I millennial credono già di sapere come diventare leader. Ma, scusate, è un reato?

The Millennialist
15 Agosto 2018
862 Visualizzazioni

I millennial, di età compresa tra i 18 e i 34 anni, costituiscono negli USA la maggior percentuale di forza lavoro, mentre otto baby boomer su dieci sono nati all’inizio degli anni ’50 e si preparano per la pensione.

Alcuni hanno accusato i millennial di essere pigri narcisisti che vogliono tutto e subito, che credono di sapere già come diventare leader nonostante la relativamente ridotta maturità lavorativa.

Tuttavia, gli studi dimostrano che i nostri eroi non hanno desideri troppo diversi da qualsiasi altra generazione che li ha preceduti. Sono cresciuti con il mondo a portata di mano grazie alla tecnologia, ecco la sola (nevralgica) differenza.

Il raggiungimento della maggiore età a ridosso della Grande Recessione e dell’11 settembre ha reso molti millennial realistici e pratici quando si trattava di cercare lavoro, e ora tanti tra loro, a torto o a ragione, sono convinti di avere collezionato tutte le risposte alla fatidica domanda su come diventare leader.

Secondo il rapporto Gallup del 2016, negli USA i millennial cambiano lavoro tre volte più spesso delle altre generazioni: il costo per l’economia è di $ 30,5 miliardi ogni anno. Li chiamano “hopper“, cioè saltatori.

Questi saltatori di scrivanie sono però disposti a prendere il comando nonostante cambino azienda come cambiano i calzini.

I boomer si ritirano, i millennial vogliono andare a comandare – ma avrebbero bisogno di una politica che agevolasse il passaggio.

Per uno studio di WorkplaceTrends.com, il 91% dei millennial aspira a raggiungere posizioni di leadership. Lo studio ha anche rilevato che il 58% di loro ritiene che una buona capacità comunicativa sia imprescindibile per essere un capo come si deve. E il 51% di loro ritiene di avere quel tratto, pensa un po’.

Nel frattempo, i millennial guardano gli imprenditori della loro età conquistare il mondo pezzo per pezzo, vedi David Karp con Tumblr o Mark Zuckerburg con Facebook – gente che ha dimostrato con i fatti come diventare leader. Molti millennial in effetti sono già mega boss di successo, almeno in America, eppure nel complesso la loro generazione non si sente valorizzata a sufficienza.

Se la capacità di innovazione di un’azienda influenza il 78% dei millennial al momento di cambiare lavoro, il 54% degli appartenenti alla generazione Y vorrebbe avviare una propria attività. Tutti imprenditori, insomma.

Ovviamente tutta questa analisi non tiene conto della concreta eventualità dell’Apocalisse.

 

LEGGI ANCHE:

Aristotele è un influencer che (forse) può spiegarti come diventare imprenditore stile Gianluca Vacchi

Come diventare imprenditore: i libri da leggere 

Giocare in borsa all’epoca dei robot ti trasformerà in un Tafazzi finanziario