Non si sa bene come, ma in Islanda la gente fuma meno cannabis

The Millennialist
26 Aprile 2017
2175 Visualizzazioni

Già da tempo In Islanda l’alcol era considerato lo sballo più cheap. Per non parlar delle sigarette, peraltro care a bestia. Ora è la cannabis che sembra essere considerata una droga da cialtroni. Ok, direte, avranno scoperto un lichene con degli alcaloidi.  E invece no, sembra tutta farina del sacco del governo dell’Islanda.

I dati sull’uso di cannabis tra i giovani resi noti in questi giorni dipingono un paesaggio quasi ideale nel paese nordico, una rehab con i geyser, dove solo il 5% dei giovani tra i 14 e i 16 anni dichiara di avere bevuto alcol nel mese precedente. Allo stesso modo, solo il 3% afferma di aver fumato una sigaretta al giorno e il 7% di essersi fatto una canna almeno una volta negli ultimi 30 giorni.

Sul tema della droga, l’Islanda, non è sempre stato un paese “modello”…

Al contrario, verso la fine degli anni Novanta, è stato classificato come lo stato europeo con la più alta incidenza di alcol e tabacco tra gli adolescenti. Come ha fatto allora questo paese a mettere in riga la generazione dei millennial e, a seguire, tutti gli altri?

Tutto è iniziato con un piano lanciato nel 1998, con l’obiettivo di ridurre l’abuso di sostanze stupefacenti tra i giovani. Si trattava di un vero e proprio programma nazionale di recupero. L’Islanda diventò la San Patrignano dell’Atlantico. Il piano era così strutturato:

  • Divieto di pubblicità per qualsiasi tipologia di tabacco;
  • Divieto di pubblicità per tutte le bevande alcoliche;
  • Divieto di vendita di sigarette ai minori di 18 anni;
  • Divieto di vendita di alcol ai minori di 20 anni;
  • Coprifuoco per i giovani compresi tra i 13 e 16 anni;
  • Introduzione di attività extra scolastiche per aumentare le passioni e diminuire le trasgressioni

È così che oggi l’Islanda ha vinto sulla droga, registrando una vittoria contro le dipendenze da droga e alcol rispetto a un decennio fa. In compenso i giovani leggono Heidegger tutto il giorno e fanno 6-7 corsi di ceramica all’anno. Forse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

cinque × tre =