Non mi disturba affatto: la piaga di non staccare mai dal lavoro e la soluzione di Corona

Liberiamo il nostro tempo!

1 maggio 2018
20 Condivisioni 714 Visualizzazioni

Italiani popolo di casalinghi. Altro che navigatori. Trascorriamo meno di un’ora al giorno all’aria aperta, una miseria. Colpa del lavoro e della tecnologia che ci fa portare incombenze e email anche a casa. Ci sentiamo in colpa a prendere giorni di ferie, se le abbiamo. Perché se sei una partita IVA…altro che senso di colpa: andare in ferie vuol dire soltanto perdere soldi. Questo è quello che è emerso dalla ricerca OnePoll commissionata da birra Corona in 11 paesi. Ma non staccare mai dal lavoro fa male.

 

In Italia hanno risposto al sondaggio 2000 persone. La reperibilità costante è motivo di preoccupazione per oltre il 73% degli intervistati: dichiarano che colleghi e superiori si aspettano la loro reperibilità anche durante i periodi di permessi e ferie. Un malessere tanto sofferto che il 41% degli italiani non inserisce nemmeno il messaggio di Out Of Office nella propria casella email. Ma soprattutto sono 3 su 4 le persone che controllano la posta anche fuori dall’orario lavorativo.

C’è un rimedio alla piaga di non staccare mai dal lavoro… bersi una Corona! Oppure aderire alla campagna lanciata dal marchio di birra WOOOHOOO. L’iniziativa è nata per spingere incoraggiare le aziende a dare tempo libero ai propri dipendenti, per staccare dalla routine quotidiana, passare tempo all’aperto e godersi più spesso un aperitivo al tramonto insieme ad amici e colleghi.

 

Si comincia da Milano questo giovedì 3 maggio in piazza Gae Aulenti. Office Break è il primo evento di welfare in piazza a cui partecipano Microsoft e Discovery insieme a Corona. Le tre aziende pagheranno un’ora libera ai propri dipendenti, da trascorrere insieme all’aperitivo. Ma tutti sono invitati a partecipare: oltre alle birre si potrà prendere parte a lezioni di yoga, ci si potrà far fare un massaggio e si ballerà grazie al djset delle PsyChic Club.

 

Se non potete partecipare, niente paura. Per la campagna WOOOHOOO Corona ha ideato anche un generatore automatico di messaggi Out of Office, disponibile sul sito www.wooohooo.com. Basta scusarsi per non essere reperibili e al lavoro! Il generatore produce un’immagine pronta per essere condivisa sul proprio PC, online o sui social, con lo scopo di informare dell’assenza dal lavoro ma anche e soprattutto far capire ai destinatari che si dovrebbe cambiare mindset e spendere più tempo all’aria aperta. Così non avrete più scuse per la vostra ossessione di non staccare mai dal lavoro. Io, per esempio, fino al 2 maggio sono ad apprezzare le piccole meraviglie della natura. Buon primo maggio, lavoratori! 

 

LEGGI ANCHE: Come diventare designer e sentirsi fighi solo durante la Design Pride al Salone del Mobile

Le migliori zone di Milano dove investire. Un’inchiesta per Millennial lungimiranti

Cocktail di tendenza 2018: finita l’era delle cannucce. Era ora! Ma forse anche quella del ghiaccio…

Potrebbe interessarti

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!
Internet
36 visualizzazioni
Internet
36 visualizzazioni

Ripercorriamo l’anno tramite i principali trend Instagram 2018: perché tutti questi cuoricini?!

Anna Giulia Bevilacqua - 14 dicembre 2018

Il 2018 volge al termine ed è arrivato il momento di tirare le somme. Ma, se per la vostra vita…

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta
News
3 condivisioni31 visualizzazioni
News
3 condivisioni31 visualizzazioni

Difendere Sfera Ebbasta: lo fanno i giornali dei vecchi ed è pubblicità occulta

The Millennialist - 13 dicembre 2018

Il cantante di Cinisello è colpevole o innocente nel caso della tragedia di Corinaldo? All'indomani della tragedia di Corinaldo, mancava…

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte
Arte
11 condivisioni52 visualizzazioni
Arte
11 condivisioni52 visualizzazioni

Il nome della rosa significato: ci ricorda che Google non ha tutte le risposte

Valeria Mangano - 13 dicembre 2018

Se dico Il nome della Rosa probabilmente pensate prima a Sean Connery e solo dopo a Umberto Eco. Questo perché…