Sono Giapponese! Lesson 28. Cosa si fa in primavera in Giappone? Si diventa profughi per trasloco

5 aprile 2018
6 Condivisioni 211 Visualizzazioni

Adesso che vi siete goduti la Pasqua, la Pasquetta e il Super Pasqualone, scoprite cosa si fa in primavera in Giappone! Udite al vostro ragazzo giapponese, cioè a me!

 

Sapete che l’altro giorno una mia amica italiana ha sclerato sapendo in Giappone non esiste la Pasqua? Così ovvio che non abbiamo Super Pasqualone. Ah beh sì, a parte di un piccolo spicchio dei cristiani presenti in Giappone, la maggior parte di noi sono buddisti e quindi la Pasqua, così come il Natale in Giappone, non fa nessun effetto qua. Manco la Pasquetta, di conseguenza.

Qui vi potrebbe sorgere una domanda in voi.

“Allora, cosa si fa in primavera nella vostra Sacra Isola che l’Italia al confronto è una spregevole cagna? La muffa divina?”

Ma anche NO! Dovete studiare bene ciò che capita in aprile in Giappone. Mica cotiche.

 

Nuovi arrivati in qualsiasi luogo della società

In Giappone, in aprile succede tutto insieme. Nel senso che è un periodo in cui gli studenti di scuola superiore iniziano a frequentare l’università e scuola professionale o a lavorare per le aziende. Gli studenti universitari, laureatisi, entrano in qualche ambiente lavorativo e praticamente la maggior parte di loro diventano impiegati, cioè succubi di un’azienda.

In tutte queste situazioni, ogni anno si ripete la stessa procedura di avvicinamento, annoioso (nel linguaggio del Ragazzo Giappponese, un misto tra annoso e noioso, ndr), tra i nuovi arrivati. L’argomento con cui non si sbaglia mai è quello sul dialetto. “Noi a Hokkaido diciamo così perché siamo più sacri”. “No, noi di Hiroshima siamo più sacri perché diciamo colà”. Che pizza a vedere una cosa accadere in ripetizione fino al seppuku!

Tra diversi dialetti in Giappone, spicca in assoluto il Kansai-ben (Kansai=Una regione con in centro Osaka e Kyoto, Ben=Dialetto). Questo dialetto letteralmente batte tutti gli altri dialetti. Ha un sapore deciso come le aciughe. Accento e intonazione. Tanti esclamativi. Poi, soprattutto, la gente di Kansai non pensa che a far ridere gli altri. Burlonissimi Kansai.

 

Senza la Pasqua

Qui ovviamente non abbiamo la Pasqua. Beh, se parliamo dei giapponesi tradizionali, intendo. Certo che ci sono dei cristiani anche in Giappone, ahahahah, ma la Pasqua come parola non è tanto nota tra la gente. Se avete dubbi, provate a chiedere a Goku, di Dragon Ball, se lo sa. Vi risponderebbe, “È squisita?” Vabbè, lui prende tutto per cibo. Occhiolino di intesa con voi.

Al massimo, grazie all’inglesismo diffuso anche qui, pian pianino inizia a prendere radice il nome sostitutivo “Easter”.

Quindi, in Giappone, niente Uova di Pasqua, ossia niente Super Pasqualone della Juventus, PapaPig, e Frozen, niente Venerdì Santo (quindi si lavora come al solito), niente colomba (al massimo ci sono dei colombi nel parco di vicino), niente Pasquetta e, di conseguenza, niente Picnic di Pasquetta. Nada di nada. Non si esalta con la Pasqua.

 

Hikkoshi-Nanmin, i cosidetti profughi a causa del mancato trasloco

Cominciamo bene. Cosi si fa in primavera da noi? Si migra. A partire dalla seconda settimana fino alla quarta di marzo, arriva il periodo di picco del trasloco in tutto il Giappone. Di cui, gli studenti che vanno all’università lontana da casa loro, gli impiegati che si trasferiscono in altri office trovati anche dall’altra parte del Giappone, ecc.

Insomma, le aziende trasloco prese d’assalto da tutti!

Ci risulta così che alcuni non riescono nemmeno a prenotare il trasloco per arrivare alla nuova città e diventano i così detti Profughi per trasloco.

Da un altro punto di vista, il costo del trasloco diventa il più alto all’anno.

 

La fioritura dei ciliegi a pieno

La quintessenza più prestigiosa del Giappone in aprile è la fioritura dei ciliegi detto Sakura. Questo anno dalla settimana scorsa già iniziata e sta già finendo la stagione. In cambio di tutti gli altri sbattimenti, ci rimane sempre e comunque la fioritura dei ciliegi, il che dà conforto davvero straordinario.

Abbiamo l’abitudine chiamato “Hana-Mi”. Tipo, il picnic di Pasquetta da voi. Scegliendo un posto sotto l’albero dei ciliegi in massima fioritura, ammiri la bellezza dei fiori sentendone il profumo mentre godi la schiscetta “Obento” e il sakè giapponese con chi vuoi. Così non potrai smettere di mangiare e bere finché non finisca tutto il cibo o tua vita.

Una ciliegia tira l’altra, come le reincarnazioni.

Tuttavia, questo anno è già passato il periodo più aggettante per ammirare la fioritura dei ciliegi, megli vederci in Giappone l’anno prossimo, 2019. Ciaone fessi!

Ora che sai cosa si fa in primavera in Giappone, LEGGI ANCHE: Coachella 2018: gli hippy senza rivoluzione. Sono rimasti solo i jeans a zampa

Potrebbe interessarti

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  
Cultura
12 visualizzazioni
Cultura
12 visualizzazioni

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  

Consuelo Crespi - 19 ottobre 2018

Questa mattina mi sono svegliata e, scrollando le varie pagine social, una notizia spaventosa mi è capitata davanti agli occhi. “NIRVANA REUNITED”, con l’immagine…

Euforia, il nuovo film di Valeria Golino: il coitus interruptus della morte
Arte
2 condivisioni50 visualizzazioni
Arte
2 condivisioni50 visualizzazioni

Euforia, il nuovo film di Valeria Golino: il coitus interruptus della morte

Valeria Mangano - 19 ottobre 2018

Euforia è il nuovo film di Valeria Golino, seconda opera dopo l’esordio alla regia con Miele (2013). Se state immaginando…

Grey Goose testo. Cesare Cremonini raccontò l’amore del millennial medio: dura una notte.
Cultura
4 condivisioni63 visualizzazioni
Cultura
4 condivisioni63 visualizzazioni

Grey Goose testo. Cesare Cremonini raccontò l’amore del millennial medio: dura una notte.

Consuelo Crespi - 18 ottobre 2018

Partirà a Novembre la tournée italiana di Cesare Cremonini, cantautore bolognese, classe 1980, che si concluderà al Mediolanum Forum di Milano. Le…