Gomblotto! Met Gala 2019 è un ritrovo degli Illuminati. Ecco le prove

Avatar
7 Maggio 2019
518 Visualizzazioni

Anche quest’anno si è tenuto il Met Gala 2019, l’americanata per eccellenza. Per anni ho pensato che celebrasse semplicemente la stupidità del pianeta, ma in realtà è molto di più. E’ qualcosa di misterioso e inspiegabile e quando qualcosa non è chiaro ha sicuramente a che vedere col COMPLOTTO. Dopo vari ragionamenti sotto la doccia ho capito che il Met Gala 2019 non è nient’altro che una setta governata dagli Illuminati. I segnali sono ovunque, basta saperli cogliere.

 

 

Primo COMPLOTTO – Il Met Museum

La parola Met è composta da tre parole, ovviamente un modo segreto per comunicare che si tratta di un ritrovo degli Illuminati. Si sa che loro sono ossessionati da questo numero, per questo hanno deciso di tenere il loro ritrovo annuale proprio all’interno del Met Gala 2019. Infatti se metti la M in alto, la E e la T nell’estremità più basse, formi proprio un triangolo, il simbolo per eccellenza degli illuminati.

 

Secondo COMPLOTTO – L’outfit di Katy Perry

Già la madre di Katy Perry aveva cercato di avvertirci anni fa, sostenendo di sentire vibrazioni negative intorno alla figlia: “Satana me la sta portando via, aiutatemi” aveva dichiarato ai tabloid americani. Oggi, Katy Perry con il suo vestito da candelabro ci da l’ennesima conferma di appartenere ad una setta. Gli illuminati si definiscono portatori di luce ma di una luminosità talmente potente da nascondere la verità, per questo Katy Perry si è riempita di lampadine di cristallo concentrando l’attenzione sul suo outfit stravagante. Che senso avrebbe indossare un vestito così ridicolo se non per nascondere sotterfugi mentre la stampa è intenta a fotografarla?

 

Terzo COMPLOTTO – Camp, il tema del Met Gala

Qualcuno ha capito qualcosa del tema Camp? No, ennesima prova che gli Illuminati cercano di confonderci con i metodi più subdoli. Nemmeno gli ospiti hanno colto a pieno il messaggio e si sono dati al no-sense sulla passerella. Lady Gaga ha cambiato 4 volte l’abito per non sbagliare.
Il termine Camp è stato coniato da Susan Sontag e significa: “Amore innaturale per cose artificiali ed esagerate” Non vi sembrano le basi del consumismo inventato dagli Americani? Questo è ciò di cui hanno discusso, o meglio complottato, gli invitati del Met Gala 2019: nuovi metodi e strategie per farlo durare in eterno.

 

Quarto COMPLOTTO – L’outfit di Billy Porter

Gli illuminati amano l’Egitto e tutti i simboli attribuiti alla civiltà più misteriosa della storia, come la piramide o l’occhio di Osiride il dio del Sole.

Billy Porter è così furbo da essersi vestito proprio da dio del Sole, facendo il suo ingresso trasportato da 6 uomini a petto nudo. Poi dite che uno non deve pensare ai complotti, ma loro non cercano nemmeno di nasconderlo, su via.

 

Quinto COMPLOTTO – cosa succede nel museo?

Ci sono video di quello che succede dentro il museo? Li vediamo tutti raggianti sul Red Carpet, postano foto, fanno stories… ma dopo dove vanno? Qualcuno me lo dice? Quando una cosa non è fatta alla luce del sole, è perchè c’è qualcosa da nascondere. Si ritrovano tutti dentro ad un luogo pieno di cultura e simboli appartenenti ad antichissime epoche storiche: una sezione è dedicata agli oggetti della corte di Versailles. Probabilmente verrano usati per riti di sangue e sacrifici in cambio di successo e potere. Cosa ne può sapere, onestamente, Kim Kardashian, delle ceramiche di Luigi XIV.

 

Ultimo COMPLOTTO – Anna Wintour

Per me Anna Wintour è una delle donne più spaventose d’America, le hanno pure dedicato un film, intitolandolo Il Diavolo veste Prada. A questo punto non credo fosse un modo per esprimere la sua cattiveria, ma un vero e proprio dato di fatto. E’ lei il fulcro della malvagità del Met Gala 2019. Ogni anno organizza ed inscena questo show dell’occulto, portando la setta degli illuminati al suo cospetto. Fa parte del suo gioco di potere, si prende gioco dell’élite vestendola da pagliaccio. Loro si credono cool ma è solo la perversione della sua creatrice che si manifesta. Vi siete chiesti perchè non è mai sopra le righe e indossa un vestito sobrio con un caschetto perfettamente piastrato? Nelle sale del museo li comanderà tutti come un burattinaio comanda i suoi pupazzetti, finché il rito non avrà fine, e tutti crederanno ancora una volta che lei è la più esperta del fashion businnes.

 

LEGGI ANCHE:

Nel testo C’est la vie di Achille Lauro c’è cuore o soltanto una certa voglia di piacere?

Catalogo dei MILLENNIAL #29 Chi è Achille Lauro. 

Chi è Mahmood, il cantautore moroccan pop vincitore di Sanremo