Cosa fare in aeroporto per passare il tempo? Che domande, BERE! (in questo modo)

12 luglio 2018
5 Condivisioni 636 Visualizzazioni

Ci siamo. Tutti pronti per partire le vacanze? Vi troverete di certo indecisi su cosa fare in aeroporto per passare il tempo. Bene, ecco allora alcune regole per i bevitori seri (e seriali) che non conoscono modo migliore di ingannare la noia se non in uno dei tanti bar di un aeroporto. Quei bevitori seri che poi in volo chiedono sempre un bicchiere di vino. Soprattutto sulle tratte a lungo raggio, con la pessima scusa che “un bicchiere mi aiuta a prendere sonno”.

 

Cosa fare in aeroporto per passare il tempo? Intanto andiamo per esclusione: 

Non puoi bere ovunque. Non dipende tanto dalla zona dell’aeroporto in cui ti trovi, ma dal Paese: ci sono aeroporti in cui potresti bere anche al gate, altri dove puoi farlo solo nei bar. Guardati in giro e informati prima di finire nei guai.

No, non puoi portare il tuo cocktail o il tuo bicchiere di vino sull’aereo. Finiscilo prima di salire a bordo. E fin qui, tutto semplice.

No, non puoi nemmeno bere le bottiglie comprate al duty free. Ecco perché te le sigillano nel sacchetto: per scoraggiarti. I prodotti comprati in aeroporto si possono consumare e utilizzare solo dopo aver lasciato l’aeroporto.

Cosa si può e non si può fare in aereo:

Se in aeroporto vigono le leggi dello Stato in cui ci si trova, in volo è tutto un po’ più selvaggio. Quindi una compagnia americana potrebbe servire da bere alcol anche ai minori di 21 anni, per esempio. Dipende dalla compagnia aerea, ma è più facile spuntarla.

Sì, puoi portare alcol con te, ovviamente senza superare le quantità previste dalle norme di sicurezza sui liquidi.

Ma no, non puoi berli: la compagnia low cost JetBlu e poche altre permettono di bere i propri alcolici in volo, purché tu consegni la bottiglia agli assistenti di volo così che abbiano sotto controllo la situazione. Ma sono casi rari, la maggior parte delle compagnie non serve alcol all’infuori del proprio… e quando è gratis viene anche da chiedersi perché portarsi il proprio.

No, non c’è un limite, ma gli assistenti di volo possono rifiutarsi di servirti da bere se pensano che tu abbia bevuto troppo. E soprattutto ricordati che in aereo l’effetto dell’alcol è accentuato e la disidratazione è ancora più veloce. Quindi, usa il buon senso e non esagerare. Anche perché non c’è niente di peggio di un ubriaco in volo.

Ora che sai cosa fare in aeroporto per passarti il tempo, LEGGI ANCHE:

Hemingway cocktail: ecco i drink preferiti dalla spugna della letteratura

30 foto d’autore da Lanzarote, pura bellezza a impatto zero

Che cos’è il “begpacking”, l’ultimo sport estremo per viaggiare gratis

Potrebbe interessarti

Cybercondria: consultare internet per malattie è a sua volta una malattia. Smettila!
Internet
3 condivisioni43 visualizzazioni
Internet
3 condivisioni43 visualizzazioni

Cybercondria: consultare internet per malattie è a sua volta una malattia. Smettila!

Camilla Tombetti - 14 novembre 2018

Abbiamo già parlato di come Internet influisca sulle vite di noi Millennial. La potenzialità del web ci permette di accedere…

Congiura dei pazzi: ecco ciò che devi sapere per parlarne in giro
Arte
2 condivisioni47 visualizzazioni
Arte
2 condivisioni47 visualizzazioni

Congiura dei pazzi: ecco ciò che devi sapere per parlarne in giro

The Millennialist - 14 novembre 2018

Tra storia e fiction, la Congiura dei Pazzi affascina i millennial. Ma occhio agli stravolgimenti della sceneggiatura... La Congiura dei Pazzi gran…

Come fermare il tempo, libro di Matt Hagg, ci insegna che l’immortalità è mortalmente noiosa
Arte
23 visualizzazioni
Arte
23 visualizzazioni

Come fermare il tempo, libro di Matt Hagg, ci insegna che l’immortalità è mortalmente noiosa

Valeria Mangano - 13 novembre 2018

Avete mai desiderato di essere immortali? Sebbene una vasta letteratura millennial esalti le vite di vampiri (pensate a Twilight), alchimisti…