fbpx

Quello che possiamo fare per l’Ucraina secondo J-Ax (che ha ragione)

27 Febbraio 2022
969 Visualizzazioni

Ucraina oggi, Jugoslavia ieri.

J-Ax ha pubblicato un video appello di due minuti scarsi su Instagram, tema? Guerra in Ucraina e colpe generazionali. Le parole del rapper appaiono come il frutto di una riflessione interiore che, a partire da quanto sta accadendo oggi tra Russia e Ucraina, lo porta a formulare una richiesta di perdono ai più giovani. Proprio loro, i ragazzi, per quanto spaventati, restano l’unica vera speranza di cambiamento.

«Vorrei dire una cosa ai ragazzi che mi stanno guardando, perché quello che sta accadendo in Ucraina è sconvolgente. E sono sicuro che molti sono spaventati. La guerra – dice J-Ax – è tornata in Europa, purtroppo non possiamo dire “arrivata” viste le precedenti. Voi magari siete troppo giovani per averle vissute ma la mia generazione ha convissuto con il dramma della guerra nella ex Jugoslavia per tutti gli anni ’90. Però, quello che sta accadendo in Ucraina ci appare paradossalmente ancora più vicino, oggi».

«Certo, anche ai tempi la guerra era costantemente sui giornali e nelle tv, però era facile per molti fare finta di niente. Ora invece – ricorda – vediamo le mamme che scappano con i propri bambini nelle nostre Instagram stories. Vediamo le bombe cadere sopra Kiev nei video postati su Twitter. È una follia incomprensibile e la frustrazione di non poter fare niente per aiutare è reale. È qui in mano».

«Il popolo ucraino lo conosciamo anche bene. In tanti vivono nel nostro paese. Il loro arrivo – prosegue il rapper – ci ha permesso di vedere da vicino quanto siano speciali. Molti di loro si prendono cura delle nostre famiglie e vederli soffrire pensando a figli e persone care sotto ai bombardamenti, è davvero incredibile e ingiusto».

«Mi ha anche colpito il coraggio dei russi scesi in strada per protestare contro l’invasione. Erano in maggior parte ragazzi. Come sempre in questi giorni – sottolinea con un filo di speranza – sono i ragazzi quelli che vediamo protestare: per il clima, contro le ingiustizie sociali, contro la guerra. La mia tristezza più grande è vedere come noi adulti stiamo distruggendo questo mondo invece di lasciarlo ai nostri figli in una condizione migliore».

«Di questo, appunto da persona “grande”, adulta, io voglio chiedervi scusa. Non so cosa succederà nelle prossime settimane, quello che voglio dire è questo: portiamo almeno rispetto per il dolore che 44 milioni di persone stanno vivendo. Non abbiamo bisogno di “meme”, di battute sulle bombe, di video di tendenza sulla pelle della gente che soffre. Questa almeno è una cosa che possiamo fare noi. Peace», conclude J-Ax. Pace.

Il video appello di J-Ax sulla guerra Russia Ucraina

 

 

Leggi anche: