30 foto d’autore da Lanzarote, pura bellezza a impatto zero

Il Parco Nazionale del Timanfaya

Un Bus durante un tour nella “Montañas del Fuego”

Tenesar, un piccolo villaggio nella costa occidentale dell’isola

All’interno della Fondazione César Manrique, che è stato un artista locale che ha influenzato positivamente l’approccio turistico dell’isola, ideando e realizzando una serie di strutture con un impatto turistico sostenibile

Una delle installazioni artistiche di César Manrique che si trovano in tutta l’isola

“Jardin de Cactus”, un giardino con centinaia di specie di cactus provenienti da tutto il mondo

Il giardino esterno del “Jameos del Agua”, uno dei luoghi turistici ideati e creati da César Manrique

Il piccolo lago interno di “Jameos del Agua”, luogo in cui si osservano i granchi endemici detti “granchi ciechi”

“Cueva de los Verdes”, un labirinto di grotte sotterranee create naturalmente da una colata di lava

Un tour con i cammelli all’interno del Parco Nazionale del Timanfaya

Una varietà di cactus che cresce ovunque sull’isola

Casa Carmelina nel villaggio di Punta Mujeres

Una casa fatta interamente con pietre laviche nel villaggio di Punta Mujeres

La pista ciclo-pedonale che va da Arrecife al villaggio di Playa Honda

Un artista di strada nel mercato che si tiene ogni weekend a Teguise

Un’imbarcazione che collega Lanzarote con la vicina isola La Graciosa

L’isoletta La Graciosa ha solamente un centro abitato e strade non asfaltate

Il centro sportivo dell’isola La Graciosa

Piantine sull’isola La Graciosa

Las salinas, una grande distesa di sale che si estrae ancora manualmente

La via del vino con le tipiche protezioni per riparare i vitigni dal vento

Una dei molti luoghi in cui gustare i vini locali

La spiaggia di Famara, luogo di culto per surfisti

Il punto più vicino per osservare gli aerei che atterrano nell’aeroporto di Lanzarote

Due pescatori nel porto di Arrefice

Aperitivo serale nell’ultimo piano del Gran Hotel, che è il più altro edificio dell’isola coi suoi 17 piani

Vista di Arrecife dal Gran Hotel

Torneo di bocce nella capitale Arrecife

Una scolaresca si allena sulla piaggia di Arrecife

Uno Skate Park ad Arrecife, capitale di Lanzarote dal 1852

7 febbraio 2018
3 Condivisioni 92 Visualizzazioni

Nell’ottobre 2017 si è tenuta a Lanzarote una conferenza internazionale sull’enorme impatto dell’industria del turismo: uno dei settori economici più influenti del pianeta. Perché proprio a Lanzarote? Be’, godetevi la gallery di Diego Mayon, 30 foto di pura bellezza a impatto zero, e capirete.  

Le Nazioni Unite hanno designato il 2017 come “Anno internazionale del turismo sostenibile per lo sviluppo” con lo scopo di sostenere un cambiamento nelle politiche, nelle pratiche commerciali e nel comportamento dei consumatori verso un turismo più sostenibile, a livello locale, regionale e globale. La scelta di Lanzarote non è stata casuale perché la parte più orientale dell’isola delle Canarie è uno degli esempi più riusciti di turismo sostenibile.

Lanzarote è l’unica isola al mondo ad avere nella sua totalità lo status di Riserva della Biosfera, ottenuta dall’UNESCO nel 1993.

Dopo più di venti anni questo status è ancora mantenuto grazie a due fattori principali.

In primo luogo grazie alla figura di César Manrique, artista ed ecologista che ha avuto una grande influenza sui regolamenti di pianificazione dell’intera isola, dalla metà degli anni Sessanta fino alla sua morte, nei primi anni Novanta. Manrique è stato in grado di creare una serie di attrazioni basate su un rispettoso dialogo tra arte e natura, generando un turismo sostenibile che preservasse l’integrità della terra, senza rinunciare ai benefici economici e sociali per la popolazione locale, legati allo sfruttamento del turismo.

Un secondo fattore che permette a Lanzarote di mantenere un ottimo equilibrio tra turismo e conservazione del territorio è il piano territoriale insulare adottato nel 2001 dal governo delle Canarie, appunto per proteggere la terra e gli abitanti dal forte aumento del turismo. Il piano è servito, soprattutto, per limitare e controllare lo spazio edificato.

Questi due fattori hanno permesso a Lanzarote di sviluppare un turismo sostenibile che riesce a mantenere un equilibrio tra i bisogni degli abitanti e quelli dei turisti, sia proteggendo le risorse naturali dell’isola, sia sfruttandole sotto forma d’intrattenimento.

 

LEGGI ANCHE: Che cos’è il “begpacking”, l’ultimo sport estremo per viaggiare gratis

Potrebbe interessarti

Arriva il burian: come difendersi dal freddo siberiano con gli hygge cocktail
Food & Drink
8 condivisioni7 visualizzazioni
Food & Drink
8 condivisioni7 visualizzazioni

Arriva il burian: come difendersi dal freddo siberiano con gli hygge cocktail

Mathilde Smith - 22 febbraio 2018

Ci avevano avvisati ed è arrivato: il famigerato burian. Rimandato il cappotto leggero, le gambe all’aria e l’aperitivo al sole.…

Ideologie morte, pelle viva. Il partito unico della lotta all’invecchiamento
Cosmetica
18 condivisioni38 visualizzazioni
Cosmetica
18 condivisioni38 visualizzazioni

Ideologie morte, pelle viva. Il partito unico della lotta all’invecchiamento

Federico Guiscardo - 21 febbraio 2018

Una generazione de-ideologizzata che fa fronte comune contro il vero nemico dell'Italia, del Mondo Libero, dell'Umanità, della Vita: la Morte…

Courtney Love oggi: musa new grunge per la primavera estate 2018
Moda
2 condivisioni32 visualizzazioni
Moda
2 condivisioni32 visualizzazioni

Courtney Love oggi: musa new grunge per la primavera estate 2018

Valeria Papa - 21 febbraio 2018

Kurt Cobain, frontman dei Nirvana, icona della musica grunge e degli anni '90, è rimasto nei nostri cuori come un…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi