I lavori più richiesti nella web economy del futuro: si prega imparare a memoria le job description in stile LinkedIn

Avatar
2 Agosto 2020
137 Visualizzazioni

Chi torna in ufficio a settembre e chi no. Ecco uno sguardo al futuro del lavoro. A meno che non siate medici o riders, studiatevi LinkedIn e pregate il dio Algoritmo

Ed eccoci alle prese con i nuovi modelli lavorativi: se abbiamo ritenuto essenziali lavori come il medico e il rider ciò che ha cambiato o sta cambiando tutto è il lavoro in remoto. Lo Smart working, ha reso possibile la gestione delle attività che non prevedono la presenza in ufficio.

Impiegati, insegnanti, dipendenti pubblici, studi professionali, hanno dovuto adeguarsi. C’è stato anche un italiano su tre che invece ha subito la scelta di una chiusura, con gravi ripercussioni sul reddito. Ma qualcosa accomuna i lavori in questa svolta degli aanni Venti: un utilizzo elevato della tecnologia e degli strumenti digitali.

Le piattaforme digitali di e-commerce e di distribuzione hanno permesso al settore della distribuzione di essere attivo così come gli strumenti tecnologici più avanzati hanno permesso lo smartworking per milioni di italiani.

LinkedIn Economic Graph ha fatto un’analisi worldwide delle professioni più in auge dal mese di aprile 2020 a oggi. La classifica mette al primo posto gli sviluppatori di software e poi tutti i ruoli connessi al digitale come le vendite, il digital marketing o gli analyst ovvero gli esperti di analisi dati.

Il Chief Revenue Officer (CRO) è una figura in notevole crescita nella C-suite (ovvero quelli che ruotano intorno alla figura del CEO). Confrontando le migliori competenze dei CRO quattro anni fa ad oggi, la generazione di lead è scesa dalla top 10, mentre la strategia go-to-market e la leadership inter-funzionale del team sono aumentate di importanza.

Altro professionista ricercato, ancora nella C-suite, è il CCO, ovvero il Chief Content Officer. Si tratta del ruolo più importante relativo all’ideazione, realizzazione e distribuzione dei contenuti con i quali l’azienda costruisce i suoi storytelling.

In Italia LinkedIn registra un’impennata di richieste di professioni legali. In particolare medico-legali, per le cause legate ai trattamenti durante il Covid.

Altro grande filone seguito dai recruiter è formato dai lavori connessi all’economia digitale come il ruolo di project manager o responsabile dei social media.

Leggi anche:

Saranno i millennial ad affossare le banche?

Il progetto di Airbnb alle Bahamas incentrato sugli anni sabbatici

I millennial che hanno dormito in una casa fatta di Lego (da Airbnb)

Il mercato immobiliare di Milano dopo il Covid-19. Uno scenario