fbpx

Gli influencer perfetti spariranno dai social nel 2022

21 Gennaio 2022
921 Visualizzazioni

Il 2022 segnerà la fine degli scatti perfetti sui social media? Forse, di sicuro vedremo un’inversione di tendenza, millennial e gen Z sono stufi della perfezione.

“I’m so fuckin’ sick and tired of the Photoshop (…) Show me somethin’ natural like ass with some stretch marks”

Kendrick Lamar

In questi tempi bui, tutto è confuso ma, anni or sono, nella preistoria di internet, la distinzione tra il contenuto di Instagram e di TikTok era chiaro.

Instagram = modella perfetta di 27 anni con pelle perfetta col costume perfetto sulla spiaggia perfetta.

TikTok = adolescente brufolosa che ballava in casa col pigiama.

Con l’arrivo delle chiusure, dovute al covid, il divario, per ovvie ragioni, si è assottigliato e e ha lasciato fuori dalla porta il trucco, le spiagge e i filtri sui social.

“Pelle perfetta, zigomi strutturati, sopracciglia perfettamente curate e post che suscitano aria di mistero”

Questa era la definizione di influencer nel 2019 secondo Adweek

Ecco, questa è una definizione ormai desueta; gli utenti cercano più verità e meno mondo rose e fiori. Questo forse perché, con i morti e i carri armati nelle strade, qualcosa si è rotto anche nella percezione. Un contraccolpo enorme per marchi e influencer.

Bramiamo il vero non influencer perfetti

La gen Z, secondo i sondaggi, è meno interessata agli influencer e alle notizie sulle celebrità rispetto all’anno scorso. Non gli interessa neanche impressionare gli altri, al contrario prediligono chi si schiera e lotta per delle cause sociali. 

Nonostante ciò, un terzo degli utenti è più disposto a fidarsi di un influencer se conosce le sue difficoltà; percentuale che arriva al 44% se gli influencer mostrano come si sentono davvero, anche i loro drammi e la vita familiare, non solo toxic positivity insomma.

Quest’anno, la ginnasta millennial Simone Biles si è ritirata dalle Olimpiadi nell’interesse della sua salute mentale. Sembrerebbe questo un fallimento in termini di visibilità o di ammirazione. La piattaforma AI HypeAuditor ha scoperto, al contrario, che la reazione sui social media è stata favorevole; dal 26 luglio al 2 agosto, infatti, la Bile ha guadagnato più di 1,8 milioni di follower su Instagram.

Sempre ai Giochi Olimpici di Tokyo, il campione britannico subacqueo Tom Daley è stato visto lavorare a maglia sugli gli spalti; nonostante ciò non lo renda un figo pazzesco, lo fa apparire umano (e un po’ sfigato agli occhi dei più).

Ogni influencer o atleta avrà lottato, emotivamente o fisicamente, a un certo punto. Condividere questo aspetto della loro vita magari non sporca un profilo altrimenti perfetto, ma lo riporta anche con i piedi per terra agli occhi dei seguaci. Questo oggi piace.

I filtri e le foto perfette per influencer perfetti

Dal 2020, Europa e Nord America hanno registrato un calo nella percentuale di utenti che applicano filtri su Instagram, Snapchat e TikTok. Al contrario medio oriente e asia hanno assistito a numerosi aumenti.

Circa 1 utente su 5 desidera vedere le immagini delle persone che seguono senza filtri.  Quest’anno, la Norvegia ha reso illegale per gli influencer condividere foto ritoccate senza un disclaimer, e questa linea di pensiero sta prendendo sempre più piede anche tra gli spettatori. 

Un numero crescente di marchi lavora in partnership a lungo termine con gli influencer, piuttosto che su singoli progetti, proprio per rappresentarsi come più autentici.

+ cultura – culturismo

C’è una nuova specie di influencer che sta prendendo piede nella giungla dei social. Gli influencer che non vogliono venderti nulla ma solo condividere idee  Genuininfluencers” e quelli che puntano sulla cultura, “cultural influencers”; tra questi ultimi anche Elisabetta Roncati che abbiamo avuto modo di intervistare.

Un influencer di cultura e non di soli prodotti beauty sembra già un passo avanti verso un internet migliore.

“La nuova estetica non è sempre esteticamente piacevole”

Fonti usate per questo articolo
Vogue business; GWI Connecting the dots 2022Fjord Trends 2022

 

 

Leggi anche: