Perché dopo il Covid-19 i millennial dovrebbero diventare tutti come Brian Chesky di Airbnb

Avatar
19 Maggio 2020
718 Visualizzazioni

Brian Chesky è il millennial che ha fondato Airbnb nel lontano 2007. Aveva 26 anni. Oggi ne ha 38 (è del 1981) e il suo patrimonio è di 4,1 miliardi di dollari. Ecco che cosa pare aver imparato dalla Pandemia Covid-19

Era evidente che la Pandemia del Covid-19 avrebbe cambiato la vita di Brian Chesky. Come può non cambiarti se sei uno che ha rivoluzionato il business dell’ospitalità e delle vacanze in tutto il mondo?

Da molte settimane ormai nessuno viaggia. Si esce a malapena dalle proprie città. Le prenotazioni di Airbnb sono state quasi tutte cancellate, azzerando ogni guadagno degli host di questa smart community. Il primo impatto della crisi su Airbnb è stato il licenziamento del 25% del personale.

Brian Chesky ha scritto una lettera ai dipendenti. Colpisce perché non è di circostanza come spesso accade nelle lettere dei CEO. Non è ambivalente, è molto paritaria e corretta. E molto dura perché parla della necessità di licenziare 1900 sui 7500 dipendenti.

È una lettera che fa pensare al senso di responsabilità che richiede una leadership come la sua.

Per prima cosa ha scritto la cosa più importante, raccomandando alle persone di non incolpare se stesse

Queste decisioni non riflettono il lavoro svolto dalle persone in questi team e non significa che tutti in questi team chiuderanno.

Non appena sei licenziato, anche se sei uno che va al lavoro in Ferrari, ti incolpi.

Succede perché non si trova mai un motivo valido per l’accaduto. Perché non avevi capito i segnali di ciò che sarebbe accaduto nel tuo posto di lavoro, o nel mondo. E ne concludi con una bella crisi di autostima, del tipo che ti svegli la mattina convinto di essere una merda.

Brian Chesky ha voluto come prima cosa dire ai suoi dipendenti che non era colpa loro, dei loro demeriti o delle scarse prestazioni. Nessuno li voleva mettere in discussione.

Ma tutta la lunga lettera ha questo tono. La sua autenticità è convincente, la sua rivoluzione interiore è tangibile. E se fosse il vero apripista per una nuova

Ecco l’intero testo:

Questa è la mia settima volta che vi parlo da casa mia. L’ho fatto per condividere buone notizie e cattive notizie. Oggi devo condividere notizie molto tristi. 

Quando mi avete chiesto dei licenziamenti, ho detto che nulla era da escludere. Oggi, devo confermare che stiamo riducendo le dimensioni della forza lavoro di Airbnb

Per un’azienda come noi, la cui missione è incentrata sull’appartenenza, questo è incredibilmente difficile da affrontare. Ma sarà ancora più difficile per coloro che dovranno lasciare Airbnb. Condividerò quanti più dettagli possibile su come sono arrivato a questa decisione, cosa stiamo facendo per chi se ne va e cosa accadrà dopo. 

Vorrei iniziare con come siamo arrivati ​​a questa decisione. 

Stiamo vivendo la crisi più straziante della nostra vita. Il viaggio intorno al mondo è stato fermato proprio mentre stava per cominciare.

L’attività di Airbnb è stata duramente colpita, con entrate previste quest’anno per meno della metà di quelle che abbiamo guadagnato nel 2019. In risposta, abbiamo raccolto due miliardi di dollari di capitale e ridotto drasticamente i costi toccando quasi ogni settore di Airbnb

Mentre queste azioni richiedevano interventi immediati, è diventato chiaro che servivano ancora sacrifici di fronte a due crude verità:

  1. Non sappiamo esattamente quando si tornerà a viaggiare. 
  2. Quando le persone torneranno a viaggiare, questa attività avrà un’altra faccia.

L’attività di Airbnb si riprenderà completamente, ma i cambiamenti che subirà non sono da considerarsi temporanei o di breve durata. Per questo motivo, dobbiamo portare Airbnb a ridurre le dimensioni della sua forza lavoro, per concentrarci su una strategia aziendale più mirata. 

Dei 7.500 dipendenti di Airbnb, circa 1.900 compagni di squadra dovranno lasciarci. È circa il 25% della nostra azienda. Dal momento che non possiamo permetterci di fare tutto ciò che eravamo abituati a sviluppare, questi tagli dovevano essere associati a un business più mirato. 

Un business più mirato

Viaggiare in questo nuovo mondo sarà diverso da prima. Dobbiamo fare evolvere Airbnb di conseguenza. Le persone vorranno opzioni più vicine a casa, più sicure e più convenienti. Ma la gente vorrà anche qualcosa da cui si è sentita defraudata: la connessione umana. Quando abbiamo avviato Airbnb, abbiamo puntato su appartenenza e connessione. Questa crisi riporta il nostro impegno a tornare alle nostre radici, a ciò per cui è veramente speciale Airbnb: le persone comuni che ospitano le loro case e offrono esperienze

Ciò significa che dovremo ridurre i nostri investimenti in attività che non supportano direttamente il nucleo della nostra comunità ospitante. Stiamo mettendo in pausa il nostro impegno nel settore trasporti e nella ricerca Airbnb.  Dobbiamo ridimensionare i nostri investimenti in hotel e Lux. 

