fbpx

Macron fa l’occhiolino ai millennial, francesi senza benzina per rispetto dell’ambiente

9 Febbraio 2021
687 Visualizzazioni

Recentemente la Banca di Francia ha dichiarato che entro il 2024 smetterà di investire in petrolio, carbone e gas.

Si sposterà verso attività più rispettose dell’ambiente. Tutto questo rientra in quelle tendenza assunta da molte banche centrali, che si stanno impegnando a rendere più verdi i loro portafogli di investimento per incoraggiare la finanza ad avere rispetto del pianeta. 

Loi climat, la legge sull’ambiente di Macron

Ma soprattutto la decisione tiene conto della Loi climat, la legge sull’ambiente che il presidente Emmanuel Macron ha messo a punto e che deve essere approvata non senza insidie. Una legge che per Macron rappresenta una sfida: se andrà in porto lui diventerà il leader globale nella lotta ambientale, ma in cambio della poltrona alle presidenziali del 2022. 

Già dal 2018 la Banca di Francia ha dato il via a un progetto di riforma, implementando un approccio responsabile sui propri investimenti (22 miliardi di euro).  In questo contesto, ha già escluso le aziende che estraggono carbone o producono energia da carbone, dove più del 20% del fatturato è legato al carbone termico.

In pratica, però, l’istituto monetario esclude già qualsiasi azienda il cui carbone rappresenta più del 10% del suo fatturato e “questa soglia sarà abbassata al 2% alla fine del 2021 prima di essere ridotta allo 0% alla fine del 2024”, almeno così recita il comunicato.

Questo significa che potenzialmente la banca centrale potrebbe evitare il gruppo energetico francese Total, colosso della benzina.

I francesi resteranno senza benzina?

I francesi resteranno senza benzina? Chi lo sa. Sta di fatto, però, che già da quest’anno è in previsione che la Banca di Francia in qualità di azionista voterà contro eventuali nuovi progetti sui combustibili fossili delle società in cui investe.

Inoltre volterà le spalle a quelle società che traggono il 10% dei loro ricavi da petrolio o gas di scisto, sabbie bituminose o esplorazione nell’Artico o in acque profonde. Non ha però specificato quali saranno i nuovi settori in cui investirà il proprio portafoglio.