante le vacanze in grecia

scaffale con bottiglie di metaxa

3 EUBEA: Eubea (o Evia) è la seconda isola per estensione. Collegata al continente da un ponte che la rende facilmente accessibile e poco distate da Atene (1 ora) ed è l’ideale per un assaggio di vacanze in Grecia: regala paesaggi variegati e spiagge deserte anche in piena estate. Gli italiani – e gli stranieri – la snobbano. Probabilmente perché non sanno che è l’Isola in cui nacque uno dei personaggi più importanti della Grecia moderna. Chi, vi chiederete, Eleutherios Venizelos che dà il nome all’aeroporto di Atene? No! Spyros Metaxas padre fondatore del brandy greco per definizione: la Metaxa appunto, distribuita in oltre 60 paesi nonché primo liquore in assoluto ad essere bevuto nello spazio! Sti greci… ma quanti primati hanno…. Bene, allora, ricapitolando: non importa essere in un’isola che offre spiagge deserte che in alcuni punti ricordano quelle delle Seychelles; taverne con due avventori anche in estate; sorgenti termali e via dicendo. Ciò che conta è che siete a rendere omaggio a Spyros Metaxas!
Grado Alcolico: Metaxa 30%

La degustazione dell’Ouzo Plomari

4 CEFALONIA: verdissima, con poco vento (ideale per chi odia il meltemi), con rovine normanne a Fiskardo, con un lago misterioso – Lago Melissani – chiamato anche grotta delle ninfe; con spiagge cristalline Celafolnia ha proprio tutto! Anche il mitologico “rosso” Mavrodaphne. Un vino che viene prodotto qui e a Patrasso (ma Patrasso è cessa si sa, quindi potete bypassarla) e che diventa il vero motivo della vostra vacanza nelle Ionie! Si sposa bene con moussaka e stifado, rendendo indimenticabile ogni cena.

Grado Alcolico: Mavrodaphne 13,5%

5 TINOS: Tinos, per voi, non rappresenterà la Lourdes Greca (denominata così per il Monastero di Panaghía Evangelístria). Il vostro pellegrinaggio, infatti, non vi porterà alla sorgente miracolosa racchiusa all’interno del santuario bensì in una taverna sul mare a sorseggiare birra “onesta”, assolutamente nativa, non pastorizzata ed artigianale prodotta in quantità limitata. La vostra richiesta alla Madonna, dunque, sarà quella di far sì che le scorte di Nissos non finiscano durante il vostro soggiorno. E cosa dire dei pittoreschi e incantevoli villaggi di Pyrgos, Volax, Tarambados? Che offrono una cornice assolutamente ellenica alla vostra Nissos ghiacciata!

Grado Alcolico: Nissos 5%

Yamas! E buone grasse grosse vacanze greche!

LEGGI ANCHE:

Ecco il kit per prepararsi a una settimana di cibaglia greca

 

Potrebbe interessarti

Dove andare in vacanza a settembre se sei un millennial con una settimana al massimo
Viaggi
15 visualizzazioni
Viaggi
15 visualizzazioni

Dove andare in vacanza a settembre se sei un millennial con una settimana al massimo

The Millennialist - 20 agosto 2018

Sono decenni che gli italiani tentano di raccontarsela: che andare in vacanza a settembre è meglio, che c'è meno gente.…

L’estate sta finendo: non riuscire a immaginare un futuro all’altezza del passato
Cultura
1 condivisioni58 visualizzazioni
Cultura
1 condivisioni58 visualizzazioni

L’estate sta finendo: non riuscire a immaginare un futuro all’altezza del passato

Mordeicani Richler - 19 agosto 2018

L'estate sta finendo dei tamarrissimi Righeira vinse il Festivalbar nell'ormai lontano 1985, anno in cui i Millennial al massimo nascevano…

La 1 giornata serie A 2018 non è solo calcio: è una promessa di rinascita che ci consola dalla fine dell’estate
Forma
3 condivisioni62 visualizzazioni
Forma
3 condivisioni62 visualizzazioni

La 1 giornata serie A 2018 non è solo calcio: è una promessa di rinascita che ci consola dalla fine dell’estate

Mordeicani Richler - 17 agosto 2018

Anche con la fine dell'estate la vita continua. Riprendono i riti sempre uguali, le consolazioni dell'autunno, le abitudini che danno…

Un commento

  1. Pingback: Ma come vede, un greco, un italiano in vacanza in Grecia? - My Greek Salad