Queste decisioni non riflettono il lavoro svolto dalle persone in questi team e non significa che tutti in questi team ci lasceranno. Inoltre, molti team di lavoro saranno ridotti in base alla loro utilità verso la prossima meta di Airbnb.

Come abbiamo affrontato le riduzioni  

Era importante avere una visione d’insieme dei principi, dovevamo essere guidati dai nostri valori fondamentali, per affrontare i tagli. Ecco nostri principi guida:

  • Mappare tutte le riduzioni in funzione della futura strategia aziendale e delle competenze di cui avremo bisogno.
  • Fare quanto più possibile per coloro che sono colpiti dai tagli. 
  • Essere irremovibili nel nostro impegno per la diversità. 
  • Gestire una comunicazione one-to-one con le persone colpite. 
  • Attendere di comunicare qualsiasi decisione fino a quando tutti i dettagli non saranno definiti: le informazioni incomplete possono peggiorare le cose. 

Ho fatto del mio meglio per rimanere fedele a questi principi.  

(…) Ma il risultato è che dovremo separarci da compagni di squadra che amiamo e apprezziamo. Abbiamo grandi persone che devono lasciare Airbnb e altre società saranno fortunate ad assumerle. 

Per prenderci cura di coloro che se ne stanno andando, abbiamo esaminato la singola situazione, l’assistenza sanitaria e il supporto al lavoro e abbiamo fatto del nostro meglio per trattare tutti con premura e compassione. 

Assistenza sanitaria

Nel mezzo di una crisi sanitaria globale di durata indefinita, vogliamo limitare l’onere dei costi sanitari a carico delle persone. Negli Stati Uniti, copriremo 12 mesi di assicurazione sanitaria tramite COBRA. In tutti gli altri paesi, copriremo i costi dell’assicurazione sanitaria fino alla fine del 2020. Questo perché non siamo legalmente in grado di continuare la copertura, o perché i nostri piani attuali non consentiranno un’estensione. Forniremo anche quattro mesi di aiuto psicologico attraverso KonTerra. 

Supporto al lavoro

Il nostro obiettivo è quello di collegare i compagni di squadra che lasciano Airbnb con nuove opportunità di lavoro. Ecco cinque modi in cui possiamo aiutarli:

  • Elenco dei talenti – Lanceremo un sito Web rivolto al pubblico per aiutare i compagni di squadra a trovare nuovi posti di lavoro. I dipendenti in partenza potranno avere profili, curriculum e testimonianze delle attività svolte da presentare a potenziali datori di lavoro. 
  • Alumni Placement Team – Per il resto del 2020, una parte significativa del reclutamento di Airbnb diventerà un Alumni Placement Team. I reclutatori di Airbnb forniranno supporto ai dipendenti in partenza per aiutarli a trovare il prossimo lavoro.
  • RiseSmart – Offriamo quattro mesi di servizi alla carriera attraverso RiseSmart, una società specializzata in servizi di transizione e collocamento. 
  • Stiamo incoraggiando tutti i restanti dipendenti ad aderire a un programma per aiutare i compagni di squadra in partenza a trovare un nuovo posto.
  • Computer portatili: avere un computer è importante per trovare nuovi lavori, permetteremo a tutti coloro che se ne vanno di tenere i propri laptop Apple. 

(…)

A quelli di voi che restano, 

Uno dei modi più importanti in cui possiamo onorare coloro che se ne vanno è che sappiano che il loro contributo farà sempre parte della storia di Airbnb. Sono fiducioso che il loro lavoro continuerà a vivere, proprio come Airbnb continuerà a vivere.

A te che stai lasciando Airbnb, 

Mi dispiace davvero. Ti prego di essere certo che non è colpa tua. Il mondo non smetterà mai di cercare le qualità e i talenti che hai portato ad Airbnb e che hanno contribuito a creare Airbnb. Voglio ringraziarti, dal profondo del mio cuore, per averli condivisi con noi.

Brian

Concludendo

Non è difficile immaginare che su Brian Chesky pioveranno comunque le critiche inevitabili in queste situazioni. Non siamo nemmeno certi che le sue non siano parole di circostanza. Ma la sua stessa storia lo pone di fronte alla necessità di essere umano negli affari, senza temere di esprimere una reale sofferenza per il periodo di incertezza.

Dubitiamo profondamente che in Italia sia anche solo allo studio l’idea di una leadership basata su un uso non ipocrita di compassione, umanità, trasparenza, umiltà, generosità, altruismo, onore, consapevolezza dell’imperfezione.

Ognuno di questi elementi dovrebbe diventare bagaglio dei millennial che andranno al potere in questi anni. Quelli incaricati di superare uno dei momenti più difficili della storia.

LEGGI ANCHE:

Saranno i millennial ad affossare le banche?

Il progetto di Airbnb alle Bahamas incentrato sugli anni sabbatici

I millennial che hanno dormito in una casa fatta di Lego (da Airbnb)

Il mercato immobiliare di Milano dopo il Covid-19. Uno scenario