Calza della Befana? Evviva l’abolizione di questo ennesimo simbolo che umilia la donna

6 gennaio 2018
8 Condivisioni 505 Visualizzazioni

Ironia preventiva: se tutte le donne twitteranno come Brie Larsson, potremmo trovarci in un mondo simile. Naaaaaaaa, dai, la calza della Befana non si tocca!

5 gennaio 2050. Finalmente questa mattina l’Unione Mondiale del Potere Femminile ha abolito la Befana e conseguentemente anche il suo simbolo, la calza della Befana. Tradizione pagana, usanza barbara che umilia la donna con la più disgustosa delle pratiche di body shaming. Quell’immagine di una vecchina rattrappita dagli acciacchi, con pochi denti cadenti, il volto grinzoso e il naso adunco ha mortificato per secoli le nonne e le bisnonne. Durante l’odiato periodo oscurantista renziano la befana entrò nel pieno della raffigurazione simbolica di tutto ciò che è vecchio, in opposizione a ciò che è nuovo e figo. Nell’ansia di rottamazione si tornò a violare ripetutamente la dignità delle vecchiette con una diffusione virale di simulacri femminili da bruciare, rito femminicida ispirato alla Inquisizione. In tutta la penisola si moltiplicarono queste terribili figure e ritualità machiste: la Giubiana e la Casera, la Seima o Brusa la vecia,

Ode a Brie Larson, la nostra musa!

L’Unione del Potere Femminile ha reso omaggio all’eroina Brie Larson che nel lontano ottobre 2016 ebbe a twittare tutto il disagio della violenza subita da un agente aeroportuale che osò dirle che era bellissima e che le chiese se poteva avere il suo numero di telefono. Un chiaro abuso di potere maschile che la fece sentire schiacciata e vilipesa. «Mai più Befane a testimoniare l’odio di genere verso la donna. Brie grazie per averci aperto gli occhi» ha detto Stamira Caloderma firmando la nuova legge.

La calza della Befana, un chiaro simbolo fallico e di prevaricazione maschile.

E basta anche con questi odiosi simboli come la calza della Befana: quasi un trofeo di guerra appeso al camino, un’autoreggente che una volta fu sexy su una giovane gamba, un indumento intimo svelato. E ancora, la grande somiglianza della calza della befana al preservativo, ne fa un’arma letale nelle mani dell’uomo per assoggettare, svilire, punire, umiliare. E insegnare questo svilimento ai giovani alle loro fragili menti. Torrone se sei giovane e gnocca, Carbone se sei vecchia e brutta.

La gonna lunga e rattoppata, una casalinga con il grembiule

La donna brutta e vecchia deve essere, in questa fallocrazia, anche malvestita, ovviamente. E allora spiegatecelo, dai: perché Babbo Natale è un ricco signore con sindrome metabolica e con cappa in velluto rosso, mentre la Befana indossa la gonnona rattoppata? Perché indossa il grembiule eh? Perché merita di essere solo una casalinga sfruttata e nulla più. China sui piatti! così gli uomini volevano tenere la donna non sexy ancora all’inizio di questo millennio. E allora eccola di nuovo la Befana, con quello scialle di lana pesante a coprire la ricurva schiena.

Il fazzolettone, l’ombra del terrore islamico

La Befana stando all’Antica Enciclopedia Wikipedia, usa «esclusivamente un fazzolettone di stoffa pesante (la pezzóla) o uno sciarpone di lana annodato in modo vistoso sotto il mento». E qui, signori, siamo di fronte a chiarissime influenze di censura culturale, di razzismo e islamofobia. Cos’altro è questo fazzolettone se non un ammiccamento alla donna islamica? Infischiandosene della necessità di un corretto scambio interculturale la tradizione befanesca addita la donna islamica come brutta vecchia. Che vergogna.

La scopa, meglio sorvolare

Tralasciamo la potente metafora sessuale della scopa. Anche lì, poi, Babbo Natale è il ricco possidente con la slitta turbo e la Befana una vecchia scopa di saggina. E vabbè. Non si può che considerare questa abolizione un grande atto di civiltà.

Buona Epifania, millennial!

LEGGI ANCHE:

Donne, ma perché andate sempre al bagno insieme?

Come comportarsi al matrimonio della ex

Perché masturbarsi di fronte a lei è una vera pirlata

 

 

Potrebbe interessarti

Scarpe V design: lusso intelligente per Millennial dal cucchiaio di legno
Moda
7 condivisioni70 visualizzazioni
Moda
7 condivisioni70 visualizzazioni

Scarpe V design: lusso intelligente per Millennial dal cucchiaio di legno

Consuelo Crespi - 20 ottobre 2018

Le scarpe V design sono un connubio di lusso e minimalismo, e un ritorno all’artigianalità italiana. Per Millennial che, al…

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  
Cultura
2 condivisioni54 visualizzazioni
Cultura
2 condivisioni54 visualizzazioni

Something in the Way testo: i Nirvana ci hanno rovinato l’adolescenza  

Consuelo Crespi - 19 ottobre 2018

Questa mattina mi sono svegliata e, scrollando le varie pagine social, una notizia spaventosa mi è capitata davanti agli occhi. “NIRVANA REUNITED”, con l’immagine…

Euforia, il nuovo film di Valeria Golino: il coitus interruptus della morte
Arte
2 condivisioni59 visualizzazioni
Arte
2 condivisioni59 visualizzazioni

Euforia, il nuovo film di Valeria Golino: il coitus interruptus della morte

Valeria Mangano - 19 ottobre 2018

Euforia è il nuovo film di Valeria Golino, seconda opera dopo l’esordio alla regia con Miele (2013). Se state immaginando…