fbpx

Come funziona il primo ministero del metaverso?

28 Aprile 2022
196 Visualizzazioni

Cosa succede quando il ministero dello sviluppo sostenibile del tuo Paese non fa nulla per combattere la crisi climatica? Semplice, ne crei uno tu, con sede nel metaverso. È quanto è successo in Bulgaria, dove la Wunderman Thompson Sofia e la MOVE.BG Foundation hanno lanciato il primo ministero senza indirizzo, costruito con il programma Spatial.IO. 

Il nome completo è “Ministero per la transizione climatica” e l’obiettivo è quello di fare pressioni sul governo affinché includa il discorso climatico in tutti i ministeri della Bulgaria, molto in ritardo sulla questione dello sviluppo sostenibile. Oltre il 60% dell’elettricità prodotta nel Paese deriva dalle centrali a carbone, energia costosa che danneggia la salute dei cittadini; non solo, la Bulgaria ha inoltre un grosso problema con la protezione della biodiversità: secondo i dati riportati dai fondatori, il 34% delle specie animali e il 61% delle foreste presenti sul territorio nazionale sono a rischio estinzione. 

Ma come funziona esattamente il ministero?

Gli obiettivi del primo ministero del metaverso

“Durante la pianificazione della campagna, ci siamo resi conto che tutti i ministeri in Bulgaria hanno qualcosa in comune: un luogo fisico, un edificio con un indirizzo. Quindi, per dimostrare la necessità di questo nuovo ministero, abbiamo creato il primo senza indirizzo e, così facendo, abbiamo creato il primo ministero nel metaverso, per accendere la conversazione e, si spera, rendere questo ministero una realtà in Bulgaria,” hanno spiegato al blog lbbonline Ivan Totev e Dimitar S. Stefanov, direttori creativi di Wunderman Thompson Sofia. 

Sul sito del ministero è possibile consultare il programma politico-climatico, nel quale gli organizzatori hanno stilato una lista delle prossime mosse da intraprendere. Tra gli obiettivi più importanti ci sono: lo sviluppo delle innovazioni verdi, la realizzazione degli obiettivi climatici europei, la limitazione degli effetti del cambiamento climatico sulle persone e sulla natura (compresa la politica di adattamento), e la preservazione della natura e delle sue risorse

“La Bulgaria fa ancora affidamento sul carbone – hanno affermato Totev e Stefanov – è diventato evidente che il nostro Paese ha bisogno di un piano chiaro e unificato per la transizione verde e le misure climatiche. Tutto questo potrebbe essere risolto con l’aiuto di un ministero per la transizione climatica e la trasformazione verde”.

Insieme per un futuro più verde

Il ministero senza indirizzo è raggiungibile al sito metaministry.bg, dall’anno della sua fondazione, il 2021, non ha mai smesso di operare, creando con il tempo campagne sempre più mirate, l’ultima è stata organizzata all’inizio di aprile 2022. Ovviamente il meta ministero si impegna ad essere carbon neutral, e ad operare finché non verrà creato il suo corrispettivo nel mondo fisico.

“La Bulgaria ha il potenziale per diventare uno dei leader nello sviluppo sostenibile, ma dobbiamo rendere orizzontale l’approccio alla politica sostenibile: l’agenda climatica dovrebbe far parte del programma di ogni istituzione statale – ha spiegato Sasha Bezuhanova, fondatrice e presidente di MOVE.BG – Il nostro ministero del metaverso mostra le soluzioni e invita il governo a fare riforme olistiche a lungo termine, unendo clima ed economia. È solo rendendo più verde l’economia e mobilitando il coinvolgimento di ampie parti interessate che saremo in grado di garantire un futuro prospero per il nostro Paese”.