fbpx

Per fortuna i gen Z sono generosi fino al midollo

18 Settembre 2021
161 Visualizzazioni

Non solo ambiente e volontariato, quando c’è da dare la gen Z è in prima linea. Le donazioni biologiche non costano nulla, sono le più economiche, ma salvano vite. 

Inizia la settimana per la donazione del midollo osseo (18-25 settembre) e Skuola.net in collaborazione col Centro Nazionale Trapianti ha realizzato una ricerca che ha coinvolto 1.500 ragazzi della gen Z.

Voi direte perché la generazione Z e non i millennial? Siete gelosi? Ecco, il midollo osseo può essere donato solo fino a 35 anni. Ecco che diventa cruciale dialogare con la gen Z.

I millennial sono bravi tanto quanto i più giovani a prendersi a cuore le cause sociali, combattiamo insieme, diversi, come Asterix ed Obelix, per un mondo migliore, diverso da quello dei boomer.

Le donazioni biologiche per i gen Z

Se pensiamo alla gen Z però pensiamo a Greta Thumberg, Greta=#salviAMOilpianeta

Poi c’è Madame=LGBTQ+ e chi vuoi tu.

Vero! In cima alla classifica delle cause sociali ci sono la tutela dell’ambiente, la lotta per i diritti civili e la difesa degli animali (i panda stanno perdendo punti).

In quarta posizione però troviamo proprio le donazioni biologiche (sangue compreso).
Donazioni che precedono il volontariato, l’impegno politico e quelle in denaro.

Sarò un millennial onesto. Sapendo che la gen Z è cresciuta con i Barbapapà, che la spina dorsale non ce l’hanno, non mi aspettavo tutto questo coraggio da parte loro.

Sì, perché secondo me un po’ di fegato ci vuole oltre che di midollo e i dati sono una piacevole novità: l’80% della gen Z vorrebbero conoscere o approfondire ulteriormente il funzionamento della procedura per mettersi al servizio di chi ne ha bisogno. Ben 3 su 4 sono favorevoli a donare. 

Ma… ma cosa?

Ma… Non conoscono l’argomento, non sanno dove e come procedere. I tweet e gli hashtag che parlando del trapianto di midollo osseo non sono popolari come quelli a tema ambiente. 

L’importanza di donare il midollo

Molti pensano che non ce n’è bisogno, il midollo puoi prelevarlo da un famigliare. Sbagliato! Si ha solo il 25% di possibilità di compatibilità in famiglia. Fuori da essa? Lo 0,001% (1 persona su 100 mila). Quindi sì potete salvare sicuramente qualcuno.

Evidentemente gli spaventosi mostri di Ben Ten li hanno resi più coraggiosi di quello che potessimo pensare. Perché è così importante sapere che la gen Z è così predisposta alle donazioni di midollo osseo?

Innanzitutto per informare, nelle scuole e nelle università, potrebbe salvare la vostra vita o quella di un vostro caro congiunto (cit. Conte).

Alle superiori avevo un compagno che riceveva il midollo dalla sorella e mai nessuno che ci abbia spiegato l’importanza di questa pratica. Davvero un’occasione mancata di insegnamento utile.

Come prenotarsi per donare il midollo?

Inoltre per promuovere questa pratica a lavoro: potete offrire la possibilità di prendersi due giorni di ferie a chiunque si offra per donare, incentivando la pratica, così che il dipendente si senta doppiamente gratificato. 

Prenotare è semplice, la pratica è sicura: potete iscrivervi qui approfittando di questa settimana e diventare donatore.

La botta di endorfine che avrete indietro è un toccasana contro lo stress da covid.

Leggi anche: