Maturità 2018, le tracce e il toto-tema in un sondaggio

19 giugno 2018
3 Condivisioni 169 Visualizzazioni

«Cosa vorresti che ti chiedessero?». «Speriamo mi chiedano l’argomento a scelta». «Perché non esce una traccia su Alessandro D’Avenia?». Maturità 2018 alle porte e Generazione Z pronta ad affrontarla e con le idee chiare.

Boom economico? No, grazie. Alla Maturità 2018 le tracce dovrebbero parlare di temi attuali (e quindi conosciuti). Al 46% dei ragazzi piacerebbe scrivere un saggio breve in ambito socio-economico sulle nuove professioni digitali – youtuber, influencer e social media manager. Invece del Futurismo vorrebbero parlare di street art (37%) e di musica come mezzo per stringere relazioni (44%), per diffondere messaggi sociali (39%) e per riflettere sulle problematiche della loro generazione (36%).

Secondo uno studio di Sanpellegrino Campus, condotto su 2.500 studenti in procinto di iniziare gli esami di quinta superiore, i ragazzi online parlano delle possibili tracce della prima prova. E non tanto per scongiurare un tema su Luzi o Dante, ma più per condividere i propri “desiderata”. Largo quindi agli scrittori giovani e contemporanei come Alessandro D’Avenia (il 35% vorrebbe uscisse una traccia sul libro Ogni storia è una storia d’amore) o Chiara Gamberale (al 21% piacerebbe scrivere di Quattro etti d’amore). Chiude il podio Niccolò Ammaniti con Io non ho paura (16%). A seguire ci sono Margaret Mazzantini (15%) con Non ti muovere e Fabio Volo (13%) con È una vita che ti aspetto. Come ogni generazione, anche loro amano parlare di una cosa: relazioni. Amore e amicizia. Solo che vogliono storie moderne, più vicine alle loro esperienze.

Anche per il saggio storico-politico nella Maturità 2018 i ragazzi preferirebbero parlare di cose che conoscono direttamente: il 52% vorrebbe scrivere del web, spiegando come e perché è diventato il luogo principale per informarsi. In ambito tecnico-scientifico l’argomento preferito sono le app, il 27% vorrebbe mostrare come hanno cambiato e facilitato la vita… Noi della Generazione X invece, come i vecchi, non ne siamo così sicuri.

Riguardo la traccia storica, il tema più desiderato riguarda l’insicurezza e la paura degli attentati (58%) e le loro conseguenze, come la paura di fare un viaggio all’estero (33%), il timore di andare a un concerto (32%) e di non potersi godere momenti di svago con gli amici (28%).

La Maturità 2018: com’è percepita?

L’esame di maturità è percepito come un primo traguardo: per 1 ragazzo su 3 è infatti la prima grande prova in cui si deve dimostrare il proprio valore, per altri invece è l’ultima rogna prima delle vacanze (24%)… Solo perché non sanno cosa li aspetta con le sessioni estive degli esami di università o le settimane di ferie (non vacanze).

È proprio perché è vista come la prima vera prova della vita il 52% affronta l’inizio della maturità 2018 in uno stato di ansia e il 44% di preoccupazione. Solo il 18% si dichiara relativamente sereno e solo il 16% si sente tranquillo. La cosa che preoccupa di più è proprio la prima prova: 6 studenti su 10 fanno fatica a immaginare le possibili tracce. Mentre il 42% si sente in sovraccarico nervoso. Il 36% si trova a dover gestire vuoti di memoria mentre sta ripassando.

Niente panico, mangiate mirtilli e… in bocca al lupo (e viva il lupo) a tutti i maturandi!

Fonte dati: Sanpellegrino Campus

LEGGI ANCHE:

Potrebbe interessarti

La Milano Fashion week settembre 2018 ha riaperto la piaga delle calze femminili
Moda
33 visualizzazioni
Moda
33 visualizzazioni

La Milano Fashion week settembre 2018 ha riaperto la piaga delle calze femminili

Anna Giulia Bevilacqua - 24 settembre 2018

Nel best of della Milano Fashion Week settembre 2018 rientrano di certo i collant della collezione Moschino realizzata da Jeremy…

Festival della Statistica: i millennial non si riproducono. Rischio estinzione
Famiglia
33 visualizzazioni
Famiglia
33 visualizzazioni

Festival della Statistica: i millennial non si riproducono. Rischio estinzione

The Millennialist - 24 settembre 2018

Andate, andate nei bordelli delle bambole di silicone: fra 100 anni in Italia ci saranno solo 16 milioni di abitanti…

Morire di Selfie: la storia del fotografo che decomponeva la gente
News
2 condivisioni143 visualizzazioni
News
2 condivisioni143 visualizzazioni

Morire di Selfie: la storia del fotografo che decomponeva la gente

Mordeicani Richler - 23 settembre 2018

Morire di selfie. Racconto su un fotografo che si è suicidato per immolarsi alla suprema arte dei Millennial. Giorgio era…