Google Maps a favore delle sedie a rotelle. Ma anche di trolley e tacchi 12

Alice Busi
22 Settembre 2017
1959 Visualizzazioni

Google Maps ha deciso di ascoltare le tante lamentele dei portatori di handicap: ha finalmente inserito percorsi più accessibili per chi è costretto a girare su una sedia a rotelle. E se la cosa fosse una buona notizia, non solo per l’etica ma pure per la pratica, anche per te che cammini?

Da oggi gli utenti di Google Maps potranno rispondere a 5 domande su un luogo specifico, nella pagina “i tuoi contributi”. Non vi preoccupate, nulla di complicato, solo cose come “Esiste un ingresso accessibile con le sedie a rotelle?” o “Ci sono posti a sedere riservati ai disabili?”. Tutte le risposte saranno visibili nella descrizione del luogo, scorrendo verso il basso.

Però questa non è solo una bella ruotata in avanti per i portatori di handicap, è anche un passo in avanti per i non portatori di handicap. Ecco 5 situazioni in cui le barriere architettoniche sono ostacoli, se non insuperabili quantomeno insopportabili, per CHIUNQUE ma da oggi potranno essere aggirate grazie alle migliorie di Google Maps:

  1. Vi è mai successo di avere troppi sacchetti della spesa, troppo pesanti da portare a casa, a piedi ed essere soli? No?! Beh a me sì! Le soluzioni sono due: noleggiare un car-sharing, ma poi trovare parcheggio vicino al portone di casa è impossibile e quindi sei di nuovo al punto di partenza; oppure prendere in prestito un carrello dal supermercato e avviarsi verso casa così. Inutile dire che non è mai stata una passeggiata trovare strade facilmente accessibili, ma ora sarà un gioco da ragazzi!
  2. Sei appena uscito dalla palestra, hai fatto 200 squat con 90 chili sulle spalle, devi prendere la metro per tornare a casa, ma chi te lo fa fare di fare le scale? Scopri con questa nuova funzione di Google Maps se ci sono le scale mobili!
  3. Per non parlare di quando c’è sciopero di taxi e mezzi pubblici, che sei costretto ad andare in stazione a piedi, con i trolley e pure di corsa per non perdere il treno e le ruote sbandano ogni due per tre. Grazie a questa novità su Google Maps, sarà più semplice trovare il percorso più veloce e più facile da affrontare con i trolley.
  4. Quante volte ho imprecato quando portavo mia sorella di due anni sul passeggino al parchetto a giocare! Tutte buche e scalini che con l’inglesina non erano proprio il massimo. Adesso saprei come semplificarmi la vita, peccato che mia sorella ora abbia 5 anni, pesi 20 chili e sul passeggino non ci stia più.
  5. Ma alle ragazze che il sabato sera vogliono andare a ballare con il tacco 12, senza rompersi una caviglia non pensa mai nessuno? Ecco trovata la soluzione.

 

Questa è chiaramente una lista ironica (e altamente cinica), volta a far divertire. Non vi è nessun intento di offesa, ma anzi è un modo per diffondere questa funzione new entry in Google maps, che sicuramente aiuterà le persone diversamente abili ad uscire di casa consci di un aiuto in più.

 

Leggi anche: Proprietà dello zenzero: condimento per sbronze fighette o panacea autunnale?